mercoledì 8 gennaio 2014

Biscotti di frolla senza glutine senza lattosio senza latte vaccino Shortbread cookies gluten free dairy free cow milk free

Sottotitolo: Il mio re-cookie 

Avevo promesso a me stessa che avrei fatto questi biscottini per Natale, ma come spesso accade - o forse dovrei dire accadeva, visto che l'anno vecchio è finito - le mie wish list hanno sempre dei ritardi.
Stavolta il ritardo non è stato che di qualche giorno, considerato che ho fatto questi biscottini il giorno di Capodanno.
Sissignore, ho fatto biscotti il primo giorno dell'anno!
Se è vero il vecchio adagio, potrei biscottare per tutto l'anno, allora!

Io li ho fatti non solo senza glutine, ma anche senza lattosio e senza latte vaccino e utilizzando solo farine naturalmente senza glutine, apportando quindi alcuni cambiamenti nella grammatura della frolla.
Studiando la mia attuale casistica di esperimenti con la frolla, credo che continuerò ad usare farine naturalmente senza glutine, visto che mettono d'accordo i gusti dei glutinosi e degli sglutinati.

Approcciando questa ricetta e volendo utilizzare le farine naturalmente prive di glutine, ho proceduto gradualmente alla pesatura degli ingredienti e scrivo quindi le grammature finali ottenute per avere una pasta frolla degna di questo nome, come aveva fatto Stefania.


Biscotti di frolla senza glutine senza lattosio senza latte vaccino 
con farine naturalmente senza glutine
Shortbread cookies gluten free dairy free cow milk free 
with naturally gluten free flours


Ingredienti 
per 95 biscotti circa, stampini da 5 cm di diametro

250 di maizena o amido di mais #
250 g di fecola di patate # - io uso sempre la San Martino
200 g di farina di mais bianca #
10 g di xantano
200 g di zucchero a velo # - ho usato quello della San Martino
1 uovo cat. O extrafresco
220 g di margarina senza glutine senza lattosio senza proteine del latte senza grassi idrogenati #§
aroma a piacere - ho utilizzato lo zucchero vanigliato che faccio da sola, mescolando vanilla bourbon e zucchero a velo senza glutine.

Per guarnire:
latte di soia
zucchero di canna bruno
zucchero a velo senza glutine

#per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce contaminazioni e cross-contaminazioni.


* la farina bianca di mais per polenta è una farina molto diffusa qui in Veneto e si trova in qualsiasi supermercato. Ci sono diverse ditte che garantiscono che sia senza glutine. Di solito compero sempre quelle e poi la conservo in un barattolo di latta ben chiusa, quindi può capitare che si mescolino tra loro, ecco perchè non ho scritto la marca utilizzata. La farina bianca di mais per polenta ha generalmente una granulometria più fine della farina di mais gialla per polenta.

§ per la grammatura della margarina,  dipende dalla sua composizione. Ci sono prodotti molto cremosi  che ho notato si comportano come l'olio evo e quindi vale la regola di considerare nella grammatura un 25-20% in meno. Però ci sono prodotti che si comportano come il burro e quindi si può mantenere la stessa grammatura. 



Procedimento 

Ho seguito pari passo le indicazioni date prima da Cinzia e poi da Stefania.
Ho messo la margarina, l'uovo, lo zucchero a velo e lo zucchero vanigliato nel Kenwood e ho mescolato il tutto usando la frusta a K (frusta a foglia).
Poi ho aggiunto tutte le farine naturalmente prive di glutine e lo xantano. Ho mescolato finchè si è formata una palla di pasta, morbida al punto giusto e profumata.
L'ho fatta riposare in frigo.
Basterebbero 30 minuti, però io avevo impastato il tutto prima del pranzo di Capodanno, quindi la pasta ha riposato almeno due ore.
Ho preriscaldato il forno a 180°C.
Poi l'ho porzionata e stesa tra due fogli di carta da forno.
Ha una ottima stendibilità.
Con i tagliabiscotti  - nuovi di zecca che dovevo quindi inaugurare - ho formato i biscotti. Ho rimpastato tutti i ritagli per formare i biscotti, fino ad esaurimento della pasta.
Alcuni sono stati spennellati con latte di soja dal cucciolo e spolverati con zucchero di canna bruno.
A forno ben caldo ho infornato i biscotti, tre teglie per volta.
Ho fatto cuocere fin quando non si sono dorati - mediamente 12 minuti direi.
La cottura è ovviamente fortemente condizionata dal tipo di forno.



