mercoledì 9 novembre 2011

Arista con cipolle borrettane e mele dell’Alto Adige senza glutine senza lattosio senza latte vaccino...Che sapore ha una giornata uggiosa?...Arista with onions and Atesinian apples gluten free dairy free cow milk free



In virtù del tempo metereologico mi è tornata in mente questa canzone, tormentone di tanti anni fa – ora ricordarsi quanti non è da signora, quindi glisserei.
Lo ammetto, amo Lucio Battisti. 
Tra i primi ricordi musicali di bimba “Fiori rosa Fiori di pesco” ascoltata alla radio, c’era l’Hit Parade, quella di Lelio Luttazzi...praticamente preistoria.
Ero e sono capace di ascoltare e riascoltare e riascoltare la medesima canzone per ore, che fosse con un mangiadischi, con un giradischi o con un cd...sono figlia dell’era senza ipod e da questo si capisce che sono datata? vecchia? vetusta? 
D’antan, come si usava dire...
“Una giornata uggiosa” coincise con la mia prima grande cotta, ovviamente non corrisposta...
... un amico, un ragazzino dagli occhi cerulei, bellissimi, il classico tipetto “so’ figo, so’ beo, so’ fotomodeo”, sudamericano, o meglio cileno di origine italiana, il classico tipetto che si divertiva a far innamorare tutte di sé e si divertiva anche a prendere in giro qualcuna...come la sottoscritta, che ci cascò in pieno come la peggior pera cotta, come da copione delle peggior telenovelas – il Sud America che torna e ritorna, ma sono altre storie...
E come in tutte le telenovelas che si rispettino, il ragazzino cileno e una mia amica genovese si innamorarono...
Che dire? un copione da manuale!
Quante volte ho ascoltato e riascoltato “Una giornata uggiosa” con la lacrimuccia lì, all’estremo angolo dell’occhio pronta a scorrere...

Sogno di abbracciare un amico vero
che non voglia vendicarsi su di me di un suo momento amaro
e gente giusta che rifiuti d'esser preda
di facili entusiasmi e ideologie alla moda

La cotta passò, qualche piccola cicatrice per me, parte del normale processo di crescita...persi di vista entrambi, sia il ragazzino cileno sia l’amica genovese, ma soprattutto persi un’amicizia che consideravo importante. 
Quando si è piccoli, a volte ci si comporta con leggerezza con i sentimenti altrui, ma è anche vero che si è compagni di viaggio anche per un brevissimo tratto di vita. 
E da tutto si impara.
Ricordando uggie metereologiche e del cuore, le assonanze della mia memoria hanno viggiato dal Cile a Roma e poi a Genova...
Genova sotto la pioggia, sotto il fango...pochi attimi indimenticabilmente devastanti. 
E’ piovuto, piove, non piove più, pioverà...i fiumi sono monitorati. I fiumi sono monitorati? 
C’è allerta. C’è allerta? 
Genova dopo la pioggia, l’Elba dopo la pioggia...anche Pozzuoli dopo la pioggia...quante cose ci raccontano le città dopo la pioggia...quante cose dovrebbero raccontarci le amministrazioni prima della pioggia? 
Dopo la pioggia devastante, dopo i morti, dopo le persone distrutte, dopo...troppe parole si dicono. 
Si consumano bits e fogli di carta parlando del dissesto idrogeologico, del clima che cambia, del clima che cambia ma non influenza, delle serie storiche di alluvioni...di responsabilità nella gestione dell’emergenza o nella non gestione dell’emergenza ho sentito parlare poco. 
Intanto il Po si gonfia, i suoi affluenti si gonfiano anche loro, qualche golena è lì per andare sotto, la piena passa...è piovuto. 
Piove? 
Pioverà?

