venerdì 20 giugno 2014

Panini integrali alle erbe e robiola di capra senza glutine senza proteine del latte vaccino per il #GFFD ... Brown buns with herbs and goat robiola gluten free and cow milk proteins free for the #GFFD

Sottotitolo: Prendere una bellissima ricetta di Sonia e rifarla, unendo due o tre altri esperimenti assieme...insomma il chaltron vibe rulez!


Il tempo meteorologico ha assistito con sole e vento la settimana, che però ansima verso la sua fine col suo carico di uggia e stanchezza. Soprattutto stanchezza, che mi coglie al pomeriggio e mi fa desiderare profondamente il letto, ma tale desiderio scompare quando arriva l'ora canonica di dormire.
Ritorna l'insonnia a farmi compagnia, perchè in questi frangenti sulla mia voce a non posso contare...lei dorme profondamente, russa profondamente, fuma eccessivamente, di tanto in tanto beve e tutto questo lo fa in maniera ancor più evidente, quando io ho la mia crisi d'insonnia.
Mi sono data alle riletture: vecchi gialli di Agatha Christie, qualche libro di James Herriot ... dopo un breve, ma costruttivo scambio di opinioni sugli scrittori viaggiatori con una delle Spuntine,  ho riletto Anatomia dell'Irrequietezza di Bruce Chatwin, del quale ho letto quasi tutto a parte uno o due libri.
Eoni fa, quando cominciai a lavorare per la mia tesi di laurea, venendo da Roma a far campionamenti quassù, in Laguna, in uno dei viaggi in treno mi fece compagnia Le Vie dei Canti dello stesso autore.
Una folgorazione!
La lettura di quel libro fu così meravigliosa e avvincente che credo di non aver mai osato rileggerlo per conservare quel ricordo.
Però, rileggere Anatomia dell'Irrequietezza valeva davvero la pena.
Tra una rilettura e l'altra, ho fatto diversi esperimenti in cucina e, ovviamente, prendevo tre, quattro anche cinque idee insieme e cercavo di fonderle in unico esperimento. Ciò rallegrava profondamente la voce a, la quale mi apostrofava con "sai che tutto questo sperimentare potrebbe essere completamente inutile per te, ma utile per creare uno spatascio?"
"Non dici sempre che ho un grande fattore C? Se non hai fiducia in me, abbi fiducia in quello" le rispondevo, mentre scrivevo sul quadernino l'iter del mio esperimento  - ricetta.
"Tesoro, per diventare bitchy come me hai bisogno di classe, esperienza e classe! Il tuo fattore C può essere del tutto inutile. Sappilo!" mi rimbeccava la voce a, accendendosi l'ennesima sigaretta. 
"Ma non dovevi diminuire il numero delle sigarette?" - io.
"Shhht e impasta...che è meglio" - la voce a.
Ecco che per questo 100% Gluten Free (fri)Day #GFFD propongo questa ricetta profumata.


Panini integrali alle erbe e robiola di capra 
senza glutine senza proteine del latte vaccino per il #GFFD
Brown buns wiht herbs and goat robiola 
gluten free and cow milk proteins free for the #GFFD


Ingredienti
per 10 panini

400 g di farina per pane e pizza Nutrisì senza glutine senza lattosio senza proteine del latte #
150 g di farina Brot Mix Schaer senza glutine senza lattosio senza proteine del latte #
350 ml di acqua di governo della mozzarella di bufala
28 g di olio di riso
1 bustina da 7 g di lievito di birra liofilizzato senza glutine #
100 g di robiola di capra
3 cucchiaini da the di aneto secco #
3 cucchiaini da the di erba cipollina #
6 g di sale al Kraeuter Butter Bad Reichnaller senza glutine #

farina Brot Mix Schaer senza glutine senza lattosio senza proteine del latte # per lo spolvero
1 tuorlo d'uovo
3 g di zucchero di canna 
un pizzico di sale fino.

bilancia, ciotola della planetaria Kenwood, ciotolina, lecca-pentole, caraffa per misurare, cucchiai, cucchiaini, carta da forno, leccarda del forno, pennello in silicone, piccola spianatoia*, spatola, pellicola per alimenti.


# ancora una volta ricordo che: per i celiaci e le persone gluten sensitive bisogna accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce contaminazioni e cross-contaminazioni. Per il lattosio e le proteine del latte controllare sempre le etichette e le diciture in esse presenti.
*io ne uso uno in vetro.

