giovedì 3 gennaio 2013

Cake Elena all'arancia senza glutine senza latte vaccino senza lattosio...Orange Cake Elena gluten free dairy free cow milk free da una donna per le donne, per iniziare l'anno con un pizzico di dolcezza ♥

E' arrivato il nuovo anno, con il sole...e ieri è piovuto, ma meteorologicamente parlando...il sole bisogna che ce lo portiamo dentro. 
Un'amica e collega ha detto che le piace questo mio ottimismo...ma io non sono ottimista.
Dopo aver attraversato diverse fasi di pessimismo, sono realista, ma con un bel sacchetto di speranza, ben conservata nonostante tutto e tutti (ed entrambi si son messi e si mettono spesso di buzzo buono a rovinarmi la festa)...

L'anno nuovo si è portato il suo carico di avvenimenti e tra questi mi ha colpito la scomparsa di Rita Levi Montalcini, una donna, una persona, un essere umano di grandezza e non solo perchè le è stato conferito il Nobel.
Tramite Facebook sono venuta a conoscenza di una sua frase «Due cromosomi X rappresentavano una barriera insormontabile per entrare alle scuole superiori e realizzare i propri talenti » (da Elogio dell'imperfezione).
Quanta verità c'è ancora oggi in questa frase?
Tanta...sebbene i due cromosomi omologhi non rappresentino più una barriera per accedere alle superiori,  la rappresentano per la realizzazione completa dei propri talenti...
Se così non fosse non dovremmo sorbirci ANCORA vuoti luoghi comuni sulla provocazione dovuta a scollature, spacchi, minigonne (per tacer completamente del buon gusto), non dovremmo assistere ai bollettini di guerra sui quotidiani, l'ultimo in ordine di tempo l'ho letto ieri sera - un fatto accaduto a Como -, senza dimenticare i bollettini internazionali, adesso è la volta dell'India, ma domani potrebbe essere la Cina, piuttosto che l'Africa centrale o gli USA...
La difficoltà di essere donna oggi come cinquanta anni fa o cento anni fa c'è ancora tutta, sono cambiati gli strumenti  e le modalità di allontanamento, ma di fatto una donna è spesso un essere umano senza voce e senza parola.
...ancora oggi essere donna nel mondo del lavoro - e potremmo allargare il discorso a tutti i mondi possibili - significa faticare il doppio per ottenere quando va bene la metà di quanto ottiene un uomo...concetto di persona, di essere umano, di diritti???
Temo che l'entropia dell'universo abbia trovato espressioni e situazioni migliori per aumentare se stessa.
Non hai idea, caro lettore e cara lettrice, di quanto vorrei essere contraddetta al riguardo...
La pioggia caduta tutto ieri si è portata dietro la nebbia, l'umidità, l'uggia, ma dobbiamo avere il sole dentro e cosa c'è di meglio che una torta per ravvivare questo sole? Ed ecco la

CAKE ELENA
senza glutine senza lattosio senza late vaccino
Cake Elena
gluten free dairy free cow milk free


Il nome gliel'ho dato io, eh già l'ho battezzata ;-).
Perchè Elena?
Perchè questa torta me l'ha fatta conoscere una collega, intollerante al latte e al lattosio, che nel portare dolci al lavoro per festeggiare il suo compleanno ha pensato anche a me.
Se quel giorno non le ho reso giustizia come dovevo - una giornata assolutamente no, un giorno che si era messo il vestito del "troppissimo lunedì" in pompa magna -  dopo essermela gustata a casa, ho voluto rifarla e rifarla!!!
Quale modo migliore per onorare Elena, bravissima cuoca dai gentili pensieri?
Per dirla tutta Elena mi aveva pure dato la ricetta, ma io ovviamente ho smarrito l'appunto...altrimenti che chaltron woman sarei ;-), però ho trovato nei miei libri di cucina la ricetta, dico libri perchè l'ho ritrovata sia nel libro italiano "Muffin e Dolcetti" sia in un libro tedesco, "Backen" o qualcosa di simile.
Da bravissima chaltron woman l'ho ovviamente rifatta con qualche piccolo cambiamento. Questa torta nasce già senza glutine, senza latte vaccino, senza lattosio, ma è sempre bene avere qualche accorgimento per i celiaci, i glutensensitive, gli intolleranti in generale.


