giovedì 30 gennaio 2014

Muffins con radicchio tardivo di Treviso e salsiccia senza glutine senza lattosio senza latte vaccino ... Muffins with Treviso long leaf radicchio and sausage gluten free dairy free cow milk free


"Il radicchio di Treviso e quello di Castelfranco Veneto sono l’estremo dono della terra, che, quando l’autunno si assopisce nell’inverno, dall’umiltà verdognola del campo, sommersi negli stessi umori della stagione in dissolvimento, si gonfiano in linfe trionfali che danno loro un coloro ed una consistenza impareggiabili…
Il rosso del radicchio di Treviso, con l’intera tavolozza di gialli, dei verdini, dei rossi, dei bianchi, degli ocra, nelle magnifiche rose del radicchio di Castelfranco, diviene (con i rigori dell’inverno) più dolce e più morbido.
E’ strano, ma nel radicchio di Treviso, dalla linea gotica slanciata, ed in quel di Castelfranco, dalle morbide volute rococò, sembra sintetizzarsi quasi l’antica anima veneta, dalle ancestrali osservanze religiose, dal profondo rigore morale, dalle speranze rivolte ai cieli, sino alla delicata contemplazione della natura, ed al gusto di aderirvi serenamente con una semplicità assoluta che diviene raffinato uso delle gioie che essa propone saggiamente ed onestamente ai sensi…”

(Giuseppe Maffioli)

Il radicchio tardivo di Treviso (Chicorium Intubus) è il fiore d'inverno per eccellenza. Si distingue dal precoce perchè ha una forma più allungata, a coste strette, bianchissime che terminano con foglie rosso - violetto.
Per saperne di più vi invito a leggere i seguenti links:


Giovanni ed il suo socio, i miei spacciatori di verdura e frutta bio, sono produttori di radicchio rosso tardivo di Treviso - quello in foto. Ovviamente, bio.



In realtà hanno anche il radicchio di Castelfranco e anche quello di Verona, che è di un delicatissimo color rosa pallido.
Adoro quest'ortaggio, in tutte le salse, anche semplicemente in pinzimonio con l'olio eccezionale della mia amica Paula è un mangiare sopraffino.
Convivo con due uomini, uno grande ed uno piccolo, e una micia bellissima.
I due uomini non amano moltissimo le preparazioni con il radicchio, però io sono peggio della goccia che scava la roccia e alla fine hanno imparato ad apprezzare il radicchio tardivo in insalata.
Intanto io continuerò a scavare.
La ricetta di oggi è una di quelle che faccio spesso; di solito la facevo quando si andava a cena in casa di amici o ci si trovava per picnic o altro, adesso la faccio spesso per avere degli ottimi pranzi da portare al lavoro.
Inoltre, ça va sans dire, adoro i muffins in ogni salsa, li faccio e li rifaccio da anni, ho diverse ricette in archivio e oggi vi presento una mia personalissima rielaborazione di muffins salati, partendo dalla ricetta base trovata in Mostly Muffins di Jean Parè.
Ad ognuno le proprie bibbie culinarie...

Scusate per le foto, ma queste le ho fatte di corsa, prima di servire gli affamati ;-)




Muffins con radicchio tardivo di Treviso e salsiccia 
senza glutine senza lattosio senza latte vaccino  
Muffins with Treviso long leaf radicchio and sausage 
gluten free dairy free cow milk free

Ingredienti per 12 muffins 

200 g di farina senza glutine senza lattosio Mix B (Schaer)#
160 g di fecola di patate #
80 g di farina di riso#
1 bustina di cremortartaro+bicarbonato di sodio senza glutine#
2 uova grandi extrafresche cat. O
un pizzico di sale
65 g di margarina senza glutine senza latte vaccino senza grassi idrogenati (ho usato anche burro di capra)#
100 ml di latte di soja senza glutine senza lattosio senza zuccheri aggiunti (scatola rossa Provamel)#
100 ml di yogurt di soja bianco, bio, senza glutine senza zuccheri aggiunti (Sojasun)#
300 g di radicchio tardivo di Treviso crudo, lavato, tritato grossolanamente
100 g di salsiccia di maiale senza glutine senza lattosio senza latte vaccino #
1/2 bicchiere di vino bianco secco - di solito uso Sauvignon di produzione locale Az. Terre Grosse
olio evo q.b.
sale
pepe.

