venerdì 19 aprile 2013

Spaghetti con le peverasse in rosso (spaghetti con le vongole senza glutine, senza lattosio, senza latte vaccino)...facciamo un po' di penitenza

Oggi digiuno e penitenza...visto quando accade nel mondo e in casa nostra...soprattutto dovrebbero farlo i signori onorevoli e senatori, così magari torna loro in mente che governare lo Stato Italia non è proprio come giocare a Monopoli...


Spaghetti con le peverasse in rosso - Spaghetti con il sugo di vongole

Ecco la mia proposta per un po' di penitenza...

Direste che questo piatto è SENZA GLUTINE? O SENZA LATTE VACCINO, SENZA LATTOSIO?
Invece lo è!
Direste che è un piatto d’emergenza?
Invece lo è!

Ingredienti per quattro persone
300 g spaghetti senza glutine Garofalo (ringrazio l’azienda Garofalo per avermi fatto provare i loro prodotti)§
250 – 300 g di Polpa di pomodoro bio
Aglio a piacere
Olio evo (io preferisco sempre comperare olio prodotto e confezionato in Italia, con olive italiane, basta leggere le etichette)
500 g di peverasse sgusciate, cioè vongole sgusciate (con guscio considerate spannometricamente il doppio del peso) ►
Sale#
Pepe dal mulinello
# ho utilizzato del dado granulare senza glutine, senza lattosio, senza proteine del latte Germinal
ho usato un prodotto surgelato


§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce cross-contaminazioni.

Procedimento
Le vongole vanno lavate bene, messe a spurgare in acqua e sale, poi vanno saltate in padella, fatte aprire, vanno sgusciate e va filtrata l’acqua di governo.
Però, se siete in emergenza estrema, ovvero tornate dal lavoro tardi - oppure avete una pausa pranzo brevissima - e volete comunque mangiare un piatto decente e non panino e prosciutto, fate come la chaltron woman!
Tengo sempre nel congelatore delle vongole surgelate (potendo ci si può organizzare e congelarle partendo da quelle fresche, ma mica sempre si può).
Faccio scongelare in MW le peverasse surgelate, bastano pochi minuti, filtro anche l’acqua di governo et voilà pronte per il sugo. Nel mentre, ho messo già la pentola con l’acqua per la pasta sul fornello, poi prendo un tegame capiente e faccio dorare uno spicchio d’aglio in camicia in olio evo. Una volta dorato lo spicchio d’aglio, lo tolgo e aggiungo la polpa di pomodoro bio, un pizzico di dado granulare, aspetto circa cinque minuti o forse più e aggiungo pure le peverasse e pure qualche cucchiaio della loro acqua filtrata.
A questo punto, l’acqua per la pasta è già stata salata e bolle, quindi butto gli spaghetti e li faccio cuocere al dente – di solito metto il tempo minimo riportato sulla confezione. Quando gli spaghetti sono cotti, il sugo è pronto. Condisco gli spaghetti, li metto nei piatti e la cena è pronta!
Lo so…il mio chaltron vibe è inarrivabile!

Questo è quello che succede a casa della sottoscritta, quando ella torna tardi, perchè ha da fare analisi collo Strumento  - che sia quello del piano di sopra o di sotto, meglio mettere la lettera maiuscola…sono permalosi, poi cominciano a fare le bizze : "e non va bene il flusso del gas, non mi piace il tuning, c’ho le lenti poco pulite, c’ho che l’HPLC mi fa fastidio"
No, non è un episodio nuovo di Transformers, solo cronaca di vita quotidiana in laboratorio, che spesso mi fa dire “alle porte di Tanhauser ho visto cose che voi umani…”.
Del perché pubblico una ricetta così semplice, d’emergenza ma buona buona è presto detto: Gragnano  ha fatto riconciliare la chaltron woman che non ha amato e non ama la pasta lunga con gli spaghetti…e senza glutine!
Si può volere di più?

Un piccolo haiku per dessert

Stella luminosa
polvere universale
brillerò ancora?

(10-1-2013)




12 commenti:

  1. Ciao Fabiana, un bacio con schiocco :-)

    RispondiElimina
  2. La mia chaltron woman preferita! Ma certo che si pubblicano ste ricette. Perché? Perché noi foodblogger siamo comuni mortali che lavorano tutto il giorno e non sempre hanno la pazienza, il tempo e la voglia di fare cose troppo complicate. Però amano mangiare, e pure tutti i giorni! E ricordare ogni tanto che ci sono piatti gustosi, veloci e anche gli alimenti surgelati ci fanno comodo e sono buoni! Per quanto riguarda poi il problema del gluten free... allora un altro punto a favore della tua ricetta! Ciao bella mia, passa un buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  3. Tu seu troppo buona...altri che questa delizia darei ai nostri cari rappresentanti politici...
    Queste sono le paste che amo!! Risolvono la vita !!

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    passo per un rapido ma cordiale saluto, da inoltrare anche ai tuoi familiari.
    A presto.

    RispondiElimina
  5. Ciao carissima, a me il tuo piatto di spaghetti con le peverasse :) piace tantissimo!! Adoro la semplicità!!
    Un abbraccio stretto, passa un felice fine settimana.
    A prestissimo :)

    RispondiElimina
  6. Un piatto goloso e invitantissimo!!!! Bravissima!!! Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Carissima Fabiana è sempre un piacere sentirti. Oggi hai postato uno dei miei piatti preferiti.....ora che ci penso è da un po' che non mi faccio due spaghetti con le vongole.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Bravissima Fabi, questa me la copio.
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  9. mmmhhh...che fame, le pevarasse. Ottime!

    RispondiElimina
  10. Cara Fabi!

    Proprio ho sorriso...il G. fa spesso questo piatto, ovvero ci assomiglia molto, ci piacciono queste cose semplici, gustose...ma con carattere!

    Buona settimana ate e ai tuoi due uomini!!!

    RispondiElimina
  11. bellissimi questi spaghetti! Le poverasse le ho conosciute l'anno scorso a Cesenatico! Lo chef de La Buca ci ha preparato un piatto magistrale, proprio come il tuo!! Anzi il tuo è meglio!!! Mi unisco ai tuoi lettori con molto gusto!!! a presto Marina

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti per i commenti ed i saluti che avete lasciato passando di qua :-D Buona giornata e a rileggerci presto presto

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D