venerdì 22 febbraio 2013

Frolla all'olio di Montersino senza uova, senza glutine, senza lattosio senza latte vaccino...Crostata con confettura alle fragole per un vero comfort food ♥

Nevica...finalmente nevica...
" candore di neve
per pulirmi l'anima
candore di idee"
haiku guardando la neve di oggi pomeriggio

Sono un po' stufa per una serie di motivi, su questo si sono aggiunti pensieri e pensierini...avevo necessità di una bella purificazione. Cosa c'è di meglio  di una bella nevicata? Eccomi accontentata!
Dulcis in fundo...nonostante il mal di testa mi ha abbia tirato un fantastico jab, oggi mentre tre cuccioli che crescono si divertivano tra Wii e cartoons, la sottoscritta ha preparato crepes con questa ricetta qui che adoro sempre di più, e raffazzonato delle pancakes, perchè questi cuccioli dovevano pur fare merenda e quindi crepes alla nutella per tutti! Quindi la nevicata mi è piaciuta e mi piace sempre di più....

"turbini freddi
pizzica il freddo i miei
neonati sogni"
haiku mentre la neve scendeva ancora

Seguendo la scia della cucinite acuta, volendo fare contenti i miei due uomini, e non solo il cucciolo, e accettando in perfetto stile chaltron il guanto di sfida lanciatomi da Libera accanto al camino, vi racconto stasera, mentre la neve fuori continua a pulire pensieri e a ricamare sogni, quello che ho impastato domenica.


Se il duo Carla ed Enzo cinguettano "Mai più SENZA" la sottoscritta chaltron woman canta a squarciagola "Con tutti i SENZA del mondo!"
Tutto nacque dal fatto che l'ingegner consorte volesse una crostata...ma domenica dopo pranzo mi son resa conto che non c'era margarina e quindi che si fa? ci si perde d'animo? certo che no e quindi frolla all'olio.
Mi era venuto in mente di rispolverare la mia frolla all'olio extravergine senza glutine che si trova su Universo Cucina, che prevede il panetto, pubblicata nel lontano 2007...pour parler...

Volevo però una cosa più veloce e allora sono andata nell'empireo googlesco e ho chiesto lumi e ho trovato ad esempio la versione di blog.giallozafferano.it (2012) anche questa con panetto, poi ho trovato la versione di Labna, foodblogger che seguo da quando ho aperto questo spazio, poi ho trovato queste due versioni abbastanza simili, una di Eleonora su Paciulina (2013) e l'altra di Monica su D. (2012), ma la chaltron woman che è in me non era poi così convinta...nel frattempo Libera mi ha detto "vai con tutti i tuoi senza: senza uovo, senza latte, senza glutine, compi la magia!"...
Il chaltron neurone si è svegliato!
Cosa ha trovato sempre nell'empireo googlesco? La frolla all'olio d'oliva senza uova di Montersino.
Sembrava facile e veloce...io, la voce a e la voce b ci siamo dette "sglutiniamola!" e la voce b di nascosto ha aggiunto " diamogli il chaltron touch!" E così è stato fatto.

Crostata con confettura di fragole fatta in casa, utilizzando la Frolla all'olio senza uovo di Montersino, senza lattosio, senza latte vaccino e senza glutine!



Ingredienti
165 g di maizena (amido di mais) §
60 g di fecola di patate §
120 g di farina di riso §
6 g di xantano§
200 g di zucchero
70 g di olio di riso
70 g di acqua
la scorza grattuggiata di un limone bio
8 g di lievito
farina di riso per spolverare
confettura di fragole fatta da me

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.


Procedimento
Il chaltron touch più grande: ho messo tutto nella planetaria, con il gancio a K in acciaio, ho lasciato che si formasse piano piano un impasto che ho spolverato con dell'altra farina di riso, diciamo circa 40 g, per ottenere poi la palla di impasto. Nella ricetta originale glutinosa è previsto un tempo di riposo in frigo fino all'indurimento, poi una breve rilavorazione.
La mia versione sglutinata non prevede riposo in frigo e lavorazione diretta.

Ho usato uno stampo da 22, ho steso la frolla sulla carta forno, ho poi steso la confettura, ho finito poi la crostata con cordoncino e griglia. Ho messo il tutto in forno caldo a 180° C, ho usato la funzione ventilato con resistenza inferiore perchè poi con la restante frolla ho fatto delle stelline, dieci in tutto, che ho cotto assieme alla crostata. Le stelline sono pronte quando le punte sono colorite, per la crostata ho aspettato che prendesse colore, direi che ci saran voluti 30-40 minuti massimo
Ah! le stelline poi le ho accoppiate con la nutella due a due come mi aveva suggerito la mia amica Paula

A me è piaciuta, ma devo provare a sostituire in parte la farina di riso che non amo troppo, il consorte ha sbafato la crostata e anche le stelline, nonostante la nutella. Quando la rifarò, aumenterò leggermente anche l'olio, non troppo, ma un cicinin in più ci sta.
Sulla via del SEMPRE PIU' SENZA vo a mettere a nanna me stessa, le voci a e b, il trigemino e pure il mal di testa...siamo una carovana! :-D
Una lieve ninna nanna per dormire meglio

Dave Brubeck  - Some day my prince will come
Tanka innevato
" sotto la neve
il tetto incanutito
saggio riposa

la casa dei miei sogni
sorride ai ricordi"


Serena notte♥






domenica 17 febbraio 2013

Zoccoletti alla ricotta senza glutine e senza latte vaccino (Bread with ricotta, gluten free and cow milk free)...dalle Dolomiti con amore ♥♥♥

