venerdì 13 dicembre 2013

Pasta e broccolo fiolaro senza glutine senza latte vaccino per 100% GlutenFree(fri)Day #GFFD Pasta and broccolo fiolaro gluten free cow milk free 100% GlutenFree(fri)Day #GFFD

 Sottotitolo: Chi si ricorda di Padre Brown?


Quando cattivi pensieri mi mordono il collo, mi rifugio nella lettura dei gialli.
Per dimenticare piccole e grandi traversie, a mio parere non c'è niente di meglio che leggere un bel giallo, sprofondata in una bella poltrona reclinabile, avvolta in una confortevole copertina di pile.
Dal momento che devo passare del tempo a riposo, visto che il lato sinistro della mia schiena ha deciso di bloccarsi, e che devo scacciare un sacco e una sporta di pensieri cattivi, mi sto leggendo e rileggendo in lingua originale e in ebook tutti i racconti di Padre Brown. Così anche se un braccio è dolorante, riesco a reggere benissimo il peso di pagine e pagine ;-).
Nel mio immaginario Padre Brown è legato all'interpretazione magistrale di Renato Rascel, poliedrico artista un po' trascurato dalla memoria collettiva.
Sono cresciuta guardando alla TV i famosi sceneggiati, così si chiamavano una volta le serie televisive. Tra tutti gli sceneggiati, i miei preferiti erano ovviamente i gialli. Quanti ricordi legati al Maigret interpretato da Gino Cervi, al Nero Wolfe interpretato da Tino Buazzelli e al Padre Brown interpretato da Renato Rascel... e che comprimari che li accompagnavano nelle loro avventure... pensare che Flambeau era solo un certo Arnoldo Foà...
Bizzarro, leggo in lingua originale e l'immagine di Padre Brown che si forma nella mia mente è comunque Renato Rascel, ma che parla in inglese...

Letture e bizzarie a parte, è di nuovo venerdì ed è un altro appuntamento con il 100% GlutenFree(fri)Day #GFFD

Pasta e broccolo fiolaro senza glutine senza latte vaccino 
per 100% GlutenFree(fri)Day #GFFD

   Pasta and broccolo fiolaro gluten free cow milk free 
100% GlutenFree(fri)Day #GFFD



Ingredienti per quattro persone

350 g di Penne senza glutine (ho usato la nuova Pasta Barilla senza glutine)#
500 g di Broccolo Fiolaro biologico, pulito, cotto e ben scolato
100 g di guanciale senza glutine, ma anche senza lattosio (ho usato quello Beretta)#
olio extravergine di oliva Valli Trapanesi DOP
aglio italiano biologico
peperoncino seccato e tritato
sale
per finire: formaggio di latte crudo di capra, semi-stagionato 


#per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce contaminazioni e cross-contaminazioni.

Procedimento

Il mio spacciatore di verdure Giovanni, assieme al suo socio Alberto, coltivano un sacco di varietà di cavoli e finalmente ho avuto modo di conoscere il Broccolo Fiolaro.
Il Broccolo Fiolaro di Creazzo è un prodotto ortofrutticolo P.A.T (prodotto agroalimentare tradizionale) del Veneto; Creazzo è infatti un paese dei Colli vicentini. Si chiama fiolaro, perchè fa i fioi, le infiorescenze lungo il fusto. E' un cultivar piuttosto antico, conosciuto fin dai tempi dei Romani.
Giovanni e socio hanno cominciato a coltivarlo anche qui e posso solo dire: Meno male!
Con prodotti come questi organizzo benissimo le mie scorte. Certo, passo il sabato pomeriggio a pulire, lessare, scottare, saltare verdure, però poi il mio essere gourmet da 15 minuti funziona a meraviglia!
Perchè gourmet da 15 minuti? Perchè per fare piatti come questi non ce ne vogliono di più, sono piatti che possono fare davvero tutti e che tutti possono mangiare con gioia e in sicurezza.