“ ...
piove sul Parlamento,
piove su via Solferino,
piove senza che il vento
smuova le carte.
Piove
in assenza di Ermione
se Dio vuole,
piove perché l'assenza
è universale
(Montale, Piove)

Montale che fa il verso a D’Annunzio è anche profeta...chissà che la pioggia lavi davvero via dal Parlamento tanta zozzeria o sozzura, fate vobis...
Tempo fa mi sono “inventata” questa ricetta Arista alle cipolle borrettane e alle mele dell’Alto Adige. 
La trovo perfetta per consolarmi di tanta uggia e pioggia! 
Parafrasando Lavoisier in chimica, “ Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” vale anche in cucina. 
Dovrebbero rammentarlo soprattutto coloro che sono maghi dei copia-incolla di ricette e affini.

Fate un favore a voi stessi, citare è davvero rispetto ed educazione!

Gli spunti per questa ricetta sono diversi: dalla “genovese” la cui ricetta si può trovare ovunque nel web o nei fora, ma anche ricette come quella di Stefania o di Raffa, ma anche alcune ricette di una cara amica di forum che mi ha insegnato a cucinare il maiale in modi diversi.

ARISTA CON CIPOLLE BORRETTANE E MELE DELL'ALTO ADIGE
senza lattosio senza glutine senza latte vaccino
Arista with onions and Atesinian apples gluten free dairy free cow milk free


Ingredienti ovvero cosa diamine ci ho messo?

1 kg  e ½ di Arista di maiale del consorzio friulano Aqua 
1 kg circa di cipolle borrettane pulite
2 mele rosse dell’Alto Adige (croccanti)
2 mele golden dell’Alto Adige
Olio evo
Sale
Pepe di vario tipo macinato fresco
Vino bianco Incrocio Manzoni q.b
Brodo vegetale SENZA GLUTINE

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE  come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.

Procedimento ovvero come ho fatto?

Ho massaggiato con sale e pepe il pezzo di arista, l’ho legato, l’ho messo in una casseruola ampia, dove avevo già messo l’olio e le cipolle pulite, tagliate a pezzi. 
Ho fatto sigillare la carne, sfumato con il vino, un bicchiere abbondante, ho aggiunto le mele sbucciate e tagliate a dadini. 
Ho incoperchiato e lasciato cuocere a fuoco lento finchè cipolle e mele fossero in crema e la carne fosse cotta, bene ma ancora succosa. 
Aggiunto del brodo quando necessario. 
Il maiale è una carne che va ben cotta, per tutta una serie di motivi (come questi oppure questi, ma anche questi).

Una volta pronto, lasciar riposare la carne prima di tagliarla. 
Servirla con la salsa calda accompagnata da patate arrostite (qui ho sperimentato le patate con e senza buccia, ho messo in uso i miei guanti per le patate!). 
Le patate arrosto con la buccia sono ottime, da allora le faccio sempre così. 
Ci starebbero bene anche dei crostoni di polenta. 
Al cucciolo è piaciuto molto e anche il marito, critico negli abbinamenti salati con la frutta, ha apprezzato.
Oggi sarà una gran giornata: arriverà il bimbo dalla Repubblica Ceca ed è il mio compleanno. Quindi, tanti auguri a me e buona giornata a voi!



E siccome voglio augurarmi  e augurare una buona giornata - è uscito anche il sole! -  un po' di musica...


Brucerò per te - Negrita


Love is here to stay  - Rosemary Clooney


Diana Krall  - Cry me a River

17 commenti:

  1. Signora D'antan, forza che spunta il sole.
    Ti copio.
    mandi

    RispondiElimina
  2. Tantissimi auguri!! Evviva le scorpioncine, non mi stancherò mai di scriverlo in questi giorni... :)))
    Scopro oggi il tuo blog e come regalo di compleanno... ti seguo!
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  3. ma è un caso che tu abbia cucinato il maiale ieri? :-)
    mi piasce la ricetta...sui copioni lassamo perde che oggi la giornata è già grigia così...

    quei guanti.... stavo per rendermeli pochi giorni fa ma mia figlia mi ha fermata pensando, e cercando di convincermi, che fossero inutili...
    vero che tu mi convinci del contrario? tornerò al negozio...!^^

    RispondiElimina
  4. fabi... auguri ancora e questa ricetta sarà mia prossimamente sulla mia tavola
    ^-^

    perfetta sarebbe per le rifatte sai??

    bacioni

    V.