Sottotitolo: ♫ ♪♫♪♫Finchè la cucinite va, lasciala andare♫ ♪♫♪♫

La domenica volge ormai al termine ...quanti accadimenti hanno visto la luce del giorno e poi il buio della notte? Tantissimi, persino un terremoto ieri sera che per fortuna non ha fatto danni, ma tanto tanto spavento...le elezioni sono sempre più vicine e come sempre si legge tutto ed il contrario di tutto, ma è già bello che si legga, quindi penso sia positivo o no?
Voce a "certo che no! possibile che tu non ti renda conto ? Ma tu alla montagna del Sapone passi la settimana bianca o ci vivi proprio?"
Ma quanto sei simpatica carissima mia voce a, ma ti nutro con estratto di vipera cornuta ?
Carnevale è finito, è iniziata la Quaresima...il Papa si è dimesso...
eh sì voce a a volte il mondo che gira vorticosamente, le cortine fumogene,  chi sale in cattedra con tante belle risposte, ma magari dovrebbe almeno ascoltare le domande, il perchè debba innalzarsi il mio livello di stress da lavoro,  il perchè debba perdere io il sonno quando la soluzione dei problemi non dipende da me, il fatto che in alcuni casi potrei tranquillamente dire "non è mia competenza", il vivere circondata da tuttologi che ignorano di non sapere...
tutto ciò voce a mi fa entrare nella fase "risparmio energetico e accumulo informazioni", quindi voce a impiega tutta la tua muscolatura masticatoria non per la fonazione, ma per la deglutizione e la masticazione...in parole più semplici voce a taci e mangia!
Ciò detto, pattinando a pelo d'acqua come fossi un Gerride ho cercato di vedere il festival di Sanremo...a me piace molto Raphael Gualazzi, mi è piaciuta la sua canzone e la sua versione di Luce di Elisa, che tra l'altro vinse il Sanremo 2001, mi è piaciuto Marco Mengoni sia quando cantava Tenco sia quando cantava la sua canzone, mi è piaciuta moltissimo l'esibizione di Simona Molinari, Peter Cincotti e Franco Cerri, adorando profondamente la canzone di Pino Donaggio la versione dei Modà mi è piaciuta poco poco...mi è piaciuta la canzone di Daniele Silvestri...gli Elii? Sono gli Elii, preparatissimi irreverenti.
E' stata una edizione vista a zapping...pattinando a pelo d'acqua appunto...
Per il resto? Le mie surrenali son molto felici della loro produzione di adrenalina, io non lo so... la cucinite ha deciso di continuare a tenermi compagnia, di essere molto presente nella mia vita ...
"beh...ma lo fa solo per te...così non pensi ai tuoi cronici malanni, alla precarietà cronica..."
"voce a...shhh "

Tutto considerato, perchè non approfittarne e continuare con i miei esperimenti da chaltron woman???

Ecco allora un'altra ricetta sglutinata e slattata da me, insieme con voce a e voce b, e tratta dal solito libro, Il Pane delle Dolomiti di Richard Ploner, la ricetta originale si trova a pagina 46 del libro in questione e nella ricetta originale nell'impasto è previsto un uovo.



ZOCCOLETTI ALLA RICOTTA SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO (BREAD WITH RICOTTA, GLUTEN FREE AND COW MILK FREE) 
Pane ad impasto diretto


Ingredienti ovvero cosa ci ho messo
200 g di farina DESPAR Free (analoga a FARMO LOW PROTEIN) presenti entrambe in diversi supermercati§
100 g di farina NUOVA TERRA (analoga NUTRI FREE) anche questa presente in alcuni supermercati§
100 g di farina integrale WURZ, presente in alcuni negozi BIO§
250 g di ricotta di pecora o di capra, ben scolata - assicuratevi che provenga da siero di latte ovino o caprino e che non sia mescolata con del siero di latte vaccino
400 ml di latte di soia senza glutine senza lattosio arricchito di calcio, intiepidito§
40 g di margarina senza grassi idrogenati, senza coloranti, meglio se BIO (oppure 30 g di olio di riso)
1 uovo extrafresco cat. O o cat . 1
1 bustina di lievito di birra liofilizzato
10 g di sale
farina di riso per spolverare§
latte di soia senza glutine senza lattosio arricchito di calcio per pennellare§

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.

Procedimento ovvero come ho fatto


Nella planetaria ho messo le farine, il lievito liofilizzato, l'uovo, la ricotta intiepidita (scaldata pochi secondi nel MW), poi la margarina ed il latte. Ho azionato la planetaria, equipaggiata con gancio a K. Dopo qualche minuto, a planetaria spento, ho aggiunto la margarina tagliata a dadini ed il sale. Ho azionato di nuovo la planetaria e ho lasciato che tutti gli ingredienti si amalgamassero per bene fra di loro. Poi ho messo a lievitare per almeno tre ore.
Trascorse le tre ore, ho spolverato il piano da lavoro con farina di riso, con un cucchiaio ho prelevato dell'impasto - circa un quarto della massa -  e aiutandomi con la farina di riso ho sgonfiato l'impasto e ho fatto una prima piegatura - il folding...si deve ottenere un rettangolo, lo si immagina diviso in tre parti, una al centro e due laterale, un terzo laterale si piega verso il centro e l'altro terso laterale si piega sopra il tutto . Ho ri - sgonfiato e ripiegato altre due volte. Ho poi poggiato accuratamente su una placca coperta da carta da forno. 
Ho fatto così fino ad esaurire completamente la massa.
Poi con un coltello - io ho usato quello di ceramica - ho tagliato i filoni che erano sulla placca in due, li ho distanziati un po', li ho spennellati con il latte di soia e dopo via in forno preriscaldato a 200 °C.
Ho lasciato a 200 °C per circa 15 minuti, poi ho abbassato a 180°C per altri dieci minuti. Comunque per vedere se era cotto, l'ho "bussato" sul fondo - quando suona vuoto il pane è pronto! Siccome ogni forno è  a sè, dateci un occhio ;-). 
Nella ricetta originale la temperatura del forno doveva essere 190°C e la cottura doveva essere di 20 minuti, conoscendo il mio forno ho fatto come ho fatto ;-)
Con questa dose vengono 8 zoccoletti, forse qualcuno di più...dipende da quanto grandi fate i filoncini iniziali.
Il pane che viene fuori è profumato, crosta leggera, non troppo croccante, adatto per fare panini salati e dolci...ed infatti l'ho rifatto giusto ieri sera, con un po' meno lievito - visto che avevo messo a lievitare la pasta per la pizza, andiamo anche col pane!

