giovedì 4 agosto 2011

Aveiro de Portugal


Moliceiros nel Canale centrale di Aveiro

Magari non sono brava come David Lodge, ma vorrei provarci lo stesso a raccontare di questo mio breve viaggio in Portogallo, per via di un convegno.
Viaggiando in treno da Lisbona ad Aveiro, la Venezia portoghese, quasi in solitario…in compagnia di me stessa e di un buon libro, quindi non da sola, tra una parola e l’altra ho potuto apprezzare il panorama che mi scorreva accanto. Riarsa bellezza la natura che mi dava il benvenuto: chiome di alberi verde scuro mosse dal vento, cielo color cristallo, erbe secche che davano il giusto tocco di giallo al tutto…un pensiero, anzi due tirati dall’arco zen della mia memoria: la California e Van Gogh.
La costa nord della California, dove il Pacifico – secondo il vento- bacia, accarezza, si schianta sulle spiagge e sulle scogliere ed i pini, attenti osservatori, sempre lì, il tronco consumato che racconterebbe chissà quante storie se si prestasse l’orecchio, l’odore del salmastro che pervade lo spirito nel profondo…
Gli alberi, anzi la natura tutta di Van Gogh che, fiera delle sue ferite, nonostante tutto grida “in ogni caso, viva la vita”…nella sofferenza si ama…
Mia opinione è che quando il cielo incontra il mare, ma soprattutto l’oceano ha tutto un altro respiro: è più libero. Ogni sua sfumatura mi ammalia e mi ha fatto e continua a farmi innamorare, anche se adesso non avrei più l’età per passare del tempo, naso all’insù, a guardarlo, a respirarlo…o forse sì?
Il cielo che porta con sé l’oceano, attraverso i canali della Ria de Aveiro arriva ad Aveiro, accompagnato dal vento, e si confonde con le azulejos che ricoprono case e chiese…e le azulejos si fanno murales. 
Azulejos
Se ne trovano sparsi per la città diversi e tutti in tema con le attività della cittadina: le saline, la raccolta del “moliço” (fanerogame e alghe marine presenti nella Ria di Aveiro che venivano raccolti ed utilizzati come mangime), i moliceiros (le barche personalizzate e coloratissime utilizzate per navigare nei canali della Ria di Aveiro e per andare a raccogliere il moliço),  gli “ovos moles”…Eppoi si torna alle basi, bianco e nero per il lastricato, che porta con sé comunque il mare, l’oceano attraverso simboli e bolle di varia grandezza.
Murales nel campus, gli ovos moles e scultura con ceramiche