    RispondiElimina
  5. AUGURONI, BUON COMPLEANNO I!!! Carissima Fabiana, con i tuoi ricordi agro-dolci legati a Lucio Battisti mi hai riportato alla memoria la mia passione giovanile per Petula Clark. Chi era costei? Vai qui http://www.youtube.com/watch?v=oYpXf3BHde4
    Come te con Lucio, ascoltavo questa canzone per ore. A mia giustificazione devo dire che, all'epoca, avevo solo nove anni :)

    RispondiElimina
  6. Il Compleanno già celebrato! Però auguri in ritardo sono sempre di cuore! Che gusto ha una giornata uggioso? In casa nostra era minestrone di sera bel tempo si spera....e con il sole timido di oggi era pasta sugo di verdure caldo di sicuro(eravamo a 19° alle 15). Altro che riscaldamento atmosferico! un abbraccio dal quasi asciutto ponente, P

    RispondiElimina
  7. Buon compleanno Fabi!
    L'unica magra consolazione che rimane è che il tempo passa e passa per tutti!
    Per quanto riguarda l'ultima catastrofe ecco quello che penso:
    la verità è che non si ha rispetto per la natura e l'uomo somiglia molto ad un pidocchio, un parassita non intelligente. Con una differenza: i parassiti mantengono in vita il proprio ospite da cui dipende la loro stessa vita. Noi uomini, invece, stiamo uccidendo il nostro ospite senza riflettere che tutto questo avrà delle conseguenze molto pesanti sulla nostra esistenza. Peggio per noi! Mi rompe molto che le conseguenze le paghino sempre gli innocenti porca paletta! Non ne voglio parlare più perchè ho il volta stomaco.
    Io mi aspettavo che postassi la torta di compleanno, invece niente. mi accontenterò di questo bellissimo arrosto di maiale. L'abbinamento con le mele mi piace molto. Grazie e complimenti Fabi.

    RispondiElimina
  8. @ Rosetta è vero che spunta il sole :-DDD
    @ Cristina grazie di essere passata e a ben rivederci. Concordo: Evviva le scorpioncine!
    @ Norma magari avessi poteri di preveggenza! invece, macchè! Per i guanti, pensavo fossero inutili, mi son ricreduta! Magari ne inventassero per grattar via governi inutili! I copioni...tutto sommato non sono tanto toccata personalmente come Fabipasticcio ma come amica di tante copiate e copiati sì, le persone che si spacciano per ciò che non sono e magari ci lucrano pure non le sopporto!!! un paio di guanti per grattar via anche loro :-DDD
    @ Vale grazie tesoro bello, e perchè no al maiale rifatto??? Intanto abbiamo un lungooooo periodo davanti :-DDD Baciotto ai cuccioli doppio!
    @ Eu sì che conosco Petula Clark, mia mamma mi ha trasmesso l'essere onnivoara musicalmente parlando, ascoltavamo di tutto e ascolto di tutto e faccio ascoltate di tutto anche ad Alessio, adesso sto riscoprendo questa musica d'antan solo cronologicamente parlando, perchè come voci e sensazioni è brivido puro!!!
    @ Paula non sei in ritardo! Il compleanno è oggi. Comunque tu non sei mai in ritardo!!! Concordo sul tuo comfort food! Un abbraccio grande grande
    @ Elena che dire??? potrei dire tante cose, rischiando di essere come sempre troppo dura e polemica, ma perchè certe cose le sento dentro come il sangue che scorre...Meglio che taccia!!! Per la torta, posterò quella del mio cucciolo, fatta dal mio amico pasticcere! Le mele con il maiale sono perfette, le cipolle con le mele ed il maiale pure e se ci pensi questo è un piatto dà unità d'Italia: le mele altoatesine, le cipolle borettane dal centro nord, il maiale dal Friuli, ma la genovese è napoletana ;-) eppoi vuoi mettere provare con le annurche o con le cipolle di tropea??? Grazie a te carissima :-D