Si mantiene bene avvoltolato in uno strofinaccio e all'interno di una busta di plastica per alimenti, che però va messo solo quando il pane non è più caldo...altrimenti si crea condensa ;-)
Mi domando dove andrò a finire quando mi passerà la cucinite...mi sto viziando e sto viziando i miei due uomini ;-)
Ah! chi riconosce i cuochi reali??? piccolo indizio: un regalo molto bello e a me caro ♥
S'è fatta notte...è ora di mettere a nanna il trigemino, il mal di testa, la voce a e la voce b e pure me...vi lascio con una bella colonna sonora...che sia foriera di bei sogni

Franco Cerri - Just Friends
e per domattina? una buona fetta di pane casalingo con della confettura casalinga
Serena notte ♥


venerdì 15 febbraio 2013

Le Rifatte Senza Glutine II serie: Minicrumble di Banane senza glutine, senza lattosio e senza latte vaccino ♥♥♥

pant...pant...uff...pant... ormai arrivare all'appuntamento con le RSG all'ultimo momento è la mia norma...magari porta bene! Gli attacchi di cucinite acuta continuano, per lo meno sono utili per distrarmi dal resto...quindi volontariamente taccio io e anche le mie voci a e b sono in silenzio su tante cose...abbiamo bisogno di un po' di leggerezza, molto sostenibile :-D.
e allora che si fa ? chiedono all'unisono le voci a e b, che sembrano andare d'accordo in questo periodo...si fa che oggi andiamo a trovare Marcella e faccio i minicrumble di banane...ma con il mio very chaltron style!

Minicrumble di banane senza lattosio senza latte vaccino senza glutine



INGREDIENTI
per 6 mini crumbles

230 g di amido di mais (maizena)§#
90 gr di fecola di patate§#
200 gr di farina di riso§#
9 gr di xantano
200 g di margarina senza grassi idrogenati, senza coloranti, in questo caso bio
300 gr di zucchero 
4 tuorli di uova medie cat.0 (o cat. 1)
1 uovo intero medio cat.0 (o cat. 1)
vanilla bourbon
75 g di cacao§#*
1-2 cucchiai di latte di soia.
Di questa dose per 6 minicrumbles ne ho usata 1/4 (un quarto eh...i restanti tre quarti ciambelline)

Ripieno
1-2 banane bio ( quello che avanza è ottimo mangiato con dello yogurt bianco di soia :-) )
zucchero q.b.
vanilla bourbon

Crumble
la ricetta per lo streusel topping alla chaltron woman che trovate qui§
noci spezzettate

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.
# Non solo queste farine e amidi si trovano senza glutine in qualsiasi supermercato, ma si trovano certificati senza glutine nel reparto preparati per dolci, quindi amici glutinosi li potete trovare tranquillamente :-D ;-) :-D
* Il cacao in scatola blu marchio Carrefour è prodotto dalla Crastan e riporta la dicitura SENZA GLUTINE, sapevatelo!
Il mio tocco chaltron: adorando il banana bread, ho subito pensato che anche qui ci volessero cioccolato e noci ♥♥♥

Procedimento ovvero come diamine ho fatto

Ho preparato la pasta frolla con la planetaria. Non ho messo lievito, perchè viene piuttosto morbida. L'ho fatta riposare in frigo una notte.
Il giorno dopo, ho acceso il forno a 180°C, funzione ventilata perchè ho poi cotto i biscotti assieme ai minicrumbles.
Ho fatto dei piccoli dischi di pasta frolla, ognuno su un quadrato di carta forno che ho poi messo dentro le formine.
Ho preparato le banane e le ho messe con un cucchiaino sui dischetti.
Ho preparato lo streusel con le noci e sono venute delle belle briciolone che ho messo sopra le banane.
Pronti in forno caldo!
Ho fatto cuocere finchè lo streusel fosse bello colorito...diciamo 15 minuti, ma ogni forno è a sè, quindi ocio!
Con la pasta frolla avanzata ho fatto delle ciambelline per la colazione e le banane avanzate si sono immolate nel mio yogurt bianco di soia.
Ne ho assaggiato uno tiepido... mmmmm...buono buono!
Di quello gustato con sopra dello zabaione non c'è prova...quindi non ve lo racconto ;-)
Ottimi davvero!!! Poi io e le mie due voci adoriamo crumbles, cobblers, crisp e tutta la carovana anglosassone, quindi non potevamo non apprezzare questi minicrumbles, facilissimi da preparare, che si mangiano in due bocconi, ma che danno tanta soddisfazione al palato e all'animo.
Da chaltron woman sglutinata mi ci voleva il tocco chaltron, ma provatelo...il cioccolato e la banana si armonizzano benissimo insieme e le noci non solo aumentano la croccantezza, ma esaltano i profumi.
Grazie Marcella di

E la prossima volta dove ci troviamo???
Ma a casa della chaltron woman con l'Apple Pear Crisp!!! Una ricetta del cuore per tanti motivi, ognuno prezioso ♥♥♥

Saltando di post in post mi son resa conto che è tanto che non parlo di libri...sembra quasi che non legga più, ma non è così :-D...è che anche i libri vanno abbinati, come la musica...io immagino me stessa e le mie due voci a gustarci questo o quello mentre ascoltiamo musica o mentre leggiamo un bel libro. Per questa ricetta consiglierei Regalo di Nozze di Andrea Vitali...a me piace moltissimo Andrea Vitali con le sue piccole storie, intrise di aria lacustre e ricordi, ricami di pensieri e sogni e piccole disavventure...mi piace la sua gioiosa malinconia, quella di chi ricorda guardando oltre, verso l'altra sponda del lago, spesso immaginata o sognata per via della nebbia...ma spesso quando si guarda oltre si guarda verso il proprio sogno, il proprio immaginario...e ogni tanto fa bene anche farselo raccontare ;-).
Buona giornata e al prossimo appuntamento con le RSG! Vi aspetto qui!

martedì 12 febbraio 2013

Pane ai semi di girasole, senza lattosio, senza glutine, senza latte vaccino...perchè a casa mia fioriscon fiori e spighe♥

