martedì 5 aprile 2011

Sformato di asparagi, vere sbrise finte fritte senza glutine senza latte vaccino ... Asparagus Fland and Fried Not Fried Oyster Mushrooms ... due ricette al prezzo di una, con una spolverata di pensieri...

A forza di maneggiar conchiglie per studiarle (e guarda  la concentrazione di metalli, e controlla le proteine e misura qua, e misura là....e magari qualcuno arriva e tutto il tuo lavoro se lo piglia...senza dirti manco bau...), considerata la mia fascinazione per la spirale e la serie di Fibonacci, invece di scenderla la spirale mi sa che ci sono proprio precitata dentro!
E nonostante i miei ammortizzatori, precipitare fa maluccio!
E' passato un po' di tempo dall'ultimo post e il mondo ha continuato a ruotare e a rivoluzionare nello spazio siderale, in compenso le rivoluzioni si son date da fare anche sulla superficie terrestre...
Dulcis in fundo: zapping sui canali sabato pomeriggio e che cosa appare attraverso la nebbia televisiva???
Ma il fantastico spot elettorale di Berlusconi a Lampedusa...campagna elettorale???
Mi sono persa qualche accadimento per strada ohibò???
Ho avuto un abbaglio momentaneo con qualche brivido di troppo...
Lampedusa, una piccola e bellissima terra che orgogliosa sorride al mare...un estate di tanto tempo fa e di tante Fabiane fa ci sono stata... non si può rimanere indifferenti di fronte a lei...a maggior ragione adesso che sembra esser diventata baluardo, avamposto di frontiera per chi prova a lasciar dietro di sè la disperazione...ma a volte braccia, cuore e menti non possono essere di dimensioni infinite...purtroppo...
Ciò che è accaduto e accade a Lampedusa è doloroso, da qualsiasi lato si voglia considerare la cosa...
Certo che tra l'immaginare di avere la bacchetta di Harry Potter e risolvere il tutto ed il discorso di Berlusconi scegliere  è difficile pur ragionando per assurdo...
Tanto per drammatizzare ulteriormente lo stato d'animo, mi mancava la pitturatina di umor nero dovuta al lavoro...come dice lo spot di un programma che si chiama "Paint your life": non esistono colori brutti solo colori mal accoppiati???
Ultimamente sono molto mal accoppiata con il nero, che non è affatto vero che sta bene con tutto...
E' un po' che rifletto sulle fatiche del mio lavoro, su come andare avanti e soprattutto perchè andare avanti...
Cosa mi manca, tacendo del fatto che son sempre precaria?
Non le motivazioni, non il fatto che comunque il sogno che avevo nel cassetto me lo son costruito, anche se da precaria...
Mi manca la chiarezza, la trasparenza , la semplicità e la sincerità dei rapporti umani...e mi rendo conto che tutto questo appesantisce il mio modo di lavorare,  ma soprattutto la mia anima.
...magari mi porrei le stesse domande anche se avessi fatto altro nella vita e anche se non fossi precaria, forse è proprio un turning point della mia vita...decidere se al bivio continuare ad andare dritta o svoltare...destra o sinistra???
...allora deve essere un trivio e non un bivio???...
Tornare indietro lo escludo...è questo percorso che mi ha reso la persona che sono, nel bene e nel male, con i miei limiti, con alcune sovrastrutture scricchiolanti, altre invece belle solide...forse è solo l'ennesima prova da superare...chissà...
E tutti 'sti pensieri girano e continuano a girare dentro la mia testa come le stelle nello spazio siderale...e non girano solo loro!
Allora per distrarmi e soprattutto per allontanare i brividi che mi avevano dato le immagini di Mr. B a Lampedusa, mi sono tappata in cucina a preparare la sopravvivenza per la settimana e mentre preparavo mi è venuta una delle mie solite intuizioni culinarie, che è un modo aulico per dire "una bella ricetta svuota frigo" e mentre cercavo gli ingredienti nel frigo, ho avuto una seconda intuzione culinaria...ovvero altra ricetta svuotafrigo...e quindi mi sono messa all'opera con tanto di valoroso aiutante!
Ecco la prima ricetta svuotafrigo

SFORMATO DI ASPARAGI SENZA GLUTINE SENZA LATTE VACCINO
ASPARAGUS FLAN GLUTEN FREE COW MILK FREE


E' iniziata la stagione e quindi se ne trovano ottimi sia verdi sia bianchi.
Sabato li avevo comprati entrambi e con quelli verdi ero partita per fare la base per un risotto, poi invece ho visto dell'ottima ricotta di pecora che appena aperto lo sportello del frigo mi ha detto "Quando mi cucini?"...
...ho anche pensato che dopo il veder conchiglie et similia ovunque, sentir parlare anche le ricotte non era proprio un buon segno, neanche dar risposte alla ricotta lo è...comunque le ho risposto "subito!"...
... allora INGREDIENTI per questa ricetta svuotafrigo

