mercoledì 6 maggio 2009

Waffles salati alle Olive e Pomodori senza glutine senza lattosio senza latte vaccino ... Waffles with olives and dried tomatoes gluten free dairy free cow milk free


Cucino non soltanto per mangiare, ma soprattutto per ricordare...
E' un atteggiamento proustiano, lo so...
A questo però si abbina parimenti la voglia di sperimentare o meglio quella di "pasticciare", altrimenti non sarei che una chaltron woman qualsiasi! ;-) 
Essendo molte le persone a me care sparse in giro, cucinare una delle loro ricette o un piatto che abbiamo mangiato assieme mi fa sempre un piacere immenso, e soprattutto vedo che gli uomini di casa gradiscono (non solo loro a dire il vero...le chaltron women hanno più di una freccia al loro arco allora!)

Comunque questa ricetta nasce da una ricetta della mia amica Paola, che vive oltreoceano in una delle città che amo di più (Vancouver the Great). 
Ovviamente nasce glutinosa e io l'ho liberamente adattata.

WAFFLES SALATI ALLE OLIVE E POMODORI SENZA GLUTINE SENZA LATTOSIO SENZA LATTE VACCINO
WAFFLES WITH OLIVES AND DRIED TOMATOES GLUTEN FREE DAIRY FREE COW MILK FREE

Ingredienti

- 3 uova intere extrafresche cat. O
- 500 g di farina senza glutine (Hammer Muehle, quella che uso io)
- 300 g di latte di soia
- 100 g di acqua minerale frizzante
- 1 bustina di lievito (per torte salate)
- 300 g di olive verdi snocciolate tritate grossolanamente
- 200 gr di pomodori secchi sott'olio tritati grossolanamente
- sale se necessario

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE  come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.


Procedimento

Mescolo tra loro gli ingredienti secchi, ovvero farina e lievito. 
Mescolo tra loro gli ingredienti liquidi, ovvero latte, uova e acqua.
Aggiungo ai liquidi le olive verdi e i pomodori secchi tritati. 
Poi, dopo aver mescolato aggiungo a questo composto gli ingredienti secchi avendo cura di non fare i grumi e di ottenere una pastella liscia, fluida, consistente e non troppo liquida.
Di solito lo faccio nella planetaria, perchè ne faccio grandi quantità che poi surgelo.
Lascio riposare almeno 10 minuti, anche 20.
Dopo aver acceso la waffleliera (io uso la Bifinett) a media potenza, comincio a cuocere le waffles (3 minuti minimo). 
Mano a mano che le preparo le metto a raffreddare su una gratella per dolci. Si possono tagliare i singoli cuoricini e servirli con aperitivo e dips vari, oppure farcirli a gusto proprio o mangiarli così da soli...tutto questo ovviamente SE si riesce a resistere alla tentazione di mangiarli ancora caldi, scottandosi la punta dei polpastrelli, dando suggerimenti alla "cuoca" con la bocca piena e quant'altro...ecco perchè ne faccio grandi quantità.

Per scongelarle, io le metto in frigo e una volta che scongelate le passo in forno caldo per pochi minuti, tornano belle fragranti

http://www.universocucina.com/site/html/News,file-article,sid-283.html

6 commenti:

  1. Fabi, anche noi facciamo questi waffel - ma in versione "glutinosa" e dolce, poi ci spalmiamo marmellata o nocciolosa.....La versione salata non la conoscevo. Ci provo e poi ti dico come mi è uscita. Alla prossima.

    RispondiElimina
  2. Ciao Fabi!
    Io ho conosciuto questo dolcetto tramite amici canadesi, di origine abruzzese, e mi è proprio risultato strano che quelle che loro chiamano pitzel, sono le ferrarelle abruzzesi, che oramai si trovano dappertutto in Canada e USA proprio per l'emigrazione molto forte di un secolo fa! Persino le fabbriche dell'attrezzo idoneo, sono di origine italo canadese, che da piccoli artigiani hanno fatto delle fortune!!!!
    Praticamente sono le ferrarelle, dolcetti cotti nei ferri dai disegni personalizzati, a seconda delle famiglie, in Abruzzo!
    Il cibo è proprio una fonte di conoscenza incredibile!
    Tengo in nota la tua ricetta, per mia cognata!!!
    Ciao!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao care Mobizu, anche io faccio la versione dolce aglutinosa sempre, ma anche lì cioccolato a go go'!
    Ciao Ivana, per le ferratelle credo che l'impasto sia leggermente diverso, ma poco importa, sono buonissime entrambe...
    Ah! in versione salata con il pesto sono buonissime!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Fabi, li ho proposti ieri a cena - senza pomodorini però - sono piaciuti molto e quindi sono entrati nel mio quaderno personale delle ricette (il che significa che verranno proposti tante altre volte!!!) Per quanto riguarda la festa di primavera, il 24 noi non ci saremo. Alla prossima. ciao ciao

    RispondiElimina
  5. Sono contenta che siano piaciuti! Allora prova quelli al pesto ;-)
    E arrivederci alla prossima baci baci

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima Fabi:o)
    Che contenta che leggo che ogni tanto mi pensi,anche attraverso il cibo! Purtroppo non entro spesso nel mondo degli amici bloggers,ma prometto di essere + costante d'ora innanzi....anche perche' ho da poco 'partorito' il mio piccolo babyblog... eggia'...ma che casino tesoro!...non ci capisco quasi nulla!LOL
    Ritornando al cibo...e' da tanto tempo che non ho fatto la mia ricetta dei waffles salati...
    come sai la mia e' tutta creata a caso...un po' di questo,un pizzico di quello e via.....quindi questa di per certo none' come le pizzelle abruzzesi cara Ivana,amica mia anche tu lontana....
    Ho amiche abruzzesi qui e ti assicuro che le originale delle loro radici hanno un sapore del tutto diverso...ottime cmq!;o)
    Un bacione oltreoceanico...
    Vancouver e' qui che sempre ti aspetta!...ed io ancora di +!:o)

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D