Oltre al convegno interessantissimo (ma quanto devo ancora imparare, avrei bisogno di almeno due altre vite…) ho conosciuto persone belle, ricche di entusiamo, di pensieri e ripensamenti, dubbi condivisi e condivisibili…una bella avventura. Nonostante il convegno assorbisse praticamente tutto il tempo, di Aveiro la ventosa non ho solo carpito la bellezza degli azulejos e dei moliceiros, ma anche quella di alcuni tesori più o meno celati: i ristoranti. Nutrirsi si deve e con la cucina portoghese ci si nutre all’ennesima potenza! Partiamo dai ristoranti, alcuni sembrano bettole, altri trattorie uscite da un film degli anni ’60-’70 …tipo la cena in trattoria tra Gassman e Manfredi…il film credo fosse  “C’eravamo tanto amati” oppure come la trattoria di Zia Fernanda, vicino al gazometro a Roma…Zia Fernanda non era propriamente mia zia, era la cognata della mia bisnonna materna – il che rende difficile risalire ai gradi di parentela- e aveva questa trattoria e ricordo ancora le incursioni in cucina a riempirmi i polmoni di profumi (il sugo con gli involtini, l’umido, la coda alla vaccinara…una vita fa)… tornando ad Aveiro, altri ristoranti sono moderni, alcuni anonimi, altri splendidi e caratteristici allo stesso tempo. In ogni caso con la bella compagnia il sapore migliora…certo anche un goccio di vino aiuta.
Pavimentazione
La cucina portoghese può sembrare all’apparenza povera, in realtà è una cucina molto ricca…in aglio, cipolla, olio, uova, zucchero…in ogni caso saporita e che sa sfruttare la purezza delle materie prime, come mi hanno dimostrato tutti i ristoranti in cui ho potuto mangiare.
O Adriano: il primo in cui sono stata, nelle vicinanze del Teatro Aveirense: una sopa de dia calda e confortevole, senza aggiunte di panna o altri addensanti, patate che formano una bella cremina eppoi verze, per secondo ho mangiato il polpo più buono della mia vita, senza esagerazione! Io che non amo affatto i tentacolati e affini, di fronte a quel piatto mi sono ampiamente ricreduta. Servito su un tegame in coccio, con un notevole fondo di olio e aglio in proporzioni praticamente eque, se ne stava al di sopra un polpo a pezzi, ricoperto da sedano e cipolla triti, quando dico ricoperto intendo ricoperto…sapore e morbidezza indescrivibili a parole e si sa che io difficilmente le perdo! Tutto accompagnato da insalata mista con cipolla, ovviamente. Ho fatto un unico errore…non non quello di non essermi portata un prodotto per l’alito, ma quello di aver preso una porzione intera, le porzioni sono davvero abbondanti e spesso i piatti si possono avere a metà porzione, dimensione perfetta per mangiare.
Moliceiros
Seconda sera, stavolta con la meravigliosa compagna di belle persone O Batel, nella piazza del Mercato del Pesce. Very very cozy…dietro una piccola porta e tre scalini ti sembra di entrare dentro una imbarcazione, il calore del legno si unisce alla simpatia di chi ci serve e ci consiglia. Sopa do dia comfort food, tanto per non sbagliare e dopo il principe: il bacalao. Stavolta l’ho diviso a metà con un’altra congressista, Superlativo, arrosto con molto olio e aglio, ogni morso una meraviglia e le patate alla brace la sua anima gemella.Del buon vino bianco e per finire un ottimo bicchierino di vero Porto. Costi assolutamente modici per una qualità ottima.
Dura vita quella del congressista…ed il giorno dopo si ricomincia! E questa volta cena sociale in un posto “in” di Aveiro, una ex fabbrica di ceramiche riconvertita a: ristorante, wine bar, lounge bar con tanto di dj set ( e se ci fosse stata l’odiosa “interior design” di “Cortesie per gli ospiti” avrebbe sproloquiato di ben peggio e di sicuro!...non che gli altri due brillino di simpatia…). Panorama dalla terrazza molto bello, qualità della cucina non elevata, ma quando si è in compagnia…eppoi dopo uno o due bicchierini di Sangria Portoghese, ribattezzata da Camilla, la congressista romana, “il digestivo” per via della presenza di cannella, tutto andava benone…il mattino dopo cominciare con la key lecture e la palpebra calante un vero spettacolo…lo ripeto dura vita quella del congressista, a barcamenarsi tra risk assessment, tiered approaches, popolazioni di diopatre e di molluschi vari.
In giro per Aveiro
Ultima sera sempre al Mercato del Pesce, sempre in ottima compagnia, O Telheiro. Qui per alcuni piatti è meglio essere in tre ad ordinare una porzione, perché sono esagerati! Io ho mangiato un’altra versione della sopa do dia, anche questa molto buona e ricca, e poi ho diviso dell’ottima carne ai ferri con un’altra congressista, la mamma di Irene (questa è un’altra storia, che non devo dimenticare). Eppoi fagioli e patatine fritte, che ho però evitato.
