lunedì 3 febbraio 2014

Torta di mele à la mode de Aran Goyoaga senza glutine senza lattosio senza latte vaccino ... Apple cake à la mode de Aran Goyoaga gluten free dairy free cow milk free

Sottotitolo: Un ringraziamento speciale a Satsuki en cuisine 
senza la quale questa torta non sarebbe stata preparata da me medesima





"Che hai fatto? Hai giocato a bottonella?"
Questa era la battuta che mi diceva sempre la mia Nonna Maria, quando vedeva mia mamma ricucire l'ennesimo bottone del mio grembiule scolastico delle elementari...
Ho fatto le elementari anche io, eh! 
Avevo il grembiule bianco, mica semplice...no! Con pieghe e pieghette, tasche davanti, allacciato dietro e grande fiocco blu...
Sulle sedie di scuola quei bottoni amavano saltare che era un piacere e quindi di certo tornavo a casa con qualche bottone di meno.
Mistero era come riuscissi a tenerlo allacciato bene, quando i bottoni erano ridotti al minino della sussistenza...
Torno ai ricordi d'infanzia non solo per i bottoni di zucchero, ma perchè la torta di mele è un must dell'infanzia, dell'atmosfera casalinga, dello sguardo bambino che osserva il mondo dei grandi e poco ci si raccapezza...gente strana 'sti adulti...
Però di fronte ad una fetta di torta alle mele ci si trova tutti d'accordo.


Invece, di fronte ad una ricetta di una torta di mele di Aran Goyoaga, io e la mia amica di blog  Satsuki ci siamo trovate a riflettere, a discutere, a cercare di capire...dopo un fitto scambio di mail, alla fine spero di aver capito e di aver trovato la quadra a questa ricetta, che vi propongo oggi e con la quale partecipo anche al contest di Andante con gusto



Torta di mele à la mode de Aran Goyoaga 
senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
Apple cake à la mode de Aran Goyoaga 
gluten free dairy free cow milk free



Ingredienti

per uno stampo rotondo apribile da 24 cm di diametro

2 uova grandi extrafresche cat. 0
120 g di zucchero di canna integrale muscovado - da commercio equo e solidale*
1 cucchiaino di vanilla bourbon#
1 cucchiaino di zenzero in polvere#
200 g di yogurt di soja bianco non zuccherato bio senza glutine senza lattosio senza proteine del latte
120 g di olio di riso**
180 g di farina integrale senza glutine bio WERZ #§
2 cucchiaini di lievito - cremor tartaro già miscelato con bicarbonato di sodio - senza glutine e bio #***
1 mela golden grande bio
1 mela golden piccola bio
50 g di zucchero di canna muscovado

# per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.
§la farina integrale senza glutine Werz contiene farina di riso integrale, farina di mais integrale, farina di miglio integrale, farina di grano saraceno integrale, addensante farina di carrube; tutte le farine del mix sono bio ed il mix è garantito senza glutine e senza lattosio



Procedimento

Preriscaldare il forno a 180 °C.
Ho pesato la farina integrale senza glutine e ci ho aggiunto i due cucchiaini di lievito bio e garantito senza glutine, formato da cremor tartaro e bicarbonato di sodio già miscelati tra loro. 
Nella planetaria ho montato, con la frusta a K per impasti morbidi,  le uova con lo zucchero integrale muscovado.
Ho aggiunto l'olio di riso, lo yogurt di soja e le spezie e ho mescolato ancora.
A questo punto ho aggiunto la farina integrale senza glutine miscelata con il lievito, bio e senza glutine, e ho  mescolato bene.
Ho versato il composto nello stampo sganciabile, che avevo precedentemente foderato con la carta da forno.
Poi ho sbucciato le due mele golden bio, le ho tagliate a fettine e le ho messe sopra la torta.
Ho spolverato la superficie con i 50 g di zucchero integrale muscovado e ho infine infornato la torta in forno caldo a 180 °C.
Ho fatto cuocere la torta in forno per circa 40 minuti, ho comunque controllato facendo la prova stecchino e, trattandosi di una torta senza glutine, ho spento il forno quando sullo stecchino c'erano ancora delle briciole attaccate.
Ho lasciato raffreddare circa 5 minuti in forno spento e dopo ho sformato e messo la torta a raffreddare su una griglia per dolci.
Questo dolce è perfetto per la prima colazione, per un the  o per una bella merenda in compagnia.
Se dovessi abbinarci un libro, il libro sarebbe La Diva Julia di W. Somerset Maughmam, un libro da leggere comodamente sdraiati in poltrona, con copertina di pile annessa, in completo contrappasso con la protagonista del libro.
Voi che libro ci abbinereste?