Martedì grasso, l'ultimo di Carnevale e io cosa potrei raccontare???
Potrei raccontare della neve di ieri, piccoli fiocchi che mano a mano diventano più grandi e alla fine è tutto un turbinio che dal cielo viene giù...camminare su alcuni punti è stata una vera impresa e io ho già dato - una caviglia ricostruita o quasi mi sembra possa bastare . Dovevo anche andare dal dentista ieri, ma dopo aver atteso solo mezzora il bus in Piazzale Roma sotto la neve, dopo averci messo solo mezzora per tornare a casa, dopo essere arrivata a casa fradicia, con i piedi che sguazzavano nel freddo, ho fatto come Bartleby...
"Andresti dal dentista?"
"Preferirei di no".
Siccome la cucinite è in fase acuta, che ho fatto ieri sera? pasta al forno con radicchio trevisano tardivo :-) - poi racconterò.

Avevo già previsto che oggi sarei stata a casetta, ma la sorpresa è stata che anche il consorte, causa mancanza di elettricità in ditta, sia rimasto a casa mezza giornata, così è stato come se fosse domenica!
Dopo aver pulito chili e chili di cavolo padovano e cavolo nero, dopo aver cotto tutto e messo via in contenitori dividendo quello per la zuppa e quello per il contorno, sarà passata la cucinite? Macchè!!!
Eppoi il cucciolo ti chiede di rifare i panini, che fai? Panifichi!
C'è l'appuntamento con le RSG che richiama, che fai? Prepari!
Tra una cosa e l'altra, sistemi un po' casa, si risveglia il fantazoo e via di punture, che dire?
Beh...meno male che domani vado in laboratorio! tutta salute oh yeah! 
Sono sempre più convinta che le mie siano delle surrenali PAZ-ZE-SCHE!

Mentre il Carnevale indossa per l'ultima volta il suo domino ed il suo tricorno, io racconterei la ricetta da me sglutinata e slattata e fatta domenica scorsa anche grazie agli hints che Michela mi ha dato sui semi e semini.
Piccola premessa: non mangiando latte vaccino e derivati, uso latte di soia e yogurt di soia bianco arricchiti di calcio vegetale, ma è importante avere altri fonti di calcio prontamente accessibili per l'organismo...ecco perchè uso spesso le mandorle o cerco di mangiarne qualcuna durante il giorno e Michela mi ha ricordato che anche i semi di girasole sono una buona fonte di calcio, come lo sono ad esempio i semi di sesamo che però non mangio perchè mi fan star male, apprezzo di più i semi di zucca che uso spesso nelle insalate, mescolandoli con i semi di girasole. 
In preda ad un attacco di cucinite, mi sono messa a sfogliare il mio libro preferito sul pane e detto fatto son passata all'azione.


PANE AI SEMI DI GIRASOLE SENZA LATTOSIO, SENZA GLUTINE, SENZA LATTE VACCINO

Ingredienti ovvero cosa ci ho messo

I impasto
150 g di Universal Despar FREE§ che è analoga alla vecchia HammerMuehle Mehl garantita senza glutine e senza lattosio
in alternativa
75 g di farina per tutti gli usi Schaer§
75 d di farina MIX B Schaer§
350 ml di latte di soia senza glutine, senza lattosio arricchito di calcio§
5 g di lievito di birra secco

II impasto
tutto I impasto
150 g di Despar FREE (analoga FARMO LOW PROTEIN)§
150g di WURZ integrale§
50 g di Nuova Terra (analoga Nutri Free) §
200 g di semi di girasole, che andrebbero tostati, ma io non lo faccio mai perchè sono chaltron!
100-200 ml di latte di soia senza glutine, senza lattosio arricchito di calcio§
10 g di sale
farina di riso per sgonfiare§
farina di grano saraceno a grana grossa per spolverare§
latte di soia senza glutine, senza lattosio arricchito di calcio§ per pennellare.

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.

Procedimento ovvero come diamine ho fatto!

Ho impasto il I impasto, latte tiepido ovviamente, e l'ho messo a lievitare in forno, che era ovviamente spento per almeno dodici ore. Il mattino dopo, alle 8 ho impasto il II impasto nella planetaria, mettendo per ultimo il sale. Ho messo il latte come range, ma in realtà ho poi usato tutti i 200 ml di latte di soia, perchè non volevo correre il rischio di assetare le farine.
Ho messo a lievitare.
La mia idea era quella di farlo lievitare tre orette...ma la domenica mattina passa in fretta. l'ingegner consorte si lamenta che passo troppo tempo a ciacolare, ma il caffè della domenica in pasticceria è diventato un momento ormai imprescindibile...che fa bene alla salute!
Domenica invece del caffè, abbiamo preso l'aperitivo analcolico, ma va ben lo stesso.
Quindi altro che lievitate solo 3 ore, la massa ha lievitato 6 ore...
Qui ormai l'è tutto un lievitare!
Quando sono andata a prenderla, ho avvertito un odore pungente e la voce b ha subito detto "porca paletta, speriamo non sappia d'alcol".
Ovviamente la voce a, poteva tacere? Certo che no! Ha ribattuto "vedi che ha ragione l'ingegner consorte", ma l'ha detto a bassa voce, il mio sguardo intimidatorio l'ha bloccata. Per farle tacere entrambe ho detto "bene, adesso proviamo a fare i panini!".
Così, mi sono aiutata con un cucchiaio a prendere un po' d'impasto, mi sono aiutata con la farina di riso per sgonfiarlo e dargli poi la forma che volevo. Alla mia chaltron maniera e con l'aiuto di una forbice ho fatto dei fiori e delle spighe.
Ho fatto otto o nove panini.
Ogni panino l'ho poi spolverato con la farina grossa di grano saraceno e ho spennellato la superficie con del latte di soia.
Poi ho fatto scaldare il forno a 200° C, così i panini hanno rilievitato un po'.
Li ho cotti quasi mezzora, ma controllo sempre che il fondo suoni vuoto, così mi assicuro che siano cotti. 
Non hanno perso la forma ;-), erano buoni buoni, con tanti semini dentro e l'aspetto rustico dato dalla mia chaltron manualità e dalla farina grossa di grano saraceno!