Allora per il senza glutine, partiamo dal principio che molte materie prime sono basilarmente (non voglio utilizzare l’abusato “naturalmente”) senza glutine, altro discorso è la materia prima manipolata (processed food). Allora, quello che posso dire è che il pesce e i frutti di mare sono cucinati solitamente in purezza, senza panature o che altro che possono far pensare a possibili contaminazioni crociate (cross-contaminazioni), se c’è pesce fritto può essere fritto nello stesso olio delle patatine, quindi evitateli. Ricordatevi che per il discorso del protocollo HACCP differenti tipologie di alimenti sono conservati e manipolati separatamente e questo si applica anche per una stessa tipologia di alimento, distinguendo tra manipolato e non.
Per essere chiari
Pesce fritto = manipolato, processed, perché c’è panatura
Baccalà alla griglia o arrosto= non manipolato, not processed, nioente panatura, niente crostine con farina, niente.
Idem per la carne!
Stesso discorso per le zuppe, addensante utilizzato la patata. Le patate sono basilarmente senza glutine. E a volte, anzi molto spesso anche se noi non ce ne rendiamo più conto, ma laddove c’è vera crisi se ne rendono conto, utilizzare materie prime non processate piuttosto che semilavorati è davvero meno costoso. Per i dolci, contenendo latte, non so dirvi, in quanto non ne ho mangiati, ma la frutta era buonissima e senza glutine di certo!
Ah! Il vino e quindi anche il Porto sono basilarmente senza glutine pure quelli ;-).
In giro per Aveiro
Nella piazza centrale di Aveiro, alla confluenza con i canali, vicino al centro informazioni, c’è una erboristeria che è anche punto vendita autorizzato Schaer ma non solo e lo so perché ci ho comperato biscotti e crackers e ha diversi prodotti senza glutine e senza lattosio e altri derivati del latte.
Ci sono dolci artigianali che comunque sono basilarmente senza glutine e ci sono produttori che producono quei tipi di dolci esclusivamente. Il rischio di cross-contaminazioni è più nello stoccaggio e nella manipolazione da parte del compratore, abbiate fiducia. Ad esempio ho comperato delle tortine artigianali tipiche, non di Aveiro, la fabbrica produceva solo quelle, con tanto di scritta che tutto era fatto nel rispetto dell’HACCP e gli ingredienti erano zucchero, uova, mandorle e fagioli. Invece, gli ovos moles sono i tipici dolci di Aveiro, che non ho assaggiato e e che sono una bomba in molti sensi. Sono fatti di varia forma, il guscio esterno è fatto da ostia, l’interno è zucchero e tuorlo d’uovo mescolati fino a raggiungere una densità mostruosa, il ripieno di ogni dolcetto è un tuorlo d’uovo con molto, molto, molto zucchero. Allora l’ostia potrebbe avere del frumento, ma anche no, ma mi fiderei già meno per l’assaggio. So che la crema la servono anche in coppette, ma nelle poche pasticcerie che ho potuto vedere – dati i tempi- ad Aveiro, gli ovos moles sono solo con le ostie.
Perché questo discorso??? Faccio una premessa basilare: per quel che ho visto ad Aveiro e per quel poco che ho visto di Lisbona, l’igiene è molto rispettata, al di là di ogni aspettativa, vi assicuro. In fatto di contaminazioni sono estremamente attenti.
Ritornando sempre al discorso tracce, cross-contaminazioni e dose giornaliera (http://fabipasticcio.blogspot.com/2011/06/contaminazioni-cross-contaminazioni.html), personalmente posso dire di non aver avuto nessun problema durate la mia visita in Portogallo e ho potuto mangiare tranquillamente anche ai pranzi del convegno, dove abbondavano verdure ed insalate, pesce, riso, carne in piatti dove il frumento e quindi il glutine non erano assolutamente presenti. C’erano anche pietanze fritte, ma in vassoi separati e comunque secondo l’HACCP vanno trattati separatamente, quindi il rischio cross-contaminazione maggiore era mangiare patatine fritte, che non c’erano, ma anche ci fossero state le avrei evitate in ogni caso.
Certo, anzi certissimo e sacrosanto è che ognuno di noi sa e conosce la sua sensibilità, quindi fare attenzione è sempre fondamentale (io nel caso delle pastine con mandorle e fagioli mi sono lanciata e non ho avuto nessun effetto collaterale, erano maggiori quelli dell’aglio e della cipolla. Ma fare attenzione ed essere scrupolosi è sempre fondamentale)
Ancora moliceiros nel Canale centrale di Aveiro
E per finire che cosa mi sono riportata indietro da Aveiro oltre ad aver conosciuto belle persone, oltre ad aver ricevuto conoscenze preziose e contatti interessantissimi, oltre a ciò mi porto indietro l’aver conosciuto una bimba stupenda, Irene, che ha due genitori davvero in gamba. Una bambolina di quattordici (o sedici???) mesi dal sorriso ammaliante che non ha ammaliato solo me (notoriamente facile all’ammaliamento), ma un po’ tutti…alla fine ci sentivamo tutti zii adottivi…per me, propormi come zia adottiva è scontato come respirare, non resisto. Eppoi, cosa c’è di più bello che guardare negli occhi, laggiù nel profondo un bambino e scoprirci infiniti universi di infinite possibilità?…se per caso ti venisse qualche dubbio sul perché essere qui adesso – considerato quello che solo oggi è accaduto nel mondo ti riteresti più volentieri in un eremitaggio compulsivo ai confini della realtà conosciuta – lasciarsi prendere da un bambino per mano e guardarlo negli occhi, volendo ascoltare…