Ah! di seguito spieco il perchè ho utilizzato alcuni ingredienti, oltre alla mia quotidiana necessità di dover cucinare senza glutine, senza lattosio senza proteine del latte vaccino.



*Perchè lo zucchero di canna integrale muscovado da commercio equo e solidale? 
Lo zucchero di canna integrale o grezzo  muscovado è uno zucchero di canna dal colore scuro, umido e con un forte aroma; è anche conosciuto come zucchero delle Barbados, anche se attualmente i maggiori produttori di Muscovado sono le Isole Filippine. E' prodotto tramite un procedimento tradizionale e in tal modo mantiene i sali minerali originali. In altre parole, non è uno zucchero che fornisce solo calorie vuote, necessarie al metabolismo energetico.
** Perchè l'utilizzo dell'olio di riso? 
L'olio di riso è un prodotto eccellente, ha un sapore neutro e ha notevoli proprietà benefiche, dovute alla presenza di tocoferoli, acidi grassi mono insaturi e polinsaturi; tali proprietà sono: antiossidanti, antinfiammatorie, ipocolesterolemizzanti e ipotrigliceridemizzanti. Inoltre, è ottimo per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Sarebbe meglio consumarlo a crudo, però considerato il suo elevato punto di fumo e la sua resistenza all'ossidazione, è anche ottimo per la frittura. Infatti lo uso spesso anche per le poche fritture che ci concediamo.  
Molto importante è anche la presenza di gamma orizanolo, che contribuisce alle benefiche proprietà dell'olio, e, quando fu scoperto, era anche utilizzato per la cura degli stati d'ansia.
Contiene vitamina E.
A differenza di altri oli vegetali, escluso l'olio extravergine di oliva che merita un discorso a parte, la presenza di acidi omega 6, soprattutto di precursori della cosiddetta cascata infiammatoria, non è elevata nell'olio di riso. 
Considerare ciò potrebbe essere importante, soprattutto per chi soffre di malattie infiammatorie croniche o autoimmuni (ecco perchè lo prediligo ;-) ).
***Perchè uso il lievito cremor tartaro - bicarbonato di sodio? La vecchia dose delle nonne, il primissimo lievito chimico inventato...
Non lo uso solo perchè è bio, perchè è garantito senza glutine, adatto ai vegan, lo uso soprattutto perchè i fosfati contenuti nei lieviti chimici contribuiscono alla quota di fosforo che ogni giorno ingeriamo con gli altri alimenti e quindi al superamento della soglia di sicurezza fissata, oltre la quale ci possono essere effetti collaterali poco simpatici. Per esempio, se i prodotti lievitati sono consumati dai bimbi, sarebbe meglio evitare il lievito chimico con i fosfati (ecco perchè lo prediligo ;-) ).
(Fonti: bibliografia personale, mypersonaltrainer.it, Ministero della Salute)

30 commenti:

  1. Buona settimana fatina della cucina, io, cucinata da te, mangerei qualsiasi cosa (forse anche il tortino di alici che detesto ;-)). Nelle tue ricette c'è molto "senza" ma di certo c'è più sapore di altre "con tanto". Buona settimana, noi ci leggiamo là.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commozione <3
      Lo sai quanto ti voglio bene vero?
      Sorrisi a profusione :-D

      Elimina
  2. Vanilla bourbon and zenzero.... già bastano loro per invitarmi a gustare, seppur virtualmente, la tua torta dei "senza" e "con" ricordi dell'infanzia, che poi sono anche i miei!!! Io pure ho avuto il grembiule con le piegoline... e giocavo a bottonella, proprio come diceva la nonna! Un abbraccio bimba dei senza , ma tanto ricca di "con" meravigliosi!