Ottimi con la mia gelatina di arancia, che è venuta strepitosa - sono sempre molto orgogliosa del prodotto dei miei invasettamenti :-D



Il loro interno ...morbido il giusto. Il giorno dopo tornavano perfetti con poche decine di secondi in MW. Non li ho neanche congelati, li ho conservati ben avvolti dentro uno strofinaccio pulito e il tutto in una busta di plastica per alimenti.
Colazione, pranzo e cena...quanto buono è il pane fatto da soli?


Poi stamattina, arrivati all'ultima spiga il cucciolo mi chiede dove siano i fiori...gli dico che sono stati mangiati tutti...ha fatto il sacrificio di mangiarsi una spiga con il salame, ma mi ha detto "oggi rifai il pane e rifai i fiori!"
Cosa fa la mamma? Impasta e fa il pane, solo che siccome non è riuscita a fare i fiori si è accordata con il cucciolo per la forma...e la ricetta è un'altra storia ;-)
Vado a far riposare le surrenali...non si sa mai...metti che si stancassero troppo, meglio coccolarle :-)
Un po' di musica per rasserenare l'animo?

Ancora Sergio Mendes - Garota de Ipanema ♫ ♪♫♪♫

Sergio Mendes - Aguas de Marco♥♥♥♥

E con questo vi auguro serena notte ♥ ...a presto con altre ricette sglutinate e slattate :-D

domenica 10 febbraio 2013

Fritoe (frittelle) alla ricotta, senza glutine, senza latte vaccino: la ricetta ritrovata della tata Anna♥♥♥

Sottitolo di ricordi e ricette...




Passando da una domenica all'altra non mi sono quasi accorta del Carnevale quest'anno, se non fosse per il numero di turisti sul bus che prendo per andare al lavoro e tornare a casa. 
Per dirla tutta tutta e nuda e cruda, la verità è che io ero fisicamente e mentalmente a terra per via del trigemino ululante e company...
Se il tempo meteorologico era infernale, il tempo del mio animo era suo fratello gemello...depression all around...
Quando comincio a passare dalla tristezza al pianto e dal pianto a peggio, non so se purtroppo o per fortuna l'adrenalina impenna  e la voce a mi costringe a fare qualsiasi cosa pur di non impantanarmi in sabbie mobili di qualsiasi tipo...quindi anche se con fatica, con una fatica che non si riesce a spiegare e a capire, cerco di fare qualsiasi cosa e siccome la mia valvola di sfogo per lo stress è la cucina, cucino...
Quando ha questi attacchi di "cucinite" acuta la sottoscritta chaltron woman ha dar farsi passare mille e una paturnia!
Finchè il sistema nervoso centrale e le surrenali reggono, sarà così...se mollano loro...beh, si sentirà il tonfo, considerata la mia volumetrica persona e altrettanto volumetrica personalità ;-)

Così, vuoi per il mio stato fisico e mentale, vuoi perchè anche quest'anno il Carnevale è "basso", vuoi per il meteo  che ci racconta di freddo, pioggia e co., l'atmosfera carnevalesca non l'ho sentita per niente o quasi...
Però nel caso caro lettore/lettrice volessi dilettarti con maschere e mascherine ti consiglio di leggere qualcuno dei posts che ci sono qui sul blog

Sabato scorso una bufera di vento forte e pioggia fitta, con la Laguna vestita di conseguenza, aveva fatto temere per il giorno dopo, che era il giorno del volo della Colombina o volo dell'Angelo ovvero il giorno in cui il Carnevale veneziano si apre ufficialmente; invece domenica scorsa un sole splendente aveva accolto la colombina/angelo e tutti quanti erano venuti ad assistere al suo volo dal Campanile di San Marco.
Inoltre, domenica scorsa Alessandra, una carissima persona che conobbi tanti tanti anni fa in uno dei fora di cucina da me frequentati, un'amica - sì, lo so che non tutti pensano che si possa diventare amici veri e sinceri sul web,  ma io penso esattamente il contrario e potrei farvi innumerevoli esempi, ma è un'altra storia - dicevo un'amica che ho ritrovato anche su Fb mi ha scritto "ho fatto le tue frittelle...strepitose!"

Se fossi Spiderman vi direi che i miei sensi di ragno vibrarono, ma siccome so' chaltron woman una sinapsi mi ha sussurrato "ohibò, la tua memoria perde colpi" mentre un'altra sinapsi le chiedeva quali frittelle intendeva e SORPRESA SURPRISE SORPRESA la sua risposta mi ha fatto venire le lacrime agli occhi, ma per la felicità!

Mi ha risposto " era la ricetta delle frittelle alla ricotta della tata di Alessio"...non si è aperto un cassetto della memoria, s'è spalancata l'anta di un armadio!


Le fritoe (frittelle) alla ricotta della Anna!!! La ricetta ritrovata♥♥♥ 



Prima di dare la ricetta, imperativo categorico è raccontare la sua storia, che è fatta di tanto affetto e di tanti ricordi...
Nonostante il mio essere precaria, lavoro a tempo pieno e il cucciolo ha sempre avuto bisogno di tate, aggiungo che siamo sempre stati iper-fortunati perchè siamo passati da una persona all'altra, trovando sempre persone speciali, piene d'affetto e d'amore per lui e per tutti noi. 
Anna è stata la prima tata di Alessio, quella che mi ha aiutato a crescerlo da quando aveva sei mesi e mezzo fino al primo anno di asilo, una bella fetta di vita eh! 
Purtroppo per diverse vicissitudini non potè più essere la sua tata e purtroppo ci sentiamo poco, però ci sentiamo con profondo affetto ancora oggi. 
Un carnevale di diversi anni fa, un pomeriggio freddino eravamo a casa di Anna e lei cominciò a friggere queste fritoe, piccole piccole, morbidissime, che mangiarono i miei due uomini, io mi accontentai del profumo, però mi feci dare la ricetta e sicuramente devo averla rifatta - sicuramente senza latte vaccino e senza frumento.
Devo averla sicuramente postata in uno dei fora di cucina che frequentavamo sia io sia Alessandra...ricordarsi quale è impossibile anche perchè alcuni hanno chiuso, altri hanno chiuso, cambiato nome e riaperto...insomma una baraonda! 
In questa baraonda l'avevo persa :'( .
Sono stata felice e commossa di averla ritrovata, così tanto felice e commossa che giovedì grasso 7 febbraio, tornata a casa dal lavoro alle ore 18, in compagnia del mio trigemino lupo mannaro e della mia tenace adrenalina, mi son messa a far le fritoe, ma senza glutine e senza latte vaccino!

