lunedì 16 dicembre 2013

Pompe a l'huile senza glutine senza lattosio senza latte vaccino per festeggiare il PDF dei Dolci di Natale di Gluten Free Travel & Living Pompe a l'huile gluten free dairy free cow milk free to celebrate the PDF on Christmas cakes by Gluten Free Travel & Living

Sottotitolo: L'onore ha senso persino fra i ladri, ma non ne ha nessuno nella politica
Peter O'Toole a Claude Rains in Lawrence d'Arabia

Considerati ciò che sabato scorso è accaduto in quel di Venezia, mai aforisma fu più azzeccato e calzante.
Provo a ricordare lo sguardo con cui Peter O' Toole disse questa battuta...occhi cerulei che han fatto sognare varie generazioni. 
Credo che in molti ricordino Peter O'Toole per Lawrence d'Arabia o per Lord Jim...
Di Lord Jim ricordo più i racconti di Nonno Mario, di Peter O'Toole ricordo invece l'indimenticabile interpretazione di Mr. Chipping in Goodbye Mr. Chips...un film che rivedrei volentieri.
Non so se celebreranno la carriera di Peter O'Toole, però intanto qui celebro il Natale, in compagnia di tutte le amiche di Gluten Free Travel and Living.

Finalmente ci siamo!
Vi presentiamo il PDF  
Oltre ad un viaggio nei dolci della tradizione italiana, questo è viaggio nelle tradizioni del mondo. 
Come il Natale ha mille sfaccettature e un grande punto in comune ovunque sia festeggiato, così siamo noi di Gluten Free Travel & Living: tutte diverse, accomunate però in una entusiasmante avventura.
Tutti i dolci presentati sono senza glutine - ovviamente!-, ma alcuni sono anche senza latte vaccino, senza lattosio, proprio per venire incontro a chi deve affrontare più di una intolleranza. E' l'ennesima dimostrazione che mangiare SENZA è mangiare CON TANTO GUSTO!

Per celebrare degnamente questo evento presento questa ricetta, che ha fatto dire al mio cucciolo "Mamma, ma hanno proprio ragione i francesi a mangiarsi questo dolce, è proprio buono!".

POMPE A L'HUILE SENZA GLUTINE SENZA LATTOSIO SENZA LATTE VACCINO
POMPE A L'HUILE GLUTEN FREE DAIRY FREE COW MILK FREE


La pompe a l'huile è un dolce provenzale, tipico del Natale. Fa parte dei 13 dolci del Natale, che sono serviti sulle tavole in memoria di Gesù e dei dodici apostoli.  
Questa delicata focaccia dolce è seguita da datteri, mandorle, fichi secchi, melone candito o conservato appositamente, torrone, croccante al miele, uva passa, frutta essiccata di vario tipo (prugne, albicocche, ecc.), pastine di mandorla tipiche della Provenza, cotognata, dolci ripieni di pasta di mandorla, datteri ripieni di pasta di mandorla, uva. 
E' un dolce antico, dalle innumerevoli versioni - ivi compresa quella con uova. Caratteristica è la presenza del miele e l'aroma di arancio, dovuto sia alla presenza dell'agrume sia alla presenza dell'acqua di fiori di arancio.


Nella mia versione invece del miele ho usato il succo d'agave,
invece dell'acqua dei fiori d'arancio ho usato il succo delle arance
invece dell'acqua ho usato il latte di soia

Ingredienti per 2 pompe

200 g di farina NutriSì per pane e pizza senza glutine senza lattosio senza proteine del latte #
200 g di farina MixIt DS senza glutine senza lattosio senza proteine del latte #
100 g di farina Farmo Low Protein senza glutine senza lattosio senza proteine del latte #
120 g di sciroppo d'agave biologico #
150 g di olio d'oliva extravergine di olive taggiasche delle colline di Imperia
300 ml di latte di soia senza glutine senza zuccheri aggiunti biologico
le zeste di due arance bio di media grandezza
il succo delle due arance bio di media grandezza
1 bustina di lievito di birra secco.

farina MixIt DS per spolvero
olio extravergine d'oliva per lucidatura
zucchero di canna per lucidatura


#per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce contaminazioni e cross-contaminazioni.


Procedimento

Ho utilizzato la planetaria con la frusta a gancio.
In ordine ho messo le farine senza glutine pesate, il succo d'agave, l'olio extravergine d'oliva, le zeste delle arance, il succo delle arance, il latte di soia intiepidito ed il lievito.
Ho mescolato il tutto.
L'impasto risulterà morbido, non eccessivamente liquido, giustamente morbido.
Ho messo a lievitare in forno riscaldato a 30 °C, lasciando anche la luce del forno accesa.
Il tempo umido e la mia cucina fredda non sono l'ambiente ideale per le lievitazioni.
Ho lasciato lievitare per almeno 3 ore.
Passate le tre ore, aiutandomi con la farina per lo spolvero ho recuperato la massa e l'ho divisa in due parti.
Ho fatto una piega di folding e ho dato la caratteristica forma ovale alle pompe.
Ho inciso la superficie con un coltello secondo uno dei caratteristici disegni delle pompe.
Ho lasciato scaldare il forno a 200°C. Quindi le pompe hanno avuto tempo di lievitare ancora una volta formate.
Ho fatto una "salamoia" con olio extravergine, poca acqua e zucchero bruno.
Ho spennellato la superficie delle pompe con la salamoia e ho infornato in forno caldo per 20 minuti circa.
Controllate il vostro forno, le pompe sono cotte quando sono dorate. 


