lunedì 30 gennaio 2017

Pane alla maniera di Paul Hollywood con grano saraceno e Licoli senza glutine senza lattosio senza proteine del latte


“Cough Cough…”

Et voilà!”dice la mia voce a bitchy.

“Cough…cough…scusa ma che stai combinando? Cough…” dico io

“Sto facendo arieggiare questo posto, sto spolverando, togliendo qualche ragnatela…ehi, lo hai trascurato un bel po’ questo posto” risponde la mia voce a bitchy.

“Effettivamente…cough…cough…ma potresti cortesemente smettere di agitarmi quel piumino pieno di polvere sotto il naso!” dico io.

“Quel piumino pieno di polvere era il mio boa di piume blu, sii rispettosa! Anzi, già che ci sei, mettiti al lavoro anche tu, pigrona! - ribatte la mia voce a bitchy – Mica vorrai che faccia tutto io! Qua bisogna ricreare l’atmosfera…il mood…la scrittura…”

“Il forno!” dico io.

“Eh, ho capito che tu e lui avete un feeling intenso, ma mica puoi abbandonare questo angolo all’impeto degli eventi? Non sei mai stata una vera blogger, ma almeno riappropriati di quella briciola di blogging che c’è in te…ovviamente sempre free from” continua la mia voce a bitchy, imperterrita.

“Eh? Devo spegnere il forno che altrimenti si brucia il pane…e per una volta mi piacerebbe anche dirti che se spolverassi e sistemassi tutto tu, ti darei una bella fetta di pane fresco con dell’ottima marmellata di arance” - rispondo -“… ma siamo nel periodo ipotetico dell’irrealtà”.

“Con tutta la fatica che ho fatto finora, è il minimo che tu serva un piccolo rinfresco per rinfrancarmi e poi via a lavorare. Basta impigrirsi”. Ribatte la mia voce a bitchy.


Torto non ha, considerato che negli ultimi mesi ho mollato il timone del blog e siamo andati avanti per inerzia. Ma ci son state altre priorità, alcune belle, alcune meno, alcune più ricreative di altre, come ad esempio la trasformazione del mio lievito madre in li.co.li o licoli, sempre senza glutine senza lattosio e senza altro.

Per portare a buon fine questa trasformazione ho seguito i consigli di Olga di Un cuore di farina senza glutine.

Così, il mio lievito madre che si era impigrito si è fatto un bel lifting ed è tornato giovanissimo, effervescente e attivo.

Nella trasformazione si è anche aggiunta la farina di castagne, che ha dato al mio licoli ancora più profumo.

Dopo la trasformazione, ho voluto immediatamente provare a panificare e vi presento il risultato di questo primo esperimento, con il quale partecipo anche alla raccolta di Panissimo#47, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da Cakes and Co.



Pane alla maniera di Paul Hollywood con grano saraceno e Licoli
senza glutine senza lattosio senza proteine del latte
Paul Hollywod’s Basic Bread with buckwheat and Liquid Sourdough (Licoli)
gluten free dairy free milk proteins free


Ingredienti

Per una pagnotta



400 g Mix B Schaer

140 Mix One per pane senza glutine senza lattosio

120 g di farina di grano saraceno Molino Rossetto

450 ml di latte di soja tiepido

100 ml di acqua tiepida

290 g di licoli alla castagna appena rinfrescato

10 g di sale

Farina di riso per lo spolvero



terrine, spatole, ciotola della planetaria Kenwood, frusta a gancio, cucchiai, carta forno, alluminio per alimenti, griglia per dolci per raffreddare, canovaccio pulito


* ancora una volta ricordo che: per i celiaci e le persone gluten sensitive bisogna accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA  o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 609/2013, da Decreto 17 Maggio 2016, da Decreto Veronesi dell'8 giugno 2001 e nota del Ministero della Salute prot. 600.12/A32/2861. Per ulteriori informazioni sulla legislazione invito alla lettura di questo articolo Inoltre, per ulteriori informazioni leggere anche qui e non dimenticare mai il discorso sulle tracce contaminazioni e cross-contaminazioni. Per il lattosio e le proteine del latte controllare sempre le etichette e le diciture in esse presenti.

Procedimento

Pesate le farine necessarie direttamente nella ciotola del Kenwood o di altra planetaria.

Poi, aggiungete il licoli alla castagna appena rinfrescato e aggiungete anche il mix di latte di soja e acqua tiepidi.

A questo punto, con la frusta a gancio e a bassa velocità impastate il tutto.

Quando vedete che è ben amalgamato, aggiungete il sale e continuate ad impastare aumentando la velocità.

Poi, mettete l'impasto in una terrina capiente, coperto da alluminio per alimenti; lasciatelo riposare 1 h a temperatura ambiente e poi una intera notte in frigo (circa 12 ore).

Dopo, togliete l'impasto dal frigo e lasciatelo riposare a temperatura ambiente, meglio nel forno con la luce accesa, per almeno 3 ore (anche quattro vanno bene).

Procedete poi alla formatura del pane.

Rovesciate l’impasto su di un piano infarinato e dategli una forma arrotondata, aiutandovi con una spatola.



A questo punto preriscaldate il forno a 250° C e lasciate che il pane lieviti ancora.

Quando il forno ha raggiunto la temperatura, spolverate la pagnotta con farina di riso e con il coltello di ceramica fate una bella croce sulla superficie.

Infornate quindi il pane, avendo cura di abbassare la temperatura a 210°C per 15 minuti; dopo 15 minuti abbassate la temperatura a 200 °C e cuocete il pane per altri 30-40 minuti. Per controllare la cottura, con le nocche bisogna bussare sul fondo per sentire se suona vuoto.

Una volta cotto, mettete a raffreddare il pane su una griglia per dolci.

Poi gustatelo!

Enjoy!


7 commenti:

  1. Ce l'ho fatta! Sono riuscita a venire a leggermi questa bella ricetta. Sei stata bravissima, hai fatto proprio un bel pane. Dai che vi aiuto a fare la polvere ...

    RispondiElimina
  2. Complimenti questo pane è fantastico. Sono contenta che tu abbia dato una bella spolverata al blog e sia tornata con questa bella ricetta che è finita dritta dritta nel paniere di Panissimo.

    RispondiElimina
  3. io a te ti darei un bacio in fronte! sei proprio brava Fabiana, senza glutine..... ma bravissima!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao carissima che bello ritrovarti
    è magnifico questo tuo pane!!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Ciao carissima che bello ritrovarti
    è magnifico questo tuo pane!!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. e questo li.co.li? bisogna che ci provi anch'io, è bellissimo!!!
    davvero brava!!!!

    RispondiElimina
  7. Mi dirai che sono un cuoco da poco ma preferisco comperare del pane bio dedicandomi ad altre ricette. Forse a settembre sarò a Venezia ( salute permettendo )per fare da guida ad un amico che mi ha molto aiutato in occasione della frattura alla spalla destra e, naturalmente, per rendere visita alla mia famiglia. La ricetta e la relativa descrizione per realizzarla sono ottime. Bona domenega.

    RispondiElimina

Ogni commento è graditissimo, ma i commenti anonimi saranno eliminati, sorry :-(.
Tornate a leggere le risposte, perchè dialogando si cresce insieme. A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D