giovedì 15 settembre 2011

Lemonish Lemon! Lemon curd senza lattosio senza glutine senza latte vaccino ... lemon curd dairy free gluten free cow milk free ... per un inizio scolastico dolce e grintoso

Piccolo inciso
E’ iniziato un nuovo anno scolastico, già denso di novità!
A breve Ale ed i suoi compagni torneranno nella loro vecchia aula rinnovata e multimediale, corredata di LIM e touchscreens, il percorso della classe 2.0 entra nel vivo e loro non stanno più nella pelle.
E l’ultima novità, di ieri pomeriggio, è il prossimo arrivo di bimbi dalle nazioni partners o da una sola di essa nell’ambito del progetto Comenius e noi, come famiglia, ci siamo offerti di ospitarne uno di loro quando saranno qui, nel periodo di S. Martino. 
Alla notizia Ale era eccitatissimo, già si preoccupava per la lingua. 
Così io ed il consorte gli abbiamo detto “Ma tu andresti a trovarlo?”. 
E lui impassibile ci ha freddato con un “Ma certo!”. 
E ho davvero capito quanto una mamma possa essere iperansiosa per il suo cucciolo...magari le sue piccole ali sono ancora davvero tanto piccole, il suo volo potrebbe essere ancora inesperto, però siamo più spesso noi genitori ad aver più paura per i loro primi voli che non loro stessi.
Per prepararmi a tutto questo domenica scorsa ho cucinato parecchio, cucinare tiene sotto controllo lo stress...almeno dicono...peccato che invece le calorie siano incontrollabili. Meno male che l’anno scolastico inizia una volta sola...
Ah! Ringrazio sempre i visitatori che passano di qua e si fermano a leggere; in particolare ringrazio gli amici che si son fermati anche a commentare la ricetta delle Brioches al pesto di zucchine e mi scuso per non aver risposto loro, ma tutte queste novità mi han fatto andare in balla! 
Inoltre per rispondere ad Anna io parto con una ricetta (in quel caso l'ispirazione erano le brioches al prezzemolo) ma con il mio chaltron style ho sempre idee estemporanee e quindi sostituisco, cambio, modifico...mi sa che sono poco capace di seguire alla lettera una ricetta :-DDD...ecco come poi si arriva anche a questa ricetta ;-).

Che cos’è il lemon curd? 
Curd significa cagliata, quindi letteralmente è una cagliata di limone. 
E’ una crema a base di tuorli/uova, zucchero, burro e limone. 
Per me è una meravigliosa, peccaminosa e molto sostanziosa tentazione che incontrai la prima volta che andai in viaggio di studio in Inghilterra...praticamente parlo della mia preistoria.
Assaggiai la prima volta questa meraviglia spalmata su uno scone. 
Nonostante nessuno dei due fosse casalingo, fu subito amore...sono facile preda di coup de foudre culinari!
Ho sempre cercato il modo di farlo, soprattutto ho sempre cercato l’ingrediente fondamentale per farlo: ovvero ottimi limoni non trattati. 
In più, quando ho scoperto che dovevo evitare fonti di glutine e di latte vaccino dalla dieta volevo trovare una ricetta che non li comprendesse. Quindi, per anni sono riuscita ad evitare questa delizia e tutte le sue libidinose ma pericolose calorie.
Poi sabato scorso, dal mio fruttivendolo di fiducia vedo delle meraviglie: belle rotondità e profumo intenso in bella mostra...dei limoni non trattati eccezionali. 
Mi sono lasciata prendere la mano un pochino...un pochino tanto, visto che ne ho presi più di tre chili. E
 quando una delle deliziose signore alla cassa mi ha chiesto “ma cosa se ne fa di tutti questi limoni?” 
Ho risposto “Marmellata e lemon curd”!
Stavolta la congiuntura astrale era in mio favore e non potevo più tirarmi indietro! Non volevo tirarmi indietro!
Avevo sempre in mente la ricetta che che ho utilizzato, ricetta che ho visto per la prima volta su UniversoCucina postata da Elvira (che conosco da diversi anni di forum in forum), ma è una ricetta di Alessandra Raravis (che non conosco, ma che so essere anche blogger di Menù Turistico). 
Ecco che domenica scorsa - presa dalla mia frenesia culinaria -  ho preparato il mio lemon curd! 
Ovviamente (ma altrimenti che chaltron woman sarei!) ho apportato delle modifiche perchè con mio profondo sconcerto in casa non avevo un grammo, un singolo grammo di maizena (ma si può?).
Tempo pochi millisecondi, e con in mano il sacchetto della tapioca ho detto “ma posso usare la tapioca come addensante”. E’ bello constatare in frangenti come questi che le proprie sinapsi funzionano alla grande ;-).