Man mano che erano cotti li ho sfornati su una gratella per dolci, atteso 10 minuti circa, messi su un piatto di portata, spolverati con zucchero a velo e portati in tavola, dove si stava svolgendo un torneo di scala quaranta.
Quindi, tra una infornata e l'altra, tra una mano e l'altra di scala quaranta son riuscita a fare le foto, mentre tutti facevamo la prova assaggio.
Dalla prova assaggio è risultato che:

  1. non hanno nessun retrogusto farinoso
  2. è necessario un forno ben caldo per avere una ottimale cottura e croccantezza dei medesimi
  3. quelli con la granella di zucchero di canna sopra sono andati per la maggiore
  4. all'inzuppo hanno resistito benone, risultando leggeri in bocca, non spappolandosi o non creando mappazza.
  5. mia suocera mi ha fatto notare che erano poco dolci, forse per i biscotti è possibile aumentare la grammatura dello zucchero a velo fino a 250 g.
Mia suocera mi ha chiesto la ricetta per rifarla.
I nonni romani hanno continuato con la prova assaggio tra una mano e l'altra di scala quaranta.
Io e il cucciolo testavamo la forma migliore, sempre tra una mano e l'altra di scala quaranta.
L'ingegner consorte non giocava a carte, ma se li gustava in silenzio, decretando anche lui alla fine che s'ha da rifare.

Grazie mille Stefania Fornostar e Cinzia 


Questi biscottini sono adatti per un full relaxing moment, ovvero mug di tisana/ the/ infuso/ caffè/ cioccolato caldo, piattino di biscotti, copertina di pile, poltrona reclinabile, sottofondo musicale, libro o ebook.
Al momento uno dei miei sottofondi musicali preferiti  è l'opera omnia di Dave Brubeck.
Come libro, considerata la mia passione per i gialli e le dective stories, ci vedo una full immersion nelle avventure di Hamish Macbeth di M.C. Beaton, rigorosamente in lingua originale.
Voi che libro preferireste con questi biscottini?

36 commenti:

  1. Buon anno!!!!proprio stamattina vorrei iniziare ad aggiornare il mio blog,,,ma non so' se avro' tempo...tanto per cambiare!!!!I tuoi biscotti hanno un aspetto favoloso e tutti quei"senza"non li rendono affatto meno importanti anzi dall'''aspetto li divorerei tutti!Buona vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben ritrovata cara Raffaella! Spero tu abbia tempo per aggiornare il tuo blog.
      A rileggerci presto tra pensieri, ricette e sorrisi <3

      Elimina
  2. Mia cara, le tue farine naturalmente prive di glutine mi convincono assai! Ho qualche difficoltà a reperire la farina di mais bianca, ma la trovo, quindi, proverò la tua versione!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio riprovare al più presto questa ricetta con un po' più di zucchero a velo nell'impasto e altri taglia biscotti ;-)
      Grazie per avermi dato la ricetta :-*

      Elimina
  3. Cara Fabi, lo ho sempre detto sei una vera artista nel fare dei dolci!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. ma che belli questi biscotti!
    ma lo xantano con cosa si puo' sostituire?
    grazie per la visita e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara!
      come sostituire lo xantano?
      c'è chi utilizza la farina di chia, che qui in Italia è molto costosa e si trova con difficoltà. Io non l'ho mai utilizzata, quindi non so dirti come si comporta poi con le farine, perchè come tutto anche gli addensanti vanno provati e messi in giusta dose altrimenti il male è peggio della cura ;-)
      Buona giornata a te e a rileggerci presto tra pensieri, ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  5. Ciao, la Eat Parade è la stessa dell'anno scorso aggiornata al 2013, quindi il miglior piatto del tuo blog dell'anno appena passato. Ti aspetto! a presto

    Intanto ti rubo un biscotto, hanno aspetto delizioso a dispetto di tutti quei "senza" :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara! Forse ho già in mente la ricetta, appena posso la ripubblico :-D
      A dispetto dei senza si cucina e si mangia con tanto gusto, davvero!
      A rileggerci presto tra ricette, pensieri e sorrisi :-D

      Elimina
  6. Molto belli e tu sei bravissima che li sai interpretare.
    Buon anno amica mia
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosetta grazie con tanti abbracci! <3