500 gr più o meno di ricotta di pecora- ah! mi racomando meglio se lasciata scolare un po' dalla sua acqua (ricotta di capra per chi ha una intolleranza secondaria al lattosio è anche meglio!)
3 mazzi di asparagi verdi piccoli, per intenderci quelli che spesso considerano seconda scelta e che invece sono ottimi per i risotti o le frittate (che buone!)
4 uova  extrafresche e anche grandi, di galline allevate a terra non in gabbia e biologiche
2-3 cucchiai di faina Mix It senza glutine (per i celiaci  e le persone gluten sensitive controllare sempre o la presenza della spiga sbarrata o la dicitura SENZA GLUTINE  come da regolamento CE 41/2009)
sale
pepe
abbondante noce moscata - che con la ricotta ci sta divinamente -
scalogni - quanti??? a gusto personale
impanatura De Cecco di solo mais, certificata senza glutine (presente simbolo della spiga sbarrata sulla scatola, in ogni caso controllare sempre che i prodotti abbiano il simbolo e che rispondano alle direttive del sistema sanitario nazionale, ovvero che siano conformi come da regolamento CE 41/2009)

E che cosa ho fatto? PROCEDIMENTO

Ho iniziato dagli asparagi, dei quali cerco di buttare via il meno possibile.
Quindi, li ho lavati, poi come spiegarlo? allora cerco di trovare il punto dove si spezzano facendo un bello schiocco, come ho visto fare in una puntata della Prova del Cuoco, di diversi anni fa.
Poi ho cominciato a tagliare a rondelle i gambi  mettendo da parte alcune punte, parecchie, ho tritato grossolanamente lo scalogno, olio evo, sale dal macinino, pepe dal macinino, acqua q.b e via in padella il tutto finché non è ben cotto.
Deve esserci poco sughetto alla fine.
Le punte le ho saltate a parte, pensando al risotto ma poi son diventate contorno...Mi piace questa mia coerenza culinaria!
Tornando alla ricetta, gli asparagi pronti, li ho frullati con il minipimer per bene, ottenendo una bella cremina, alla quale ho aggiunto tre cucchiai di farina Mix It senza glutine.
Poi ho preso la ricotta, l'ho messa nella planetaria, ho preso la frusta per montare e ho montato la ricotta alla massima velocità, si ottiene lo stesso effetto che passarla al setaccio ma con meno tempo. Poi ho messo in sequenza le uova intere, sale, pepe, noce moscata (io abbondo sempre) e ho fatto di nuovo andare la frusta per montare.
Quando tutto era bello amalgamato, ho aggiunto la cremina di asparagi e ho amalgamato il tutto. 
Mentre andava la planetaria ho "imburrato" con della margarina non idrogenata e con oli vegetali di solo mais una pirofila e spolverata per bene con la panatura di mais.
Infine, ho versato il tutto nella pirofila, ho persino livellato la superficie!
Ho spolverato con la panatura, qualche fiocchetto di margarina e via in forno caldo a 180°C per ...boh...ho aspettato che si formasse una bella crostina dorata e che si gonfiasse il tutto...diciamo almeno 45 minuti...

Ah! Ho usato la funzione ventilata perchè poi ho cotto assieme anche i funghi.

VERE SBRISE FINTE FRITTE senza glutine senza lattosio senza latte vaccino
FRIED NOT FRIES OYSTER MUSHROOMS gluten free dairy free cowmilk free


Che cosa sono le sbrise?
 I funghi pleurotus!
Funghi coltivati non particolarmente sapidi ma che crescono notevolmente, non costano tantissimo, qui si trovano spesso - ma anche la mia mamma li trovava a Roma, ma li cucinava solo in umido -  qui invece li cucinano alla brace, in zuppa, alla griglia...c'è persino la sagra della Sbrisa a Tessera!
Non chiedetemi perchè qui le chiamano sbrise...francamente lo ignoro e questo so che contribuisce ad aumentare l'entropia dell'universo...quindi mi sento a posto con la coscienza.
Venerdì pomeriggio ne avevo comperati ben due pacchi da mezzo chilo ciascuno...per farne cosa??? boh...magari solo per aumentare l'entropia dell'universo...comunque sabato, dovendo farmi passare i cattivi pensieri, mi è venuto in mente che potevo farli impanati ma in forno...e non solo per una cottura sana e con pochi grassi!
Io non sono capace di friggere...è uno dei motivi per cui sono una chaltron cheffa, ma sono molto trasparente e sincera e lo dico (ecco, peccato che esserlo nella vita non sempre paghi :-(((...ma è un'altra storia, quindi torniamo ai funghi).

