mercoledì 14 dicembre 2016

Corona di Santa Lucia senza glutine senza lattosio senza proteine del latte vaccino per l'Avvento con Nutrifree


Dicembre è sempre stato il mese
in cui si smetteva di esistere.
Si diventava una parentesi nel buio, o poco più.
Si accendevano lanterne, lampade e candele.
Ma era evidente
che non bastavano
contro il fiume straripante delle tenebre.
È facile capire
un messaggio natalizio
più pagano, più primitivo:
A qualsiasi costo con torce e fiaccole
riavere una luce solare
il cui ritorno non era mai scontato.
Lars Gustafson

Dicembre: i tramonti rossi, l'aria pungente, il profumo di biscotti, cannella, zenzero, molto zenzero, anice stellato, ma anche noce moscata, pimento...the profumati in compagnia del mio uomo piccolo, guardando tranquilli la televisione, illuminati anche dalle luci dell'albero...
"Nella speranza che non prendano fuoco..."esordisce la mia voce a bitchy.
"Però...la memoria fa cilecca, cominci ad avvertire il passaggio delle ere...le lucine non hanno mai preso fuoco. Fu una vecchia televisione, quando l'uomo piccolo era molto piccolo. In un giorno di grande biscottamento, con il naso completamente colmo di vanilla bourbon, il forno che andava come la catena di montaggio di Tempi Moderni...e l'uomo piccolo che chiede che cos'era l'odor da bruciato..." rispondo.
"Uhm...vero. Però fossi in te non gongolerei più di tanto. Sei già in ritardo di almeno 10 giorni sulla tabella di marcia per il lavoro... e anche su quella per i biscotti! Inconcepibile!" ribatte la mia voce a bitchy.
"Non perdi proprio l'occasione di ricordarmi quanto bitchy sei, vero?" rispondo di rimando.
"Son qui per questo. E lo faccio molto bene...davvero..."comincia a rispondere, col suo solito fare amichevole come l'uomo delle nevi, la mia voce a bitchy.
"Ricordami un dettaglio: i tuoi biscotti preferiti sono i ginger snaps o i pepperkakor?" rimpallo immediatamente io.
"Ricattatrice! -ribatte, ma guardandomi quasi compiaciuta, anzi proprio compiaciuta - ...uhm...mi piace! E per i biscotti...vanno bene tutti. Sono una persona di larghe vedute" conclude la mia voce a bitchy. E se ne va avvoltolandosi nel suo boa blu come fosse Harry Potter e il mantello dell'invisibilità.

Invece di biscotti, la ricetta di oggi è una ricetta fatta appositamente per l'Avvento con Nutrifree.

Corona di Santa Lucia
senza glutine senza lattosio senza proteine del latte
per l'Avvento con Nutrifree
Crown of Sankta Lucia
gluten free dairy free milk proteins free
for the Advent with Nutrifree


Ingredienti
per quattro corone


600 g di farina per pane Nutrifree più quella per lo spolvero
7 g di lievito di birra liofilizzato
40 g di zucchero di canna integrale
120 g di burro di girasole (frazionato, da agricoltura biologica)
2 g di cannella in polvere
2 g di noce moscata in polvere
2 g di anice stellato in polvere
2 g di zenzero in polvere
4 stimmi di zafferano o 1 bustina di zafferano in polvere
la scorza di 1 arancia non trattata da agricoltura biologica
1 uovo intero grande da agricoltura biologica
4 g di sale
450 ml di latte di riso Alpro

Per guarnire
1 tuorlo
4 g di sale
20 g di zucchero di canna integrale



Procedimento


Sciogliete nel latte di riso lo zafferano.
Ponete nella ciotola della planetaria (o in una ciotola capiente) la farina con il lievito, lo zucchero e circa 300 ml di latte di riso tiepido.


Ecco l'interno dorato e morbido di questo pane semidolce, che ricorda una brioche.


Ieri, 13 Dicembre si è festeggiato Santa Lucia, il giorno più corto o la notte più lunga che ci sia.

Dopo il 13 Dicembre, le ore di luce aumentano nuovamente. Ecco perché Santa Lucia è associata alla luce; infatti, la leggenda racconta che Santa Lucia, portando il cibo di notte ai cristiani nascosti nelle catacombe, aveva bisogno delle mani libere e per tale motivo avesse in capo una corona di candele. Santa Lucia è festeggiata in Italia, ma è in Svezia che la Santa è festeggiata come immagine della luce, con le ragazze che portano corone di candele.
In Svezia, inoltre, si preparano i lussekatter o lussebullar, i gattini di Santa Lucia o dolcetti di Santa Lucia, dalla caratteristica forma a S, colorati e profumati per la presenza dello zafferano. La parola lusse è associata a Santa Lucia, ma in realtà sembra derivi da Lucifero che, sotto forma di gatto, andava a spaventare i bimbi, mentre Gesù portava loro doni e dolcetti color oro per proteggerli dal buio e dall’oscurità. Questi dolcetti erano color oro per la presenza di zafferano.
La Corona di Santa Lucia ricorda i lussekatter, ma sembra che appartenga più alla tradizione americana, dove è giunta in seguito alla migrazione svedese negli USA.
Trovai la ricetta di questo dolce nel numero natalizio di una vecchia rivista di cucina e me ne innamorai per la consistenza ed il profumo.
Potevo non sostituire il latte vaccino con altro? Potevo non sostituire il glutine?. Infatti non ho resistito.
E voi come avete festeggiato Santa Lucia?




Con questa ricetta partecipo alla raccolta di #Panissimo46, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di  Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da Cardamomo & co.



Cheers

3 commenti:

  1. Bellissima la corona di Santa Lucia, vedo con piacere che è stata attesa anche da te... i miei nipoti come immagino tutti i bimbi, erano in fermento per il suo arrivo. A me naturalmente non ha portato nulla, ma se mi guardo intorno ho già tanto. Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Carine queste corone e sicuramente tanto buone !

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta e adatta a molte intolleranze! Complimenti

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D