      Elimina
  7. ohhhhhh sei una grande! stessa perplessità di Stefania, la farina di mais bianca mi sa che non sarà facile da trovare, ma ricordo che a te non piace il sapore della farina di riso finissima...se ti piacesse potrebbe essere usata al posto della farina di mais bianca? ;-) biscotti grandiosi, tu trovi una soluzione a tutto, bravissima! bacioni zuccheratissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, a me la farina di riso non piace e non mi piace neanche troppo la consistenza che dà ai dolci, chiaro che è un parere tutto mio eh!
      non saprei dirti come si comporterebbe la farina di riso, sicuramente vanno modificate le proporzioni delle farine.
      Potrebbe anche cambiare la resa.
      Se tu o Stefania non trovate la farina di mais bianca, fatemi uno squillo, ve la spedisco. Qui si trova senza doversi spennare. E' tipica di queste zone ;-)

      Elimina
  8. Biscotti?.....Arrivo!!!!Dai, da,i che con questo trionfo di dolcezze hai cominciato l'anno benissimoe lo continueraialla grande, ciao!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari, io scaramanticamente ho incrociato le dita e continuo a cucinare ;-)
      A rileggerci presto tra pensieri ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  9. Così candidi e perfetti me li mangerei leggendo "la casa degli spiriti" della Allende. Bacioni Fabi, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni buon libro dovrebbe avere un buon biscotto d'accompagnamento ;-)

      Elimina
  10. bellissimo brubeck, mi mette una grande allegria.
    questi biscottini sono da rifare assolutamente, ma io posso metterci il burro vero?
    un bacione e buon 2014!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia c'è il link alla ricetta di Stefania per il burro, poi mi dirai come sono venuti se usi le farine naturalmente senza glutine.
      Ricambio i baci e a rileggerci presto tra pensieri, ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  11. hanno un aspetto davvero delizioso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pippi! Benvenuta sul mio blog.
      Spero ci rileggeremo presto tra pensieri, ricette e sorrisi :-)

      Elimina
  12. E direi che sono proprio perfettamente riusciti!
    Sarà un anno fantastico ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo prima a Mari e Fiorella ho scaramanticamente incrociato le dita e continuo a cucinare...e non solo :-D

      Elimina
  13. sono deliziosi , riusciti alla perfezione ! Buon weekend Fab, un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara! Con abbracci e sorrisi buon venerdì a te!

      Elimina
  14. a prova di suocera, li puoi chiamare così... e allora i dubbi svaniscono all'istante! scherzo! complimenti davvero da provare, sai che non riesco a trovare lo xantano? eppure pare che risolva tanto in queste preparazioni "senza".
    Per quanto riguarda le tortine di frutta che ho pubblicato: è il classico lievito chimico per dolci, la bustina, per intenderci, ma se vuoi puoi usare anche la miscela cremor tartaro e bicarbonato, in questo caso vanno bene entrambi...
    un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo xantano Elena lo trovi in farmacia o online, ma i barattoli che vendono sono grandini e se non ne fai un uso assiduo il gioco non vale la candela.
      Sì, nelle preparazioni SENZA soprattutto utilizzando le farine naturalmente senza glutine - sempre certificate esenti da contaminazioni - lo xantano è necessario per creare uno pseudo reticolo.
      Grazie per la dritta sul baking, io uso praticamente solo cremore+bicarbonato mi trovo decisamente meglio.
      La tua frolla è decisamente nella mia wish list <3
      Un abbraccio e tanti sorrisi per questo venerdì carissima <3

      Elimina
  15. sei sempre favolosa .... questi frollini (o biscottini di frolla) hanno un aspetto divino!

    RispondiElimina
  16. Grazie carissima <3
    Buona domenica e tanti sorrisi :-D

    RispondiElimina
  17. sono arrivata solo ORA qui, direttamente dal gruppo.
    il tag ahimè non aveva funzionato.
    complimentissimi e grazie per la condivisione.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la splendida frolla!
      A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D

      Elimina
  18. complimenti!!! hanno un aspetto stupenderrimo!!! :P <3

    RispondiElimina
  19. Promemoria per tutti: i commenti anonimi finiscono in spam. Quindi se avete piacere di lasciarmi un commento, qualunque esso sia, comprese critiche costruttive - perchè il dialogo mi aiuta a crescere - per favore presentatevi :-D
    Grazie a tutti!
    A rileggerci sempre col sorriso :-D

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D