    RispondiElimina
  9. Cara Fabi, siolo stasera riesco a rispondere e a passare di qui a farti tanti auguri di cuore...per gli anni che passano, e tiauguro di avere sempre questa ricchezza del sentire, del dissertare nelle emozioni e nelle cose serie della scienza!
    Grazie per le musiche, anche se io sono poco avvezza ad ascoltare canzoni!
    Ma chissà perché i mariti sono sempre diffidenti quando si tenta di fare qualcosa di sfizioso, come questa arista?
    Era senza osso, penso!
    Io uso il lombo!

    Buona serata!

    RispondiElimina
  10. @ Ivana grazie mille! sempre indaffarata! Si era senza osso, era la parte della lonza con del filetto attaccato, è un taglio che trovo spesso e ci piace, ma tutti i tagli di maiale friulano sono ottimi. E' un prodotto di eccellenza a km 0 o quasi, come in Toscana hanno il maiale di cinta. Trovo splendido che si utilizzino i cultivar e gli animali tipici del territorio. Grazie delle tue belle parole!

    RispondiElimina
  11. Sono rimasta incollata nel leggerti,adoro Lucio Battisti e come te ho ricordi delle prime cotte insieme alle sue canzoni(a me e' andata meglio,nessuna ferita ma haime' l'ho fatta la ferita)e come te,se mi piace una canzone la ascolto fino alla nausea x vivermi appieno tutte le emozioni che mi da'.TANTI AUGURI!!! complimenti x la ricetta che dev'essere una goduria e x il blog che matto subito nella mia lista e sara' un vero piacere seguirti!!! ;-)))

    RispondiElimina
  12. Buon compleanno cara, già passato o ancora da venire?
    Vedo che ti festeggi bene ;-)
    E' impensabile quanti disastri naturali stiano avvenendo nel mondo, spero che non sia colpa della natura che sta cercando di far pagare al genere umano tutte le nefandezze fatte.
    Anche a me piace moltissimo Battisti ma anche il maiale :D
    Baci

    RispondiElimina
  13. @ Anna grazie carissima! Era ieri il compleanno, ma gli auguri fan sempre bene.
    Quello sulla natura è un discorso complesso, certo è che ci ostiniamo a voler piegare ai nostri voleri umani forze che non comprendiamo. Contenta che ti siano piaciuti entrambi!
    Ma sei mattiniera! Buona giornata and TGIF! :-D da te, da noi manca un po' :-D

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto fare un tuffo nei batticuori adolescenziali col contorno dell'immancabile Lucio Battisti. Che bella malinconia... (sospiro)
    P.S.: Quando passi da me, ogni tanto ricordati di fare l'accesso a GoogleFriend dal widget dei lettori fissi, in questo modo lascerai il tuo link in quello dei Top Followers. Non puoi mancare nella mia home-page! :)

    RispondiElimina
  15. @ Dona ma ne sia una più del diavolo! immaginati che lo dica con un tono molto molto "raffreddado". Managgia la pupazza, ho raccattato qualche virus...

    RispondiElimina
  16. l'arista con le mele è troppo buona! a casa nostra è un classico per quando vengono ospiti e si vuole fare bella figura!

    RispondiElimina
  17. @ Gaia concordo sulla bontà del binomio e complimenti per la tua ricetta che ho guardato adesso! Una buona arista, ben cotta, si presta a molti abbinamenti fantastici.

    RispondiElimina

Grazie! ogni commento è graditissimo e tornate a rileggere le risposte ;-) Buona lettura e a rileggervi presto