Ho messo a bollire l'acqua per cuocere la pasta.
Il broccolo fiolaro l'avevo pulito come si fa con il cavolo nero, ovvero liberando con due dita la parte carnosa delle foglie dalla parte dura e fibrosa e dallo stelo. L'avevo lessato in acqua bollente e salata, ben scolato e messo da parte.
Ho preso una capace padella, dove ho messo l'olio extravergine, il peperoncino tritato e lo spicchio d'aglio in camicia, che ho tolto prima di saltare il broccolo fiolaro. 
Ho buttato la pasta, mentre saltavo il broccolo fiolaro.
In un padellino ho fatto brasare i dadini di guanciale.
Il tempo previsto di cottura della pasta è di nove minuti, ma l'ho fatta cuocere dieci minuti ed era perfettamente al dente.
Ho aggiunto la pasta direttamente nella padella del broccolo; poi ho aggiunto anche i dadini di guanciale brasati.
Ho impiattato il tutto e spolverato con il formaggio di capra semi stagionato, che ho grattugiato a grana grossa e che si è fuso con il calore della pasta.



Mio figlio, che ha imparato ad apprezzare il cavolo nero, ha mangiato molto volentieri anche questa pasta. Rimane ancora aperta la sfida tra lui e il radicchio tardivo di Treviso.
Vedrò che cosa inventare... 

Sperando in un fine settimana migliore della settimana in sè, buon appetito e buon #GFFD.

Alla prossima

42 commenti:

  1. Buon fine settimana cara Fabi, e un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Tomaso! le tue visite sono sempre molto gradite. Buon fine settimana

      Elimina
  2. Mi ricordo padre Brown.....Mi dispiace per la schiena, guarisci presto!!!!!!Però questa pasta è una meraviglia, ciao, conterranea!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima! Sono felice che qualcuno se lo ricordi perchè secondo me era un capolavoro e lo è ancora...Ho rivisto dei Nero Wolfe e dei Maigret originali in bianco e nero, mandati sul digitale terrestre a ore vampiresche, ma signori! Che classe!

      Elimina
  3. Quel piatto di pasta sarebbe perfetto per la mia cena... sempre ottime idee!!!
    Un abbraccio cara, buon pomeriggio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lory ormai è assodato che sono una chaltron woman, ma soprattutto sono una gourmet da 15 minuti...ovvero il tempo necessario per portare in tavola un piatto gustoso e sano :-D
      Buon fine settimana e a rileggerci presto <3

      Elimina
  4. Mai sentito questo broccolo! Ti invidio il formaggetto di capra a latte crudo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un prodotto agroalimentare tipico del Vicentino, che però Giovanni e socio coltivano con successo. A noi piace molto il cavolo nero e anche questo ci è piaciuto tanto tanto.
      Il formaggio è di un allevamento di capre sui monti del Veronese, spero di andare presto a visitarlo. Ho comperato il formaggio quando qui nel mio quartiere c'è stata la Festa di San Martino.
      Buon fine settimana carissima e bacissimi

      Elimina
  5. Un piatto veramente eccellente!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Buona domenica Paola. A rileggerci presto <3

      Elimina
  6. Eccomi, Francesca Tab :-)
    Anch'io divoratrice di gialli ma più in televisione e appunto ad orari da insonnia grave. Gli unici che, molti anni fa, mi davano un certo gusto nella lettura erano quelli di Agatha Christie. Per rilassarmi io mi butto sui libri di psicologia o di tecniche terapeutiche corporee, così faccio finta di aver intenzione di fare ginnastica ahahahah
    Ma passiamo al radicchio di Treviso per il piccolo. Quando potevo mangiare i celebri tramezzini mi piaceva il trito di radicchio crudo o saltato in padella ben amalgamato con il tonno sott'olio. Veniva qualcosa di molto cremoso. In alternativa stesso radicchio con la porchetta, meno cremoso. Ora non ho ancora trovato un pane di mio gusto per fare ste preparazioni. Se ti può essere utile prova tu sto veneto fast food gluten free per il bimbo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca Tab mi hai dato una fantastica idea per un antipasto...crema di radicchio e tonno, deve essere buonissimo.
      Buona domenica e a rileggerci presto <3

      Elimina
  7. Rascel, Buazzelli,Cervi, quanti ricordi delle loro magistrali interpretazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica Costantino, a rileggerci presto!