Ingredienti ovvero cosa diamine ci ho messo

2 arance naturali, non trattate - mi raccomando non trattate, perchè a parte i semi dell'arancia non si getta via nulla;
280 g di mandorle tritate, meglio se metà con la pellicina e metà senza per avere una maggiore granulosità che è essenziale per la riuscita della torta§;
300 g di zucchero semolato;
1 cucchiaino di vanilla bourbon§;
3 cucchiaini di Cointreau - Grand Marnier andrebbe bene lo stesso, ma io preferisco il Cointreau, che è il triple sec all'arancia più diffuso, mentre il Grand Marnier ha una base di vari cognac con essenze di arancia;
6 uova medie extrafresche BIO (di solito uso la cat. O, ma anche la cat. 1 con solo mangimi naturali);
1 cucchiaino di cremore+bicarbonato§
zucchero a velo§
kumquat, chicchi di uva, salsa ai frutti di bosco e caramello per guarnire

§ per i celiaci e le persone gluten sensitive: accertarsi sempre che ci sia o la SPIGA SBARRATA o l'apposita dicitura SENZA GLUTINE come da regolamento CE 41/2009 e non dimenticare mai il discorso sulle tracce e cross-contaminazioni.


Procedimento ovvero come diamine ho fatto

Innanzittuto le due arance vanno cotte, devono essere poste in una pentola capiente, ben ricoperte di acqua e cotte finchè saranno morbidissime, ma non sfatte (dalla bollitura almeno altri 40 minuti). Per tenerle sempre sommerse, meglio coprire la pentola con un piatto. Poi le arance vanno scolate, tagliate a fette, vanno eliminati i semi e devono essere lasciate raffreddare. 
Più raffreddano e meglio è.
Accendere il forno e lasciarlo scaldare a 180 °C. 
Una volta freddate, le arance vanno frullate - ho usato il robot del mio Ken -  e la crema così ottenuta va poi posta in una terrina capiente. 
Dopo aver pulito il robot, con 150 gr di zucchero ho frullato sempre al suo interno i 280 g di mandorle. Ho aggiunto il restante zucchero alla crema di arancia, alla quale ho aggiunto una per volta le uova intere, poi ho aggiunto la vanilla bourbon ed infine le mandorle tritate. 
Dopo aver ben mescolato il tutto ho aggiunto il lievito ed infine il Cointreau.
Per le teglie ho utilizzato la carta forno; con questa dose si riempiono una teglia da 20 cm e una da 24. La torta va cotta per almeno 50 minuti o finchè si stacchi dai bordi e sia ben soda. Io le ho cotte insieme e ho usato la funzione "forno ventilato" e ovviamente una si è cotta prima dell'altra.
Le ho fatte raffreddare bene prima di toglierle dallo stampo.
Una volta sformate, le ho guarnite con zucchero a velo § e con frutta caramellata - il caramello lo faccio io, a naso da perfetta chaltron woman, e cerco di non scottarmi quando immergo la frutta al suo interno, ma spesso accade il contrario...che debba impegnarmi meglio nello scottarmi, così per la psicologia del contrario avrei salvi i polpastrelli???
Questa torta l'ho rifatta per portarla ad una cena con amici e l'ho fatta di nuovo per la cena di Capodanno.


La prima volta l'ho decorata solo con i kumquat e l'ho accompagnata con la mia salsa di frutti di bosco, quella che faccio di solito ( frutti di bosco, zucchero q.b, limone spremuto e alla via così, ci si mette meno a farla che a dirla...)