Io sarò stata pazza, ma queste fritoe sono PAZ-ZE-SCHE!!!

FRITOE (FRITTELLE) ALLA RICOTTA SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO
OVVERO LA RICETTA RITROVATA 



Ingredienti ovvero che cosa ci ho messo :-)
300 g di ricotta di capra**, ben asciutta (nel caso lasciarla scolare nel frigo in un colariso sopra una terrina, coprendo il tutto con una pellicola)
3 uova extrafresche grandi, BIO, cat. 0 o cat. 1 con soli mangimi naturali
quattro cucchiai di zucchero
200 g di farina senza glutine e senza lattosio DESPAR FREE (o il suo analogo FARMO LOW PROTEIN, entrambe presenti in diversi supermercati)§
Cointreau (ricetta originale diceva Rum)
1 cucchiaino di vanilla bourbon (la ricetta originale diceva scorza grattugiata di limone e di arancia bio)
sale
*uvetta ammollata, che ho omesso
*pinoli che ho omesso
1/2 bustina di lievito consentito - io uso sempre il cremore+bicarbonato garantiti senza glutine§
olio per friggere
olio di riso
zucchero a velo§ senza lattosio e proteine del latte

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.
** si può utilizzare anche la ricotta di pecora o di bufala, per chi non ha problemi con le proteine di questi due tipi di latte, che comunque contengono lattosio. Il latte di capra è molto adatto agli intolleranti, perché per le dimensioni dei globuli di grasso è estremamente digeribile e perché delle particolari porzioni, chiamate epitopi, delle proteine del latte di capra non innescano reazioni di vario tipo, compresa quell'allergica (in caso di allergie, è sempre bene consultare il medico)


Procedimento ovvero come ho fatto




Il procedimento è semplicissimo che anche la chaltron woman si vergogna a raccontarlo.
Per prima cosa, però, visto che vanno fritte in olio profondo, ho messo una casseruolina con il mix di olii - non chiedetemi perchè, ma a casa nostra l'ingegnere ha sperimentato che la frittura con metà olio di riso è più croccante e non bruciata e quindi si fa così!
Scientifico, no?
In realtà, l'olio di riso ha un ottimo punto di fumo...ecco il perchè ;-)
Allora, usando il fido Mr Brown (frullino) ho mescolato la ricotta, le uova intere e lo zucchero, ho aggiunto la farina e la vanilla bourbon e ho mescolato ancora, poi per ultimi il lievito ed infine il Cointreau, ho mescolato ancora e alla fine avevo una pastella densa che poteva essere prelevata con il cucchiaino.
Ad olio caldo, con due cucchiaini si procede al prelievo della pastella e al suo rilascio nell'olio. Queste fritoe più sono piccole, più sono buone e cuociono senza bruciarsi ;-).
Vanno cotte poche per volta e non devono essere girate, si gonfiano e quando sono dorate da un alto si girano da sole!
Una volta girate, attenzione perchè basta un niente e passano dal cotto al bruciato - la chaltron woman sa :'(.
Quindi "ocio" e pronti a scolarle su un bel foglio di carta assorbente, poi spolveratele come se nevicasse fitto fitto con lo zucchero a velo e...ma vi devo proprio dire tutto???
Eppoi mangiatele!!!

Giovedì grasso per cena risi e bisi eretici o alla mia chaltron way e le fritoe alla ricotta della Anna in versione senza glutine e senza latte vaccino!
Sono di una morbidezza che abbraccia!
Grazie ad Alessandra che le aveva rifatte, le ho rifatte anche io!!!
Ogni tanto oltre ad una botta di calorie, una botta di buonissimi ricordi fa bene all'anima e godersi una cena in tre con il sorriso sulle labbra si aggiunge a quel carico :-*

Siccome martedì Carnevale finisce, fatele e non ve ne pentirete...anzi un po' vi pentirete...perchè toccherà aspettare un anno per rifarle ;-)

PS vista la facilità di reperire gli ingredienti senza glutine e con poche semplici accortezze anche i glutinosi possono farle senza glutine per amici, parenti e co.! Poche scuse e via a friggere :-D e a mangiare in compagnia ♥

Per augurarvi una buona serata che colonna sonora scegliere???

Sergio Mendes - Mas que Nada...a bailar!
Sergio Mendes Agua de Beber♥♥♥
Buon Carnevale a tutti !

mercoledì 6 febbraio 2013

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE i Sockerbullar o Pariserbullar o Bomboloni al forno, senza lattosio, senza latte vaccino, senza glutine ♥ ♥ ♥


Ce l'abbiamo fatta anche per questa volta! Io, voce a e voce b siamo felici di poter partecipare anche stavolta a Quanti modi di fare e rifare.


E' stato un po' come affrontare il più duro triathlon, ma alla fine ieri pomeriggio tornata a casa verso le 18.00,  dopo aver messo a cuocere il brasato eretico - che abbiamo mangiato stasera con polenta e contorno di spinaci scaltriti - mi sono messa ad impastare, dopo essermi studiata a lungo la ricetta, su come sglutinarla e su come sostituire il latte, alla fine ho detto alle mie due voci "comunque vada...sarà un disastro!"
Siccome non è bel periodo - il dentista è davvero eccezionale, io ho dei denti fetenti, ovvero dei fe-denti e il mio trigemino è decisamente un lupo mannaro ululante con e senza plenilunio, che sto riportando alla ragione...sperem ben!