Procedimento

Ho pesato tutti gli ingredienti secchi, tranne le spezie ed il sale alle erbe, direttamente nella ciotola della planetaria Kenwood.
Ho intiepidito l'acqua di governo della mozzarella di bufala.
La mozzarella di bufala era stata comperata nel mio caseificio di fiducia, Zanchetta a Casale sul Sile, dove acquisto anche tutti i formaggi di latte di capra. 
L'allevamento di bufale e quello di capre sono in zone limitrofe al caseificio, quindi la filiera è corta, a km 0. Inoltre, è garantito che non siano mescolati latti provenienti da animali diversi. Ciò quindi consente di consumare i formaggi di capra con sicurezza, da parte di chi soffre di intolleranza alle proteine del latte vaccino. 
L'idea di utilizzare l'acqua di governo della mozzarella di bufala l'ho presa da Chiara de La Voglia Matta
Una volta intiepidita, ho versato l'acqua di governo nella ciotola del Kenwood. A questo punto ho aggiunto l'olio di riso e la robiola di capra, sempre acquistata nel medesimo caseificio.
Con la frusta a gancio e a velocità minima, ho cominciato ad impastare.


Una volta che gli ingredienti si erano amalgamati, con un lecca-pentola ho spostato la massa dai bordi verso il centro della ciotola. Poi, ho aggiunto le spezie ed il sale alle erbe.
Aumentando mano a mano la velocità, ho continuato ad impastare fino a che tutto fosse ben amalgamato.
Ho coperto la ciotola del Kenwood con la pellicola per alimenti e l'ho messa in forno, con la lucina accesa, cosicché la massa potesse lievitare.
Ho lasciato lievitare per almeno tre ore.
Trascorso questo tempo, con una spatola ho messo l'impasto sulla spianatoia precedentemente spolverata con il Brot Mix.
Ho reimpastato e ho dato la piega all'impasto (seguendo la tecnica del folding che è ben spiegata nel blog di Pat di Pane). Ne ho data una, perché l'impasto è diventato subito bello liscio e maneggiabile.
A questo punto, con la spatola ho porzionato l'impasto in 10 pezzi di peso uguale,
Ho formato quindi delle pallette, che ho messo sulla leccarda coperta da carta forno.
Ho coperto le pallette con uno strofinaccio pulito e le ho lasciate lievitare di nuovo per altri 30 minuti.
Nel frattempo, ho preriscaldato il forno a 220°C.
Ho poi mescolato in una ciotolina il tuorlo d'uovo con lo zucchero ed il pizzico di sale.


Trascorsi i 30 minuti, ho pennellato la superficie dei panini con il pennello in silicone.
Ho infornato la leccarda nel forno.
Dopo 5 minuti, ho abbassato la temperatura del forno a 200°C e i panini hanno cotto per ancora 20 minuti.
Sono pronti quando sono dorati e quando bussando con le nocche il fondo, esso suona vuoto.
Li ho messi poi a raffreddare su una gratella per dolci.
Non si sono raffreddati più di tanto, perché era ora di cena. Così, il cucciolo li ha mangiati senza farcirli, io li ho mangiati con l'uovo al tegamino, il consorte li ha mangiati con la soppressa e con i formaggi. 
Hanno avuto un buon successo, visto che uno tirava l'altro!
I rimanenti li ho avvoltolati in uno strofinaccio pulito e si sono mantenuti morbidi.
Scaldandoli 10-15 secondi in MW. la fragranza rinasce!


Anche questo esperimento è riuscito buono buono!


9 commenti:

  1. Ciao fabiana, che brava!! Hanno un ottimo aspetto, si vede che sono morbidi e in barba al glutine!!! Bravissima :)

    RispondiElimina
  2. è una meraviglia davvero l'acqua di governo fa i suoi miracoli
    la mia assenza è giustificata ho un nuovo locale oltre la pizzeria d'asporto ho anche una pizzeria birreria stile country praticamente ora mi chiudo in cucina e non esco più :(
    appena posso vengo un bacione

    RispondiElimina
  3. sono molto invitanti ;)
    buon week end

    RispondiElimina
  4. Belli e sicuramente buoni!!! Cara Fabi.
    Ciao e buon fine settimana cara amica, sempre con un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Fabi, la vera Forno Star sei tu!

    RispondiElimina
  6. Fabiana, sei troppo forte, chaltron foodblogger e pure senza glutine/lattosio e chipiùnehapiùnemetta :-D Un bel fine settimana a te <3

    RispondiElimina
  7. sono bellissimi! mai usata l'acqua di governo della mozzarella, so dove reperire quella a km 0, appena posso la prendo e provo, sono tanto tanto curiosa sai? bravissima! quando la voce a parla quella b mi pari Montalbano nei suoi libri che si parla accussì anche lui....hihihi bacioni!

    RispondiElimina
  8. ke meraviglia| bellissimi e senza glutine.. :)

    RispondiElimina
  9. Ehi ma questi non li avevamo visti...sembrano ottimi e poi tutti questi ingredienti freschi!! Evvai di fattore C!!

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D