martedì 3 gennaio 2017

Biscotti al the di Marta Stewart con Indian Chai senza glutine senza lattosio senza proteine del latte vegan

Con la neve sciolta faccio bollire the profumato
(Mencio)


"Devo ammetterlo...è freddo" dice la mia voce a bitchy, cercando conforto tra il boa di piume e un vezzoso giacchettino.
"La prima novità del 2017? Sei umana!" le rispondo, avvolta nel mio pile, in una sciarpa lunga e calda e mentre tengo in mano una fumante tazza di the, leggermente macchiata con latte di riso.
"Sbaglio o è profumo di cannella? Mi sembra di sentire anche dello zenzero...ha un profumo così buono" dice la mia voce a bitchy, con uno sguardo metà Gatto degli Stivali metà bambola di un film horror d'antan.
Respiro e rispondo: "E' chiaro che non stai bene...mettiti questo pile, prendi questa tazza di the, con il latte di riso...sì con il latte di riso...e bevi! Se per ogni volta che sto male avessi il tuo aspetto, avrei incubi perennemente!"
Mentre sorseggia il the, lo sguardo diventa beato, e con una vocina che già fa sentire le sue note tipiche di voce a bitchy, dice "Potresti passarmi un biscotto".
La voce a bitchy e l'attimo fuggente...
Comunque, lo Yogi Tea non sbaglia mai.
"Adesso voglio vedere come arrivi a spiegare la ricetta..." dice sorniona la mia voce a bitchy.
Appunto.
Lo Yogi Tea non sbaglia mai.

L'inizio è che io adoro preparare i biscotti.
Magari guardando il blog non sembra, ma è così. Quando arriva l'Avvento il mio forno è spesso costretto a turni massacranti, come il mio Kenwood. Vaniglia, zenzero, cannella, pumpkin spice mix...è tutto nell'aria.
La ricetta di oggi era nella mia wish list da qualche anno, ma come spesso mi capita, arriva qualcos'altro da fare e quindi ciò che avevo in mente slitta nella lista "alla prossima volta"
Ma questa volta è stata la volta giusta!
Poi, dopo non aver scritto nel blog per un po', devo ritornare con un entrata di impatto - la mia voce a bitchy annuisce.
Una versione senza glutine l'ha fatta anche Anna Lisa di Senza glutine per tutti i gusti.
Come sempre, la mia versione è ancora più free from.


Biscotti al the di Marta Stewart con Indian Chai
senza glutine senza lattosio senza proteine del latte vegan
Martha Stewart's Tea Cookies with Indian Chai
gluten free dairy free milk proteins free vegan


Ingredienti
per 35 biscotti circa

250 g di farina Piaceri Mediterranei senza glutine senza lattosio
due bustine di Yogi Tea Indian Chai
2 g di sale grigio di Bretagna
210 g di olio di cocco a temperatura ambiente (in forma solida)
90 g di zucchero di canna demerara
3 g di buccia di arancia non trattata da agricoltura biologica già grattugiata (la buccia di 1 arancia)
10 ml di Cointreau




Procedimento

Dopo averlo pesato, ponete l'olio di cocco, che a temperatura ambiente, viste le latitudini, è solido.
Con un coltello di ceramica, tagliatelo a cubetti.
Ponete quindi l'olio così tagliato insieme allo zucchero di canna nella planetaria. Con la frusta a K cominciate ad amalgamarli, partendo dalla velocità minima e arrivando a media velocità, finché il composto non è amalgamato.
Lo Yogi Tea Indian Chai non ha bisogno di essere tritato, è già fino. Apritene quindi due bustine e versate il contenuto in una ciotola.
Nella stessa ciotola aggiungete la farina e il sale. Mescolate il tutto.
Aggiungete quindi le polveri nella ciotola della planetaria e impastate nuovamente a velocità minima.
Sembrerà che non si amalgami.
A questo punto aggiungete la buccia grattugiata dell'arancia e il Cointreau.
Impastate sempre a velocità minima e si formerà una palla.
Preparate due fogli di carta da forno.
Mettete quindi il composto su un foglio e dividetelo a metà. Ponete l'altra metà sul secondo foglio.
Procedete quindi così:
1) formate un salsicciotto regolare, di circa 2,5 - 3 cm di diametro massimo e impacchettatelo per bene con la carta forno, avendo cura di non lasciare aria all'interno dell'impasto.
2) fate la stessa cosa con il secondo salsicciotto.
3) Martha Stewart dice di mettere i salsicciotti nei tubi di cartone della carta da cucina, io ho saltato il passaggio
4) mettete quindi i due salsicciotti ben impacchettati o in frigo per 24 ore (come ho fatto io) o in freezer per 1 ora.
Trascorse le 24 ore, preriscaldate il forno a 180 °C, a 190°C se infornate più di una teglia contemporaneamente.
Tirate fuori i salsicciotti dal frigo, poneteli su un tagliere pulito e apriteli.
Con un coltello affilato, tagliate a fette i salsicciotti (circa 0,5 cm ).
Poneteli con cura su una placca.
Quando il forno è ben caldo, infornate le teglie e lasciate cuocere i biscotti per 13-15 minuti - devono essere dorati.
Prima di metterli sulla gratella a raffreddare, lasciateli riposare almeno 15 minuti sulla teglia, fuori dal forno.


Si conservano molto bene nella classica scatola di latta e, come tutti i biscotti, maturano e quindi i profumi si amalgamo ancora meglio.
Accompagnateli ad un the nero, intenso, macchiato con un po' di latte di riso, o in purezza.
Li rifarò con altri the e la prossima volta non commetterò l'errore che ho fatto questo volta, cioè non togliere bene l'aria e quindi qualcuno ha qualche buchino sulla superficie.

Passato l'anno, passati mesi burrascosi, ritorno ad abbinare la ricetta con un libro.
Per questi biscotti, consiglio Alan Bennet, uno qualsiasi dei suoi romandi va benissimo - da Nudi e Crudi a The Lady in the Van. In particolare, io ho letto The Uncommon Reader, ovvero La Sovrana Lettrice. Tutto Bennet era nella mia wish list da molto tempo, consigliato caldamente dalla cara Dede, amica e blogger di viaggio (Varie ed Eventuali).


Cheers

1 commento:

  1. Questi biscotti sono fantastici..anch'io ho un debole x loro e x le spezie :-P
    Grazie anche x avermi ricordato di partecipare alla raccolta di Manolo ^_*
    Buona serata <3

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D