“in ogni caso, viva la vita”…nella sofferenza si ama…


18 commenti:

  1. bellissimo resoconto Fabiana, che grande nostalgia del Portogallo mi hai fatto venire

    RispondiElimina
  2. Ciao Dede carissima! Mattiniera!
    Finalmente ho potuto commentare sul tuo blog, blogger me lo impediva giorni fa.
    Il Portogallo è stata una meravigliosa scoperta, lo conoscevo dalle tue splendide foto, andarci ha confermato molte suggestioni e me ne ha fatto ricordare altre...mi basta molto meno che un infuso di tiglio e le madeleines per ricordare e partire in viaggio ;-)

    RispondiElimina
  3. bellissimo post, come sempre del reso.. mai stata in portogallo, mi piacerebbe poter rimediare
    ottimi i consigli gf
    ciao e buona serata

    RispondiElimina
  4. Sono finalmente riuscita a leggerlo con calma. Che bella esperienza e che poesia questi paesaggi!Mi piacerebbe visitare il Portogallo, ma per il momento...altri piani :))

    RispondiElimina
  5. Io ci volevo già andare, ma adesso non vedo l'ora!!! E comunque i popoli che usano una cucina "basilarmente" senza glutine li adoro!!!

    RispondiElimina
  6. ti dirò, il Portogallo non mi ha mai ispirata gran che ma... dopo questo tuo post mi devo ricredere! ci sono un mucchio di cose interessanti: dopotutto, ogni viaggio è una scoperta, ancora meglio se condivisa e raccontata nei minimi dettagli come hai fatto tu ;)

    RispondiElimina
  7. Che bellissima carrellata su tutto quanto è Portogallo,monumenti,opere d'arte,fiori,acque,umanità.

    RispondiElimina
  8. Bel reportage sul Portogallo.
    Buon ferragosto.

    RispondiElimina
  9. Che bello questo viaggetto in Portogallo!Mi sembrava di essere li'!!Grazie per avermi fatto sognare!Un bacione Fabiana!!!

    RispondiElimina
  10. Mai stata in Portogallo e il tuo reportage è, a dir poco, poetico ! Guardi con gli occhi pieni di interesse e...noti le sfumature !!! complimenti !!! Un abbraccione !

    RispondiElimina
  11. Complimenti per questo bellissimo reportage, ricco di foto e non solo! Il Portogallo mi ha sempre ispirato come terra da scoprire..adesso ne ho la certezza: merita proprio di farci un giro!
    Ciao e alla prossima :)

    RispondiElimina
  12. Il post è molto bello, ma tu, dove sei finita?

    RispondiElimina
  13. che foto suggestive, che bel reportage! Fa venire voglia di andarci subito... peccato che qui tra lavoro e danza siamo già inguaiati!!^^

    RispondiElimina
  14. mI SONO ATTACCATA A LEGGERE....CHE BELLO!!!!HAI RACCONTATO PRORIO BENE DI QUESTO VIAGGIO...HAI RACCONTATO TUTTO NEI MINIMI DETTAGLI...MA UNA CURIOSITA',SE NON SONO TROPPO INVADENTE,MA IL CONGRESSO DI COSA PARLAVA?????
    cOMPLIMENTI PER LE FOTO E PER COME TU LE PUBBLICHI....buona vita.... e buona cucina!!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao carissima,è un piacere sentirti.Ho altre ricettine con i fichi d'india che posterò a giorni.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. ciao mai andata in Portogallo, ma vorrei...
    sto benino anche se il ginocchio fa male...grazie del post!

    RispondiElimina
  17. Ciao, bellissimo post, belle foto e scrivi benissimo......
    Mi ha sempre incuriosito il Portogallo, ne ho sempre sentito parlare bene, ed ora ancor di più, speriamo col tempo......
    Baci

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D