Nel caso prendessero troppo colore, è consigliato coprirle con dell'alluminio.
Una volta cotte, ho lasciato riposare in forno una decina di minuti, poi ho lucidato le pompe con la salamoia, ho ripetuto l'operazione dopo 10 minuti.
Infine c'è stata la prova assaggio.
Molto profumata, morbidissima, semplice, ma elegante, estremamente gradevole. 
Assolutamente da rifare, considerato l'entusiasmo del cucciolo!
NB si dice si conservi bene avvolta in un foglio di alluminio per qualche giorno oppure congelata.

Ho ottenuto questa versione consultando diverse ricette:

Bon appetit et Joyeux Noël


20 commenti:

  1. politica e onore non vanno per niente a braccetto!!
    non conoscevo questo dolce
    se il tuo giudice "cucciolo" ha gradito vuol dire che è una vera bonta'!!
    complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enza! è un dolce "povero" ma ricco di sapori. A me ha molto colpito la tradizione provenzale dei tredici dessert, un richiamo alla Cena, alla mensa.
      Un abbraccio e a rileggerci presto

      Elimina
  2. bellissimo questo pandolce antico poco dolce, mi porta proprio dritto nel medio evo.
    me lo immagino come dolce di un natale in un convento, o simili.
    e le foto davvero magiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaia per i complimenti <3 arrossisco!
      Non credo che la ricetta sia tanto mutata nel corso del tempo, qualcuno l'ha arricchita, ma è vero sa di cucina antica. 'Spetta che vengo a vedere che hai combinato tu! A rileggerci presto

      Elimina
  3. Cara Fabi veramente un bellissimo post, io ne ho approfittato e ho scaricato il PDF e con calma lo guarderò. Ciao e buona serata vara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso! Ci sono tantissimi dolci. Potresti raccontarmi delle tradizioni svizzere e magari ci organizziamo per fare i dolci. Buona serata

      Elimina
  4. Oh brava: ero qui che l'aspettavo! Nel mentre avevo cercato la versione glutinosa per capire che cosa era. Ora sbircio il pdf e mi hai fatto venire la curiosità di sapere quali sono gli altri 12 dolci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I 12 dolci che accompagnano la pompe a l'huile li ho scritti nel post, nel pdf invece ci sono tantissimi altri dolci italiani e da tutto il mondo per passare un Natale in piena convivialità.
      Mi piacerebbe molto preparare la specialità di Santa Lucia, anche se non è più Santa Lucia, ma è davvero buona...magari questa settimana...
      Buona serata cara <3

      Elimina
  5. Meraviglioso Peter O'Toole, davvero indimenticabile. Il pdf anche è bellissimo e me lo sono scaricato: complimenti a tutte le autrici!!!! Anche questa ricetta, che non conoscevo, è molto intrigante.... un bacione Fabi, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio a nome di tutte le mie compagne di viaggio!
      Questa ricetta mi ha davvero sorpreso e la rifarò davvero spesso. A rileggerci presto cara <3

      Elimina
  6. Ciao, complimenti a voi tutte per il bel risultato, un grazie particolare da mia sorella intollerante al lattosio che ne farà sicuramente buon uso!!!
    Molto interessante questo particolare dolce e mi piace la tua presentazione molto in linea con lo stile di questa tradizione!!!
    Tutto bene con il pelosetto???
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura! Spero che tua sorella possa trovare tanti spunti.
      La pelosetta va benone e io, la non gattofila di casa, le voglio proprio tanto bene <3 <3 <3
      Baci anche a te, buona giornata e a rileggerci presto!

      Elimina
  7. un gran bel lavoro ragazze bravissime la raccolta di ricette senza glutine
    complimenti a te per la rielaborazione di questo dolce che nulla ha da invidiare all'originale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther! Buon venerdì e a rileggerci presto !

      Elimina
  8. Ciao cara, bellissima la raccolta e che spettacolo il dolce... c'è sempre da imparare!!
    Un abbraccio e complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti al PDF.
      Ci vediamo sul blog per gli auguri carissima, intanto buona giornata <3

      Elimina
  9. Ciao, grazie!! Questo pdf è davvero gradito, molto ben fatto.
    Meraviglia di dolce. Stavo valutando anch'io in questo periodo l'utilizzo dell'agave in varie preparazioni e al solito mi nascono i dubbi: che non sia il caso di cominciare a prendere quelli certificati gluten free ? Anche se c'è scritto "puro" con le sofisticazioni che girano non è che ci ficcano dentro qualche sciroppo dubbio? Tu come ti regoli?
    Ciao. Francesca Tab :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, per le sofisticazioni il dubbio c'è per tutti gli alimenti, ma io mi fido anche della legislazione.
      Il succo di agave in Italia non è estremamente comune, in Usa tantissimi autori di blog e di libri sul gluten free lo usano da tempo e le marche che indicano sono gluten free.
      Le marche che ho comperato io, le uniche due che ho trovato, lo erano.
      Come materia prima l'agave è piuttosto sicura, la filiera produttiva dovrebbe esserlo altrettanto, ma in ogni caso raccogliere le informazioni è sempre importante. Ci rileggiamo per gli auguri. Buon venerdì!

      Elimina
  10. non avevo mai sentito parlare di questo dolce provenzale, chissà che buono !Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, a noi è piaciuto molto perchè nella sua semplicità è molto ricco di storia e di profumi. Un abbraccio e ci rileggiamo per gli auguri di sicuro <3

      Elimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D