Per la cena di Capodanno spolverata di zucchero a velo§, qualche stellina e oltre ai kumquat anche chicchi di uva, per la tradizione ;-). 
Nel libro in italiano consigliano di accompagnarla con frutta e panna. 
Può sembrare eccessivo il contrasto frutti di bosco (caldi o tiepidi) e l'arancia, ma non è così...



La torta resta morbida, umida e profumata per qualche giorno e fa molto festa di Natale!
Nonostante i dolci natalizi, è stata assaggiata dagli amici in entrambe le cene e non ha affatto sfigurato.
Con semplicità e velocità a volte si ottengono cose meravigliose.
Io me la immagino anche con del cioccolato fondente  a filo...;-) :-D. 
Mi toccherà rifarla???

Come accompagnamento di questa torta consiglio due libri di Alan Bennet, due libricini meravigliosi che l'Adelphi fornisce in copertina rosa shocking: La Cerimonia del Massaggio e La Signora nel Furgone
A me sono piaciuti entrambi, li ho praticamente divorati - pur trattando argomenti così diversi.
Alan Bennet ama mettere a nudo le crepe, i difetti, le imperfezioni che la società invece vuole assolutamente nascondere...un grande cinico o castigatore? no, un attento osservatore che ha poi slanci di cuore (l'adozione della signora e del suo furgone e di tutto quello che ne segue), senza assolutamente scadere nel melenso, nel già visto.

Oggi si lavora e si biscotta e mi godo la famiglia...serena giornata a voi! Se passate di qua, una fetta di torta ed un caffè e più di quattro ciacole ci sono sempre!


serena giornata a tutti ♥♥♥

Sting - Soul Cake

25 commenti:

  1. Tutto stupendo cara Fabi, mi viene l'acquolina in bocca, un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Volevi il sole? E' arrivato! Ma anche la tua torta è solare (l'ho pensato appena ne ho intravista l'anteprima su FB!).
    Serena giornata a te, e chissà che non passi di là prima o poi... Oppure passi tu, no? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Tomaso grazie, ricambio l'abbraccio
      @ Dona te l'ho detto e te lo ripeto: s'ha da organizzarsi seriamente con esporto di torte e co. Buona Epifania!

      Elimina
  3. ciao buon 2013 a tutti voi...baci!

    RispondiElimina
  4. Grazie come sempre per il commento e per le belle riflessioni...io donna...del Sud,come non potrei concordare con te...Ho due figlie "femmine" e sai cosa insegno loro???Di essere libere sempre,di non scendere mai a compromessi,la liberta'la si puo' avere solo se la conquisti con il rispetto....E di dire sempre la propria opinione anche se spesso si e' controcorrente...Io sono fatta cosi',ho pochi amici,per il carattere che mi trovo,ma per chi mi conosce mi ama e mi rispetta....come dire sono abituata a puntare sulla qualita' e no la quantita'....Oggi a Napoli.... c'e' una bella giornata di sole...ahime'pero' non posso uscire ho un po' di bronchite.....ma vabbene lo stesso!!!!!?????Si asciughera' prima il bucato!!!!!HII!!!!!!Buon tutto e buona befana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Antonietta buon 2013 anche a te e buona Epifania!
      @ Raffaella - Graal bisogna davvero insegnare ancora oggi alle generazioni di future donne ad avere più rispetto delle proprie opinioni e dei propri pensieri e non con un sentire "maschile" ma con un sentire da persone, che è altro piano! Passata la bronchite??? Baci Baci ♥

      Elimina
  5. questa cosa di far cuocere le arance mi fa impazzire!e considerato che abbiamo una produzione notevole di arance...la faremo senza dubbio.Per il resto, da donne, non possiamo che condividere il tuo pensiero...la cosa più brutta è che ci spacciano come evoluta la nostra società e anche i comportamenti che possono sembrare tali, nascondo dietro un maschilismo perverso. Un bacione e ancora buon anno a te e alla tua famiglia.