Senza indugi, vi racconto la ricetta che è di Barbara, che nella veste originale trovate qui: Sockerbullar o Pariserbullar

SOCKERBULLAR O PARISERBULLAR SENZA LATTOSIO, SENZA LATTE VACCINO, SENZA GLUTINE

Ingredienti ovvero che diamine ci ho messo
Io ho fatto un terzo della dose indicata da Barbara e ho fatto le necessarie proporzioni fra gli ingredienti

I impasto
200 g di farina NUOVA TERRA ( che è analoga NUTRIFREE) §
200 ml di latte di soia, senza glutine senza lattosio arricchito in calcio §
6 g di lievito di birra liofilizzato
# non ho aggiunto zucchero perchè c'è già nel latte di soja

II Impasto
tutto il I impasto
60 g di zucchero
1 cucchiaino  - per me abbondante - di vanilla bourbon
100 g di farina DESPAR FREE (che è analoga FARMO LOW PROTEIN)§
100 g di farina NUOVA TERRA ( che è analoga NUTRIFREE) §
100 ml di latte di soia senza glutine, senza lattosio, arricchito in calcio §
70 g di margarina di soia, bio, senza grassi idrogenati, senza lattosio
farina di riso senza glutine per formare i socker bullar§ (grazie Jè Ale)

Crema per il ripieno
2 tuorli (uova extrafresche grandi, BIO, cat. 0 o cat. 1 con soli mangimi naturali)
167 ml di latte di soia senza glutine, senza lattosio, arricchito in calcio §
45 g di zucchero
15 g di amido di mais (maizena) §
1 cucchiaino di vanilla bourbon
8 g di margarina di soia, bio, senza grassi idrogenati, senza lattosio
Guarnizione
latte di soia per spennellare
zucchero semolato fino
margarina per spennellare
zucchero a velo senza glutine e senza lattosio §

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.


Procedimento ovvero come diamine ho fatto



Innanzitutto ho fatto la crema per il ripieno il giorno prima e l'ho messa subito in frigo. Era comunque strepitosa, profumatissima di vaniglia come piace a me! 
Ieri pomeriggio, tornata dal lavoro ho messo su il mio brasato eretico e ho preparato il I impasto nella planetaria, il latte lo metto sempre tiepido.
Sulla ricetta originale c'è scritto di farlo lievitare dai 30 ai 45 minuti; passando a farine senza glutine io ho fatto lievitare il I impasto due ore abbondanti e ho usato il forno riscaldato a bassa temperatura come camera per la lievitazione.
Nel frattempo si era fatta ora di cena - ottimi spaghetti senza glutine con panna di soia e salmone affumicato. Dopo cena, mentre il brasato stava tranquillo nella sua pentola, a cuocersi per bene, ho impastato il II impasto, aggiungendo al primo impasto tutti gli ingredienti, tranne la margarina.
Ho impastato per bene e solo alla fine ho aggiunto la margarina tagliata a piccoli pezzi. La margarina era comunque piuttosto morbida e si è amalgamata al composto facilmente.
Ho messo il tutto a lievitare nuovamente in forno, come per il I impasto.
Nella ricetta originale il tempo di lievitazione è sempre sui 30 - 45 minuti, io ho fatto lievitare il tutto per almeno un ora abbondante.
Ho fatto scaldare il forno a 250° C, mentre formavo i sockerbullar aiutandomi con la farina di riso...come ho fatto?
Con un cucchiaio ho preso un po' di impasto, l'ho appiattito un po' grazie alla farina di riso, ho messo un cucchiaino abbondante di crema alla vaniglia e ho chiuso a palletta...ovviamente qualche palletta è venuta meglio di altre. Mi sono venuti 10 sockerbullar.
Prima di infornare il tutto, ho spennellato con del latte di soja la loro superficie e l'ho poi ricoperta con zucchero semolato fino. 
Ho infornato, però dopo 5 minuti ho abbassato il forno a 200 °C e ho cotto quasi per 20 minuti. 
Ho finito il tutto ieri sera a mezzanotte! C
he stanchezza, però...una piccola soddisfazione, anzi due: sono rimasti in forma e la crema non è schizzata fuori da nessuna parte! ;-) Ho assaggiato il più piccolo ed era buono buono :-), però...ormai era tardissimo, ero stanca morta e ho rimandato le foto a stamattina a colazione.
Ed ecco qua !
Così, stamattina presto ho spennellato con margarina fusa, spolverato con zucchero a velo e  fatto le foto in velocità, perchè dovevo preparare la colazione, vestirmi, sistemare il cucciolo che doveva andare a scuola, ma per colazione io e il consorte ci siamo goduti i sockerbullar.

Una nota dolente - se non ci fossero note dolenti che chaltron woman sarei ;-) !- ...ho dovuto scaldarli per bene in MW per farli tornare belli fragranti come ieri notte.
Una idea me la sono fatta: le farine che ho utilizzato, come tutte le farine senza glutine, bevono tanto e io un po' le ho assetate, il mix che ho scelto potrebbe essere migliorato e questo migliorerebbe anche la tessitura, la morbidezza del bombolone che a me più che bombolone ha ricordate le veneziane, delle brioches che solo in alcuni fornai fanno ancora, però...CI SONO PIACIUTI!
Quando il consorte mangia in silenzio significa che va bene così ;-) 
La mia chaltron mente sta pensando a come migliorare il mix, metterci magari un pizzico di zucchero in più e fare meglio le pallette, ma sono una chaltron woman sglutinata contenta...molto contenta...poteva essere un vero disastro (Pane alle patate docet) e non avrei avuto il tempo per rifarli, ma li rifarò :-)

Grazie a Barbara per la sua ricetta e per la sua ospitalità!
Il prossimo mese le Quantiste si incontrano a casa di Francesca con la Pastiera di Maccheroni! 