Lemon curd senza lattosio senza glutine senza latte vaccino
Lemon curd dairy free gluten free cow milk free

Ingredienti (ho raddoppiato la ricetta originale)

6 limoni non trattati di cui sara’ utilizzata la scorza grattugiata ed il succo
4 tuorli
4 uova intere
400 grammi di zucchero
3 cucchiai non rasi di tapioca (consentito per celiaci, quindi fate attenzione alla spiga sbarrata e all’etichetta)
3 cucchiai rasi di olio evo (Valli Trapanesi nel mio caso, saporito ma non troppo. In caso il sentore di olio di oliva fosse troppo forte si potrebbe usare dell’olio di riso)
La tapioca è naturalmente senza glutine, deriva dalla manioca (cassava) ed è un ottimo addensante nonchè un ottimo componente per alimenti per la prima infanzia, poichè ha proprietà nutritive simili a quelle del latte (ma non ne contiene le proteine e non contiene lattosio).
Perchè ho messo tre cucchiai di tapioca? 
Nella ricetta originale veniva dato il numero dei limoni, senza particolari riferimenti alle dimensioni e al quantitativo di succo. I miei sei limoni pesavano più di un kilo ed erano estremamente ricchi di succo, quindi per intuito mi sono detta che due cucchiai non sarebbero stati sufficienti ad addensare.

Come ho fatto??? Ovvero Procedimento


Ho lavato bene i limoni, poi con la microplane ho grattugiato la scorza, avendo cura di non grattuggiare il bianco (la microplane è imbattibile in questo ;-) ) e l’ho messa in una capace casseruola. 
Poi, mentre spremevo il succo dei limoni, il ken (imbattibile anche esso) montava le uova, i tuorli, lo zucchero e la tapioca. 
Ho trasferito il composto uova, zucchero ecc. Nella medesima capace casseruola e piano piano ho aggiunto il succo, mescolando con cura. 
Poi ho messo il tutto sul fornello, a fuoco medio, continuando a mescolare. 
Non ho contato i minuti, ho fatto la prova cucchiaio: quando il composto lasciava un velo consistente sul cucchiaio era pronto.
Nel frattempo avevo preparato sei piccoli vasetti (Jamming Jamming Jamming) e appena il lemon curd era pronto ho invasettato e messo capovolto, coperto con canovaccio e ho atteso che si raffreddasse. 
Alla fine con questa dose ho invasettato 5 vasetti soltanto (capacità 250). La ricetta diceva di filtrarlo...
Ora non pensate che me lo sia dimenticato...come direbbe Arisotele “è nella natura del mio chaltron style il mio agire”...ergo non l’ho filtrato.
Siccome è una preparazione con uova, si conserva poco ed in frigo, non volevo perdere neanche un grammo di questa meraviglia, ho messo in congelatore tre vasetti...mi son detta “la va o la spacca”, poi ho scoperto (QUI!) che il lemon curd si può congelare e si mantiene per un anno inalterato in sapore e profumo. 
Intuizione felice, dunque.
Il non averlo filtrato a mio parere non l’ha diminuito. Lo dico con cognizione di causa, perchè ho aperto uno dei vasetti; adoro la buccia di limone, quindi quei microscopici pezzettini che ogni tanto si trovano, sono stuzzicanti. 
Ripeto, parere personale.
Inoltre, è venuto non troppo dolce. 
Questo è in relazione alle proporzioni tra zucchero e succo di limone. 
Me lo ricordavo più dolce, ma così l’ho trovato fresco e gradevole. Nel caso voleste farlo, spremete i limoni prima di miscelare uova e zucchero e, se volete, fate le necessarie proporzioni tra succo e zucchero.
Purtroppo ha una pecca e non perchè l’ho fatto io...intendiamoci, non è il mio chaltron style che gli ha creato il difetto, è tutto del lemon curd, anche in questa versione. 
Qual’è il difetto? 
Dà una dipendenza pazzesca! 
E’ godurioso pure mescolato nello yogurt...è meglio averlo congelato altrimenti sarei la sorella maggiore di Violetta Beuregarde, dopo aver masticato la gomma da pranzo – non un bel vedere di certo.
E ho fatto un’altra scoperta sensazionale: il curd si può fare con l’arancia, con il lime, con il frutto della passione, con il mango, con i cranberries, con i lamponi, persino con la banana...un universo di infinite possibilità ...peccato – o per fortuna - che non riusciranno mai ad entrare tutte insieme nel mio piccolo congelatore.

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE  come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.

18 commenti:

  1. riflessione: da te siete alle prese con la scuola 2.0, qui invece dobbiamo portare carta igienica, sapone e asciugamani... una mamma laverà le tende e già abbiamo procurato gessetti e cancellino contro le allergie.. e sempre Italia siamo...

    in bocca al lupo al figlio

    il lemon curd te lo copio di sicuro ^_^

    RispondiElimina
  2. Ciao Fabi!!

    Da tanto ho visto la ricetta in UC, ma poi mai che abbia avuto occasione di farlo, anche se dalla Calabria a volte mi arrivano dei bei limoni naturali!
    Io li uso parecchio in cucina, ma mai per preparazioni in sé!
    Complimenti!