      Elimina
  8. ottimo questo primo e chissà quel broccolo che gusto!!! In bocca al lupo per la tua schiena, però a parte la schiena ti ho un po' invidiato...poltrona reclinabile copertina di pile e libro... sarebbe il mio pane!! magari anche un caffettino? Mi sto approcciando all'ebook, ma che bel giocattolino...sono entusiasta! Buon w-e e un bacione! rimettiti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena l'ebook è una bella scoperta. Sono una che ama il libro di carta stampata, però...vuoi mettere partire con 15 libri dietro che stanno tutti in un libricino? Solo di libri riempirei valigie.
      La poltrona reclinabile è vecchiotta, ma funziona...ed è mia ;-) non della micia!
      Buona domenica cara e a rileggerci presto <3

      Elimina
  9. Nain fiolaro, nain pasta buona !!!
    Buon fine settimana cara Fabi
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un giorno faccio un incursione dalle tue parti e te ne porto cara Rosetta!
      Buona domenica e a rileggerci presto <3

      Elimina
  10. Risposte
    1. e adesso devo inventarmi qualcosa di buono con quello riccio o menesta ;-)

      Elimina
  11. non conosco padre Brown, ma ho letto decine di gialli, a partire da Poirot et similia, li adoro...ne ho letti a tonnellate e ad oggi i libri thriller, gialli, polizieschi etc sono i miei preferiti.....
    questa pasta è da leccarsi i baffi. Com'è sta pasta Barilla? ancora non l'ho assaggiata, bacioni cara e riprenditi, il mal di schiena mandalo ai tuoi peggiori nemici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo fondare il club del giallo allora!
      La pasta Barilla ci è piaciuta, l'ho cotta un minuto in più del tempo necessario ed è comunque al dente. Il fatto che sia nella grande distribuzione può essere d'aiuto e sensibilizzare le persone nella conoscenza della celiachia.
      Per il mal di schiena ci vuole l'osteopata...mi sa...
      Buona domenica e a rileggerci presto

      Elimina
  12. Me li ricordo i racconti di padre Brown con Rascel, erano veramente bellissimi. Li ricordo con molto piacere. Come sempre fai delle ricette molto buone! Bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla! Ho molte tue ricette in wish list e mi sfogherò nel Natale. Buona domenica e ricambio di <3 i baci.

      Elimina
  13. che buona questa pasta nonostante l'orario è venuta fame, complimenti e grazie di essere passata mi hai permesso di conoscerti, a presto, vado in giro nel tuo blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! A rileggerci presto e buona domenica anche a te :-D

      Elimina
  14. ricordo anche io tutti gli sceneggiati che hai citato ! Buona questa pasta, il condimento saporito ne fa un piatto veramente succulento! Buona domenica, un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, se hai occasione di provare questo broccolo, provalo, perchè è davvero un prodotto eccellente. Buona domenica anche a te e abbracci <3

      Elimina
  15. Già, l'Italia in bianco e nero, è da giorni che sto studiando un post, mi manca... capirai allora che io sono ancora per il profumo della carta, sfogliare un libro per me rimane un gesto quasi magico. Un basin :-)
    Visto che amo il nero, ho proprio un pò di cavolo nero della mia Contadina preferita ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco, capisco...mi piace la carta stampata, l'adoro, per me un libro è carta che parla, però...però non disdegno più l'ebook perchè mi posso portare dietro tantissimi libri e la mia schiena ringrazia.
      Ieri ho pulito tre chili e mezzo di cavolo nero e ho due bei mazzi di broccolo fiolaro e un bel mazzo di cavolo riccio da sistemare. Buona domenica carissima vado ad impastare :-D