    RispondiElimina
  3. Oltre che bellissima deve essere una vera bontà!

    RispondiElimina
  4. Lo sai cara Fabi, che queste foto mi fanno venire l'acquolina in bocca!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Elly pure tu! volete proprio farmi piangere...non vi basta la pioggia con tutti gli allagamenti :-D :-*
      @ Valentina grazie mille!
      @ Tomaso grazie anche a te, se potessi te ne invierei una fetta
      A rileggerci sempre tra ricette e tanti sorrisi :-D

      Elimina
  5. una torta di mele super per il gusto

    RispondiElimina
  6. Deliziosa Fabi, la torta ma anche tu con i rimandi alla tua infanzia e le spiegazioni della torta. Grazie ! un abbraccione e buona settimana !

    RispondiElimina
  7. Sei meglio di Aran e in accoppiata con Satsuki non vi supera più nessuno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Gunther azzeccato! buonissima, facile e piena di gusto!
      @Rossella ricambio tutto con tanti sorrisi :-D Cucinare ricordando è un bel cucinare
      @Stefania :-D :-D :-D siamo tremende!
      A rileggerci presto cari e sorrisi per voi :-D

      Elimina
  8. golosa!!!e che carini quei bottoncini zuccherosi :)

    RispondiElimina
  9. Un tripudio di aromi, deve essere deliziosa, invitantissima, complimenti!!!!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
  10. adoro passare da te e leggermi con attenzione le tue ricette, la parte tecnica e le indicazioni....poi come in questo caso adoro anche la ricetta, perchè la torta di mele, anche a me ricorda i tempi della mia infanzia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Mirtilla ho un debole per i bottoni :-D
      @ Anisja ciao cara, grazie per i complimenti e a rileggerci davvero presto!
      @ Artù grazie carissima, spero sempre che le cose che condivido sul blog siano utili ed interessanti, anche nella loro semplicità.
      A rileggerci prestissimo e con tanti sorrisi :-D

      Elimina
  11. Le torte di mele sono sempre magiche, hai ragione, tutti diventano di buon umore...dovremmo tenere sempre una scorta in casa...
    Ti confesso che gioco ancora a bottonella...con il camice, sempre al numero minimo consentito di bottoni, mi trovo in merceria a comprare cartelle di bottoni bianchi e passo i sabati a ricucire... sono unica!!! un bacione grande e complimenti deve proprio essere speciale questa ricetta!

    RispondiElimina
  12. Mmmm, nonostante il naso tappato a causa del raffreddore, mi sembra di sentire il profumo di mele di questa torta strepitosa! Adoro lo zucchero muscovado, in accoppiata con le mele deve essere favoloso! La vanilla bourbon è quella liquida? Potrei usare i semi della bacca? Ho un fascio di bacche di vaniglia arrivate direttamente dal Madagascar, devo usarle! E ora una domanda "tecnica": hai scritto che trattandosi di una torta senza glutine l'hai tolta dal forno quando sullo stecchino c'erano attaccate ancora delle briciole. Perché? E' un barbatrucco per ottenere risultati migliori? ;-) Ciao carissima, a presto!

    RispondiElimina
  13. E' vero che le torte di mele mettono d'accordo tutti! e rasserenano perché sono semplici e buone, terribilmente buone :) Bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Elena il camice che uso/usavo aveva la zip, per fortuna ;-)
      Concordo: una bella scorta di torte di mele pronte all'uso :-D
      @Alessandra la vanilla bourbon è in polvere, la compero direttamente così, invece delle bacche.
      Un fascio di bacche e ancora non ti sei messa all'opera? Passi per stasera, ma da domani via in cucina :-D
      Il barbatrucco è presto spiegato: nel caso del senza glutine, un effetto collaterale è la secchezza del giorno dopo, le preparazioni perdono umidità rapidamente. Non mi ricordo in quale blog/sito americano avevo letto che per far rimanere umida una torta si spegneva il forno quando sullo stecchino c'erano ancora delle briciole e non quando era perfettamente asciutto.
      Comunque ho provato il trucchetto per alcune altre torte come la Ginger Cake e funziona!
      Comunque, io spengo e i primi 5 minuti la lascio in forno con lo sportello leggermente aperto, dopo la tolgo dal forno.
      @Carla concordo e a prestissimo con tante ricette e tanti sorrisi :-D