    Buona giornata!!!

    RispondiElimina
  3. mi hai fatto pensare che potrebbe essere delizioso mescolato allo yogurt greco...no?disconoscevo tutto il procedimento di questo lemon curd, anche se l'avevo letto da tantissime parti!!ottimo risultato!!brava!!!e buon inizio scuola!!:)

    RispondiElimina
  4. avevo un ricordo splendido del lemon curd della Robertson? un nome simile, comunque si trovava nello scaffale delle confetture, si finiva a ditate.. :-D .. ho provato diverse ricette ma assume sempre un sapore "ferroso" che non me lo rende gradevole...anche aumentando lo zucchero...
    l'idea del senza burro mi piace assai, però ho sempre questa cosa che mi frena... mi sai dire se è normale, o come ovviare?

    RispondiElimina
  5. Ormai io faccio solo questo con l'olio di oliva: è buono uguale e anche di più!
    P.s. Anche io avendo fatto una superproduzione l'avevo congelato e grazie a DIo l'esperienza dello scongelamento è stato positivo!!! :)
    P.s. Io ho lasciato il mio cucciolo da mia mamma per una settimana e mi sono sentita male... ;)

    RispondiElimina
  6. @ Vale ti ho scritto sulla scuola :-*
    @ Ivana Grazie! Buona giornata anche a te!
    @ Spuntini è tremendamente buono nello yogurt di soia, figuriamoci nello yogurt greco! Occhio a non diventare lemoncurd addicted!
    @ Norma lo fa la Robertson ma anche altre ditte. Il sapore ferroso dipende dai limoni credo, questi che ho comperato non so se fossero campani, ma in ogni caso hanno molto succo, bella buccia e sono profumatissimi. I restanti sono in attesa di essere trasformati in marmellata. Il sapore è assolutamente normale anche con l'olio di oliva, ma se non ti piace l'olio di oliva nelle preparazioni usa quello di riso ;-) meglio di quello di arachidi o di soia.
    @ Stefania non ho fatto ancora una superproduzione, ma i limoni non trattati dal mio fruttivendolo li trovo spesso...meno male che il congelatore è piccolo, altrimenti altro che mongolfiera, un dirigibile! Il mio cucciolo quest'anno è stato solo due settimane dalla nonna a Roma, quando aveva 4 anni non volle fare i centri estivi e io non sapevo come fare e così andò a Roma per un mese e mezzo, ogni due settimane lo andavamo a trovare...passato un mese il consorte era in sclero, io idem (ma ha cominciato lui, eppoi dicono cuore di mamma) e decidemmo che il nostro limite di sopportazione da assenza non supera le tre settimane, ma si patisce, si patisce. Solo che bisogna lasciarli andare

    RispondiElimina
  7. Non l'ho mai fatto, ma l'idea dell'olio mi piace e pure tanto! Un abbraccio e buonissima serata

    RispondiElimina
  8. @ Marifra lieta che ti sia piaciuto ;-) ricambio abbraccio e buona serata anche a te! Grazie per essere passata di qua :-)

    RispondiElimina
  9. grazie per i consigli, olio di riso, di sicuro! per il piccolo...non sono in periodo di gran consigli, tra pochi mesi saprò dove va la mia (estero, credo) e son già in paranoia...:-(

    RispondiElimina
  10. @ Nora :-*** prima che il cucciolo spicchi il volo ho ancora un po' di tempo, ma in bocca al lupo per il volo della tua cucciola

    RispondiElimina
  11. Non immaginavo che il progetto Comenius comprendesse anche bambini delle elementari! Vi aderisce anche la scuola di mio figlio grande, ma è un liceo linguistico... Davvero bella 'sta cosa dei cuccioli! :)
    Ho letto tutto sul Lemon curd, anche se, come sai, non sono cuciniera, e devo dire che la cosa mi ha intrigata non poco... ;)

    RispondiElimina
  12. @ Dona il nostro plesso partecipa sia come scuola elementare sia come scuola media. Contenta che ti sia piaciuta l'idea. Prima o poi ci vedremo per un caffè ;-)

    RispondiElimina
  13. *GRAZIE per le tue visite ed i complimenti.
    *GRAZIE per la ricetta del lemon curd che copierò senz'altro... mi è venuta l'acquolina in bocca al solo leggerne la ricetta
    *scuola 2.0 e progetto Comenius? il nipotino ha detto che vorrebbe poter frequentare di Ale...
    Buon inizio anno scolastico!!!
    Tante serene giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
  14. lemon curd.. mai provato e, devo ammettere, mai assaggiato! le tue foto sono così belle..mi invoglia!mi unisco al tuo blog.. a presto ciao

    RispondiElimina
  15. una bella idea questa me la conservo , mi piace l'idea della tapioca

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D