# per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.

Procedimento


Preriscaldare il forno a 190 °C.
In una padella saltare con poco olio evo la salsiccia sbriciolata, sfumare con il 1/2 bicchiere di vino bianco secco e aggiungere il radicchio tardivo lavato e tritato; infine aggiustare di sale e pepe.
Mentre il radicchio e la salsiccia si raffreddano, mescolare in una terrina gli ingredienti secchi tranne il sale.
Nella ciotola della planetaria inserire le uova, il sale, la margarina fusa intiepidita, il latte e lo yogurt di soja. Mescolare il tutto utilizzando la frusta a K per impasti morbidi.
Aggiungere gli ingredienti secchi e mescolare.
Infine aggiungere il radicchio e la salsiccia, continuando a mescolare.
Riempire i pirottini per 3/4 con l'impasto.
Infornare e cuocere per 5-6 minuti in forno caldo a 190 °C; successivamente abbassare la temperatura del forno a 180 °G e cuocere per altri 20-22 minuti. Trascorso questo tempo, il forno viene spento e i muffins vengono lasciati raffreddare per 5 minuti nel forno, poi messi su una gratella per dolci.
Sono ottimi caldi, tiepidi e anche freddi.
Buoni con i formaggi freschi, ama anche da soli, serviti in un picnic o in un aperitivo.
Si possono congelare tranquillamente, vanno scongelati in frigo e scaldati con il micronde.
Nonostante le farine senza glutine utilizzate, rimano morbidi anche il giorno dopo e dopo la scongelamento.
Il libro che abbino a questi muffins è Arcobaleno di Banana Yoshimoto, scrittrice che amo moltissimo. Arcobaleno è il nome del ristorante indonesiano dove lavora la nostra protagonista; come tutte le storie di Banana Yoshimoto anche in questo libro ci sono storie nella storia, una ricchezza di eventi che non ti aspetteresti...un po' come questi muffins che si sono arricchiti di sapori e prodotti di eccellenza.
Qual è invece il vostro libro?
Buona giornata e serena lettura :-D

17 commenti:

  1. E' davvero un dono della natura, per la sua bellezza e naturalmente per la strepitosa bontà!!!
    Ho preso nota, voglio provare la tua proposta di oggi!!!!
    Un abbraccio cara!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lory!
      Serena notte e sorrisi per te :-D

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Valentina
      serena notte e a rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  3. Il radicchio tardivo è in assoluto la cosa che più mi manca di Treviso, quanto ne ho mangiato da bambina... fatto in mille modi diversi, e sempre ottimo! Trovarlo a Genova è difficile, anche perché a volte spacciano per radicchio di Treviso cose che non lo sono nemmeno lontanamente... e quando si trova quello vero, bisogna aprire un mutuo per comprarlo! Ma che goduria quando lo posso gustare! Lo cercherò per provare questa tua gustosa ricetta, se non ci riesco mi accontenterò delle "copie"! Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O ci incontriamo a metà strada, oppure vengo io da te o tu da me...abbiamo abbastanza combinazioni da studiare :-D
      Sei ufficialmente la mia press-agent e pubblicista!
      Dopo aver letto la ricetta sei subito corsa a rifarla e ti è piaciuta.
      Vista la tua bravura non ho mai dubbi sulla riuscita dei tuoi esperimenti e te lo dico anche qui: quando vuoi te li pubblico qui!
      Alessandra for president <3
      Sorrisi a profusione :-D

      Elimina
    2. Ma non avevo ancora letto questa tua risposta! Sono più seguace di facebook che del blog, mea culpa... ma le ricette le seguo e rifaccio moooolto volentieri!
      Incontrarci a metà strada, perché no? O magari faccio un salto in laguna, con mia sorella diciamo spesso che dovremmo andare a trovare la nonna. E di sicuro torno a casa carica di radicchio!
      A presto cara! <3

      Elimina
  4. Buoni, buoni, buoni, quasi quasi verrei da te a pranzo....adoro il radicchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lilli bentrovata!
      La porta di casa mia è sempre aperta, sappiatelo :-D
      Serena notte e a rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  5. Molto, molto originale questa ricetta. Che idea originale per usare il radicchio. Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Isa! Adorando il radicchio, come potevo non provarlo ovunque o quasi!
      Serena notte e a rileggerci presto sempre tra ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  6. amo molto anche io il radicchio..ottima idea da gustare!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona serata Enza!
      Grazie per essere passata a trovarmi.
      A rileggerci presto tra ricette e sorrisi!

      Elimina
  7. Apprezzo molto questa ricetta, come apprezzo il radicchio in tuttele sue varietà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben ritrovato Costantino!
      Hai ragione: ogni varietà del radicchio va apprezzata!
      Serena notte e a rileggerci presto tra ricette e sorrisi <3

      Elimina
  8. Fortunatamente sto in zona spacciatori di tardivo. Beh pure di salsicce e di questa ricetta mi sembra di conoscere già profumi e fragranze. Certo i muffins così non li ho mai fatti, quindi da provare!
    Libro, direi Donne Che Corrono Coi Lupi di Clarissa Pinkola Estes :-)

    RispondiElimina
  9. Sono innamorata di questo meraviglioso ortaggio, fino a qualche anno fa molto di nicchia, ora un po' meno. I muffin sono fantastici, è' una preparazione molto golosa, da provare!
    Baci
    Maria Teresa

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D