    p.s:ovviamente prima o poi accetteremo l'invito!:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista la meraviglia di arance che vi ritroverete per mano, questa torta, marmellata, orange curd e so che vi inventerete meraviglie! L'invito non scade mai ;-).
      Il maschilismo che serpeggia ancora...vero, ma mica possiamo darci per sconfitte? FUORI QUESTIONE :-)

      Elimina
  6. Mi incuriosisce il sapore di questa torta con le arance, dev'essere uno spettacolo, mi sembra di sentire il profumo... sai che ti dico? la segno, ma devo prima smaltire un pò di dolci natalizi! E' sempre un piacere passare da te carissima Fabiana! Un grandissimo abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. Buon anno e buona Epifania, carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Sara ma tu impasti sempre e meravigliosamente, nelle tue mani potrebbe diventare davvero di tutt. Ricambio l'abbraccio di vero ♥
      @ Eu ricambio tutto e di ♥!

      Elimina
  8. Ciao è iniziata la mia nuova raccolta che vede come protagonista la ricetta più clikkata o commentata del 2012 di ogni blog...mi farebbe piacere se partecipassi anche tu!! a presto

    http://triplocioc.blogspot.it/2012/12/eat-paradela-raccolta.html

    RispondiElimina
  9. Alcune cose non cambieranno mai cara Fabi, soprattutto in Italia!
    Stupenderrima la tortina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Lisa i cambiamenti li vedono le generazioni future, che vanno educate ad essere futuro e non passato! Cipolline in progress ;-)

      Elimina
  10. Proprio una bella giornata!!!Questa torta deve essere meravigliosa, mandorle e arancia,un'abbinata eccellente...Comunque non lo dire due volte che io per caffè e torta arrivo subito!!!!Ma sono certa che ci troviamo per Mestre......casualmente!!!Ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Organizziamo, organizziamo, organizziamo!

      Elimina
  11. CiaoFabi!

    Passerei davvero ad assaggiarla anch'io!
    Quindi gli ingredienti comuni sono mandorle, zucchero, uova, nessun tipo di farina! Molto bene, ci provo anch'io, è un tipo di dolce che mi piace molto!
    Come il solito hai fatto il tuo percorso autoironico, simpatico, culturale...uno stile che ti contraddistingue!

    Rinnovo gli auguri a te e famiglia, che sia un anno sereno e con salute!

    RispondiElimina
  12. Una vera delizia!!! Complimenti per tutto e buona Epifania!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ivana ci sono ricette che nascono senza farina, senza latte, senza lattosio, quindi cucinare senza lo può fare chiunque :-D certo bisogna stare attenti alle cross-contaminazioni, ma cucinare bene, anzi ottimamente e senza senza senza si può! Buona Epifania anche a te!
      @ Paola grazie e buona Epifania anche a te

      Elimina
  13. Ciao Fabi!!!!!!!! Amo particolarmente i dolci semplici, preparati con pochi ingredienti... di qualità!!! Non vedo l'ora di provare la tua ricetta!!! Colgo l'occasione per Augurarti un Anno Sereno e Gioioso!!!!
    Tanti baci e a presto!!!!!

    RispondiElimina
  14. Grazie per essere passata a trovarmi,ti abbraccio e mi prendo una fetta di questa dolce torta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Lory la semplicità e la qualità sono gli ingredienti che non devono mai mancare in cucina, anche se è una chaltron cucina come la mia! Buona Epifania e a rileggerci prestissimo ♥
      @ Mariabianca Buona Epifania e a rileggerci presto :-)

      Elimina
  15. Ricetta strepitosa, evviva i frutti di bosco!

    RispondiElimina
  16. * Grazie per questa deliziosa ricetta che copierò senz'altro... in questo periodo (causa test x accertamenti) sono alla ricerca di ricette senza glutine, senza latte, senza lattosio ;-(
    * * Grazie per la bella continuazione alla mia favola
    Tante giornate piene di sorrisi
    nonnAnna

    RispondiElimina

Grazie! ogni commento è graditissimo e tornate a rileggere le risposte ;-) Buona lettura e a rileggervi presto