      Elimina
  14. Faccio grande uso anch'io di olio di riso, quello di marca più famosa perché lo addizionano di vitamina E in forma di tocoferolo (tra le migliori) e dunque diventa ancora più benefico! E pure la farina Werz fa parte dei miei ingredienti preferiti, ma finora l'ho reperita via internet (e l'ho finita). Tu la trovi anche nei negozi bio nella tua zona?

    RispondiElimina
  15. Ciao Fabi :) Adoro la torta di mele in tutte le versioni e questa qui mi piace tantissimo! Anche a me saltavano tanti bottoni dal grembiule, sai? :D Ti abbraccio, complimenti e tanti sorrisi per te! <3 Buona giornata :) :**

    RispondiElimina
  16. secondo me quando sei nata eri già alle superiori, come sapienza intendo ;-) ma veniamo alle cose contingenti.,...che bella torta!!! mi piacciono quelle alle mele e trovo che ognuna abbia il suo fascino, ancor di più se è fascinosa con tutti i senza ;-) sorrisoni a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Francesca Tab per la Werz sì la trovo dal Natura Sì, che credo sia anche a Mogliano o sbaglio? Buona serata carissima!
      @ Valentina ciao carissima! eravamo in tante a giocare a bottonella, allora :-D
      Ricambio di cuore tutto e ci rileggiamo prestissimo ;-) :-D
      @Sonia no, non ero alle superiori, ma ero fissata già da piccola con la scienza...non so se è stata una benedizione o una maledizione...ma va bene comunque.
      Buona serata e sorrisi a profusione :-D

      Elimina
  17. anche se è senza questo e senza quello credo che abbia invece un bel pò di sapore e profumo , una fettina per domani mattina a colazione la prendo volentieri! cara Fab, un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Immagino la morbidezza di questa torta, il caldo aroma dello zenzero e dello zucchero muscovado. Mi appunto il titolo che consigli; io ci abbinerei un romanzo di Vitali, magari "Zia Antonia sapeva di menta", forse perche' ricordo di averlo letto mentre ero costretta in poltrona a causa di una frattura al piede.
    In cucina, oltre all'olio extravergine bio, tengo quello di semi di girasole, biologico e spremuto a freddo. Andra' bene come sostituto?

    RispondiElimina
  19. le torte di mela è la mia preferita..e di questa tua cosi'morbida e profumosa
    .ne mangerei volentieri una fetta!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Chiara però potrei farti una sorpresa e recapitartela? :-D
      @Eugenia Gran bel libro! Vitali o lo si ama o lo si odia, io lo amo!
      Olio di girasole biologico e spremuto a freddo è buono, provalo!
      però credimi, credetemi l'olio di riso è una scoperta e dopo non se ne fa a meno :-D
      @ Enza te la offro molto volentieri, cara!
      A rileggerci presto e sempre col sorriso :-D

      Elimina
  20. Tardi per la merenda??? Spero di no, io adoro la torta di mele!!!!!
    Complimenti cara, sei sempre bravissima!!!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lory!
      Mai tardi per un dolce come la torta di mele!
      Buona serata e a rileggerci prestissimo sempre col sorriso :-D

      Elimina
  21. Carissima Fabi, finalmente e a pelle di leone riesco a passare a leggere questo bellissimo post, che mi ha fatto sorridere ma mi ha molto colpita soprattutto nella sua seconda parte, nel bell'approfondimento sull'olio di riso. Hai colto lo spirito della gara e sono felice che tu abbia deciso di partecipare. Ti aspetto ancora mi raccomando. Grazie di cuore. Pat

    RispondiElimina
  22. Mi associo a Patty, veramente un bel post e perfettamente in linea con l'idea del contest. Grazie della tua preziosa partecipazione!
    Poi io per il muscovado ho un debole..... : )
    Pamirilla - Cose dell'altro pane

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D