Un'altra grande sfida da sglutinare, slattare e delattosare...qui l'è tutto un togliere... per nuove bontà però :-D


Adesso vado a nanna...sono stanca stanca e l'adrenalina mi ha detto che è stanca pure lei...un po' di musica per concludere in bellezza e per iniziare poi bene domani...
Serena notte ♥

Dave Brubeck - Someday my prince will come ♥

lunedì 4 febbraio 2013

Ricette senza glutine, senza lattosio, senza latte vaccino che sono presenti in questo blog ♥ Gluten free, dairy free, cow milk free recipes you can find on this blog!

Oggi faccio un po' di ordine e provo a fare una lista delle ricette che ci sono in questo blog...e perchè mi direte voi???
Quanti di voi conoscono la serie di Fibonacci? La meravigliosa serie che spiega la spirale di ogni essere vivente e non...c'ha un inizio e una fine...ecco, delle volte nella vita reale non sempre si trova l'inizio, cosa viene prima, chi viene prima, chi ha fatto prima qualcosa e come...allora ho detto alle mie voci a e b che è ora di fare un po' d'ordine e di provare un approccio "scientifico"...magari sistemando tags, feed e co. Ci riuscirò??? Vedremo :-D

Primi Piatti -Pasta senza glutine, senza lattosio, senza latte vaccino
First courses - Gluten free, dairy free, cow milk free pasta
Casarecce con radicchio tardivo e speck senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Crema di cavolo rosso e patate senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Crespelle (Crepes) Funghi e Prosciutto di Francesca, senza glutine, senza latte vaccino
Crepes (crespelle) Tricolori senza glutine senza latte vaccino
Crepes (crespelle) alle erbe senza glutine al Pesto di Basilico e al pesto di Peperoni senza glutine senza latte vaccino
Gnocchi di Zucca della Pia senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Linguine ai calamaretti e al nettare d'arancia senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Pasta e broccolo fiolaro di Creazzo (PAT) senza glutine senza latte vaccino
Primi Piatti - Riso senza glutine, senza lattosio, senza latte vaccino
First courses - Gluten free, dairy free, cow milk free rice

Byriani Masala con gamberi senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Insalata di Riso Bice della Belle Auberge senza glutine, senza latte vaccino, senza lattosio
Peperoni alla Micò di Incucinasenzaglutine, senza glutine e senza latte vaccino
Pumpkin spice Pumpkin Rice dairy free, gluten free, cow milk free... Risi e Suca con spezie (Riso e Zucca) senza glutine senza lattosio senza latte vaccino

PANE SENZA GLUTINE, SENZA LATTOSIO SENZA LATTE VACCINO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE BREAD

L'aggiornamento di queste ricette si trova alla pagina corrispondente
PIZZA SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO SENZA LATTOSIO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE PIZZA

L'aggiornamento di queste ricette si trova alla pagina corrispondente
Secondi piatti senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Gluten free, dairy free, cow milk free Second courses 

Agnello alla Ramsay con salsa allo yogurt di soia senza glutine senza latte vaccino senza lattosio
Ali di pollo e Venetian coleslaw con maionese light fatta in casa, senza glutine, senza latte vaccino senza lattosio
Arista con cipolle borettane e mele dell'Alto Adige senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Arrosto allo stracchino di bufala, senza glutine senza latte vaccino
Brasato al Raboso senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Calamari ripieni su letto di fagioli cannellini senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Crocchette di Quinoa con Primo Sale di Capra senza glutine senza latte vaccino vegetariane
Crostino di baccalà mantecato su letto di ceci e cipolle senza glutine, senza lattosio senza latte vaccino
Feta e Anguria senza glutine senza latte vaccino
Lonza alle tre salse senza glutine senza latte vaccino senza lattosio
Le polpette migliori del mondo le fa mio figlio senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Maiale Collina dei Papaveri senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Mediterranean Cheese Burgers senza glutine senza latte vaccino
Polenta smalzada senza glutine senza latte vaccino
Pollo alle mandorle senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Salad di pollo, finferli, fichi morbidi e fichi caramellati croccanti all'Aceto Balsamico tradizionale di Modena senza glutine senza latte vaccino
Trippa e fagioli senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Tucen ed fa'sol e ov...Sughetto di fagioli e uova naturalmente senza glutine senza lattosio senza latte vaccino Tucen ed fa'sol e ov...Beans and eggs in sauce naturally gluten free dairy free cow milk free


TORTE SALATE, MUFFINS SALATI SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE QUICK BREADS AND MUFFINS
TORTE , MUFFINS , CROSTATE  SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO SENZA LATTOSIO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE QUICK BREADS , MUFFINS, CAKES PIES, TARTS
MARMELLATE, CONFETTURE, CONSERVE  SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO SENZA LATTOSIO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE MARMALADES, JAMS AND BUTTERS
BISCOTTI E DOLCETTI  SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO SENZA LATTOSIO
GLUTEN FREE, DAIRY FREE, COW MILK FREE BISCUITS, COOKIES AND BROWNIES
Brownies di castagne senza glutine senza latte vaccino senza lattosio
Spiztbuben senza glutine senza latte vaccino senza lattosio (in un post due ricette ;-) )

RICETTE SENZA SACCAROSIO

Almond butter teff cookies con gocce di cioccolato senza glutine senza lattosio senza latte vaccino senza saccarosio




Feta e Anguria senza glutine senza latte vaccino - da Nigella Lawson
French apple cake gluten free dairy free cow milk free French apple cake senza glutinesenza lattosio senza latte vaccino - da David Lebovitz
Frolla all'olio di Montersino, senza uova, senza glutine, senza lattosio, senza latte vaccino
Ginger cake senza glutine senza lattosio senza latte vaccino, Ginger cake gluten free dairy cow milk free – da David Lebovitz
Nigella's Lemon Polenta Cake senza glutine senza latte vaccino senza lattosio - da Nigella Lawson
Pan di datteri con caffè e anacardi senza glutine senzalattosio senza latte vaccino...Date bread with coffee and cashew nuts glutenfree dairy free cow milk free - da Ina Garten e da Healthy seasonal recipes
Torta di mele à la mode de Aran Goyoaga senza glutine senza lattosio senza latte vaccino ... Apple cake à la mode de Aran Goyoaga gluten free dairy free cow milk free - da Aran Goyoaga