      Elimina
  16. Ma che bontà!!! un piatto fantastico, invitantissimo, complimenti!!!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Anisja! Buona serata e a rileggerci presto

      Elimina
  17. Fabi, sui gialli e sugli sceneggiati televisivi della nostra gioventù potrei usare esattamente le stesse parole.
    Anche a me piaceva molto Rascel-Padre Brown, ma avevo un debole per l'ispettore Lucas (ombra di Maigret, di cui imitava i tic, vizio di fumare la pipa compreso, e i baffoni), interpretato dall'ottimo Mario Maranzana, cugino, pensa un po' - ma questo l'ho scoperto recentemente - di una mia amica blogger.
    Mi spiace molto per il tuo mal di schiena; non sai come ti capisco, visto che a gennaio ne ho sofferto per un mese intero, quasi impossibilitata ad uscire dal letto senza aver prima preso un antidolorifico.
    Senti, ma questo broccolo fiolaro di cui ho tanto sentito parlare, che sapore ha? E' più delicato di un broccolo normale o ha un gusto più deciso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Eugenia, non ricordavo l'ispettore Lucas...che dimenticanza imperdonabile! Capisci che comprimari c'erano in queste produzioni? Persone che mangiavano pane e teatro, mica micio micio bau bau.
      Spero il tutto si risolva consultando un osteopata. La somatizzazione ha il suo bel peso, sia chiaro...
      Il broccolo fiolaro non ha le infiorescenze come i broccoli o i cavolfiori, ma foglie e fiori come le cime di rapa, il gusto è più affine al cavolo nero per certi versi. Spero di trovare altre ricette per valorizzarlo al meglio. Buona serata carissima e a rileggerci presto!

      Elimina
  18. Mi dispiace molto per la tua schiena e spero ti rimetterai in sesto.
    Il tuo piatto di pasta è molto invitante.
    Un grosso bacio.

    RispondiElimina
  19. Buongiorno Maria Bianca, per la schiena meno male che ci sono le iniezioni!Buona settimana e a rileggerci presto

    RispondiElimina
  20. Buongiorno amica,
    passo per lasciarti un cordiale saluto ;-)
    A rileggerci...

    RispondiElimina
  21. Bella Fabiana quanti bei ricordi mi hai fatto tornare alla mente. Padre Brown con Rascel, non ne perdevo una puntata. Per non parlare di Nero Wolf. A parte il fatto che avevo la passione per Rex Stout... che te lo dico a fare? L'anno scorso ho rivisto tutte le puntate fatte con Tino Buazzelli e Paolo Ferrari. Un mito! Come mitica la tua pasta con il broccolo fiolaro. Io sto fiolaro non lo conoscevo ma essendo incorda di tutte le crucifere penso che una scorpacciata me la farei volentieri. Un abbraccio amica mia!

    RispondiElimina
  22. fantastica la tua ricetta, grazie per i suggerimenti dei prodotti usati, a volte sono proprio necessari per rendermi preparata quando ho ospiti celiaci!!!!

    come stai???

    RispondiElimina
  23. pasta con le verdure, un ottimo abbinamento con quel tipo di verdura

    RispondiElimina
  24. Ciao Fabiana,
    mi ha fatto sorridere la tua espressione "Gourmet da 15 minuti" perché anche io come te, passo ore a preparare la verdura per poi riporla in scatole e sacchetti da surgelo, più o meno grandi, in base alla futura ricetta. E poi la sera, quando torno a casa dal lavoro tardi, mi scongelo la mia porzione e.. via di ricettine da 15 minuti ;)

    Ciao,
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Elly, Gunther e Artù grazie di passare sempre a trovarmi!
      @ Giorgia la cucina di tutti i giorni è così: cercare in 15 minuti di fare una buona ricetta, ricca di sapori, profumi, gusto e salute. Bello incontrare un'altra gourmet da 15 minuti ;-)
      A rileggerci presto sempre tra ricette e sorrisi :-D

      Elimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D