E che cosa ci serve ora? Ingredienti

Mezzo chilo di sbrise ben lavate, ben separate, intere e ben asciutte
uova extrafresche grandi di galline allevate a terra e biologiche, q.b. quante ne servono per i funghi
menta 
mentuccia
kreuter butter
io uso spesso queste erbe seccate e essendo secche ne metto un po' di più per avere profumo, questo mix di erbe va mescolato con l'uovo
impanatura De Cecco di solo mais, certificata senza glutine  (presente simbolo della spiga sbarrata sulla scatola, in ogni caso controllare sempre che i prodotti abbiano il simbolo e che rispondano alle direttive del sistema sanitario nazionale, ovvero che siano conformi come da regolamento CE 41/2009)
pepe dal macinino
eppoi il fattore x! ovvero l'ottimo aiutante alias un cucciolo di otto anni e mezzo, che vuol fare lo chef, il cui sorriso è il miglior antidepressivo naturale che esista...ok da assefuazione ma anche quella fa bene!
Io e lui in cucina sembravano il duo dei cartoni, quelli dove c'è il mastino o bulldog che fa il cuoco e il kiwi, inteso come uccello, fa l'aiutante...e già questa immagine comincia a far tornare il sorriso, vero?!?

Cosa ho fatto io, a parte intuire il tutto? Procedimento

Ho rotto le uova nella ciotola, ho iniziato con due, poi pepe dal macinino, le varie erbe, una bella mescolata...poi ho pulito le sbrise e le ho ben asciugate, Ale invece a preparato il piatto con l'impanatura.
Una volta pronto Ale ha passato per bene le sbrise nell'uovo e una per una le ha impanate e le ha messe nella pirofila - errore mio non averne presa una più grande, per tenerle belle larghe - . 
Finito di impanare le sbrise, ho messo io la pirofila piena in forno (con qualche fiocchetto di margarina per la doratura), con il forno ben caldo a 180°C e ho lasciato cuocere finchè fossero belle dorate e croccanti fuori e morbide dentro.
Le ho salate poi per evitare che si inumidissero troppo in cottura.
Un particolare delle sbrise


Ci è piaciuto tutto, lo sformato è buono anche freddo e son riuscita a far mangiare gli asparagi anche se così camuffati al cucciolo.
Mi piace la panatura che ho usato perchè resta croccante anche il giorno dopo.
Così, cucinando per approssimazioni ed intuizioni, con sorrisi dell'aiutante, qualche pensiero negativo è davvero sparito e dopo questa mia "ciacolata" di sfogo, penso che 'sto nero potrei sopportarlo per un altro po' e vedere che succede...
I momenti no purtroppo ci sono e bisogna che me li porti a spasso lo stesso, sperando che non siano la norma...ma come la pioggia si alterna al sole in primavera, un sorriso, un fiore e in tanto nero spunta un puntino bianco: un flebile raggio di sole. Si può cominciare anche così? ...


Buonanotte...domani è un altro giorno... si vedrà...

6 commenti:

  1. le tue riflessioni sono sempre interessanti fabiana.
    sul precariato nella ricerca io non ho più parole, lo trovo semplicemente allucinante che ricercartori ormai "fatti" siamo ancora lì costretti a cercare borse, assegni e post-doc, contratti a termine e a progetto, non ha senso, è lesivo dell'umana dignità e, se vogliamo metterci dal "loro" punto di vista, non giova per niente alla produttività e alla valorizzazione di quello che c'è nel paese. è solo un tirare a campare che non produce niente di buono. né per i precari ma nemmeno per la collettività.

    per il pranzo, che delizia!

    RispondiElimina
  2. la cosa più brutta è che cominciamo a farci le scarpe tra noi, la guerra dei poveri è la peggiore...è questo che credo mi faccia star male più di tutto il resto, più delle scadenze pressanti accompagnate da non futuro, più delle ore fuori casa accompagnate da non futuro, più del fatto che invecchio accompagnata da non futuro...mi chiedo troppo spesso se sono una povera illusa non perchè vivo di precariato ma perchè credo nel rispetto e purtroppo in questi momenti non ce n'è...
    e comunque grazie per i complimenti! Sempre troppo buona :-*

    RispondiElimina
  3. i tuoi pst son per me sempre fonte di riflessione... amara, ma pur sempre riflessione

    ricetta sbrise fantastica! io mi limito a metterli al forno con olio e pepe...

    affettuosità

    V.

    RispondiElimina
  4. @ Vale non voglio renderti la vita amara :-*

    RispondiElimina
  5. Hai fatto proprio delle belle ricette con gli asdparagi!!! complimenti,cara!!!
    Un bacio
    Raffa

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D